"Non dubitare che un gruppo di cittadini impegnati e consapevoli possa cambiare il mondo: in effetti è solo così che è sempre andata" (Margaret Mead)

Quello che fai per te stesso morirà con te,quello che fai per gli altri rimarrà per sempre


Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

sabato 14 aprile 2012

Il dramma della follia, pensionato muore d'infarto dopo una lite


I coniugi Belfiore nel giorno
del 50°anniversario di matrimonio

Questa è una di quelle storie che non vorremmo mai raccontare, storia di ordinaria follia o di follia ordinaria, perpetrata da un giovane uomo di 41 anni Salvatore Nicotra, pregiudicato per reati di droga, e l’anziano signor Angelo Belfiore, che è morto a distanza di alcune ore dall'aggressione.

Giovedì 12 aprile, nel corso del pomeriggio, secondo gli inquirenti tra i due era scoppiata la bagarre per futili motivi, quando l'aggressore ha colpito brutalmente l'anziano e poi ha aggredito la moglie della vittima, accorsa in aiuto del marito.

A quanto pare il Nicotra, nel corso della lite ha sferrato un brutale colpo con una stampella sul capo del signor Belfiore, lasciandolo per terra sanguinante, fermato successivamente da alcuni passanti, è stato dato soccorso al sig. Belfiore, portato immediatamente in ospedale, dove inizialmente gli è stato riscontrato un trauma cranico.

Ma la situazione è precipitata a distanza di alcune ore dall'aggressione. Il pensionato, dopo essere stato medicato, è morto per un infarto e adesso la posizione di Nicotra è al vaglio del Pm della procura di Enna, infatti a suo carico si potrebbe profilare l'accusa di omicidio preterintenzionale.

Questa storia, diventata subito di dominio pubblico, ha lasciato sgomenti i quartieranti, per l’accanimento che il giovane uomo ha avuto nei confronti dell’anziano signor Belfiore conosciuto un po’ da tutti nel quartiere.

Al di là delle possibili ragioni tra le parti, sono in tanti coloro che hanno espresso risentimento per questa incresciosa vicenda che vede molti giovani, spesso e volentieri, mancare di rispetto alla popolazione anziana e come in questo tragico caso scagliarsi contro per imporre le proprie futili ragioni che certamente non possono valere il costo di una vita.    

Il sig. Angelo Belfiore e la moglie Salvatrice Diana il 3 giugno scorso avevano festeggiato il loro 50° anniversario di matrimonio, alla presenza dei cinque figli Daniela, Sergio, Rosetta, Patrizia e Lucia.

A loro tutti va il nostro cordoglio per la tragica perdita del papà.

                                                                                                      Filippo Rausa

Nessun commento: