"Non dubitare che un gruppo di cittadini impegnati e consapevoli possa cambiare il mondo: in effetti è solo così che è sempre andata" (Margaret Mead)

Quello che fai per te stesso morirà con te,quello che fai per gli altri rimarrà per sempre


Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

venerdì 9 marzo 2012

Il Capitolo Cattedrale ha due nuovi Canonici


Basilica Cattedrale - Piazza Armerina

 Essendo venuti a conoscenza della nomina di due nuovi Canonici del Capitolo della Cattedrale, abbiamo chiesto a mons. Antonino Scarcione, Prevosto della Basilica Cattedrale di comunicarci i due nominativi, e le motivazioni che hanno indotto il Vescovo mons. Michele Pennisi alla loro nomina.

Il Capitolo Cattedrale, regolarmente riunito, dopo aver osservato un minuto di silenzio e di preghiera in ricordo e suffragio di Mons. Emanuele Cassarà e di Padre Giulio Scuvera, a seguito di ampia e serena discussione, ha deliberato di designare due nuovi Canonici: Padre Giuseppe D'Aleo e Padre Lino di Dio.


mons. Antonino Scarcione

 Rispettivamente, il primo con la motivazione seguente: "si è distinto nella pastorale parrocchiale e della città di Mazzarino e si è impegnato, recentemente, nell'animazione degli incontri formativi dei giovani sacerdoti e dei loro familiari"; 
il secondo con la motivazione: "svolge il ruolo di componente dell' Ufficio Liturgico Diocesano e la mansione di Vice-Cerimoniere nelle solenni celebrazioni in Cattedrale e, attualmente, espleta lodevolmente il delicato compito di Segretario Vescovile."

 Il Vescovo, quindi, con apposita nota dell' 1 marzo 2012, ha nominato gli stessi Canonici della Cattedrale, con tutti i diritti e i doveri, previsti dall' art. 3 par.1 dello statuto.

 Infine alla nostra domanda, da quanti Canonici deve essere costituito il Capitolo della Cattedrale, mons. Scarcione ci ha risposto: il numero dei Canonici deve essere di 24 componenti regolamentari, con la nomina di  Padre Giuseppe D'Aleo e Padre Lino di Dio, il capitolo risulta così rappresentato nella sue interezza.

                                                                                                       Filippo Rausa

Nessun commento: