"Non dubitare che un gruppo di cittadini impegnati e consapevoli possa cambiare il mondo: in effetti è solo così che è sempre andata" (Margaret Mead)

Quello che fai per te stesso morirà con te,quello che fai per gli altri rimarrà per sempre


Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

venerdì 22 giugno 2012

La cappella dell’Annunciazione ospiterà le spoglie mortali di due Vescovi


il cantiere nella cappella dell’Annunciazione
 Da qualche settimana nella Basilica Cattedrale sono stati avviati i lavori nella cappella dell’Annunciazione, che prevedono la risistemazione dell'altare in marmo policromo, lo scavo per portare alla luce i resti mortali del Vescovo mons. Cesare Agostino Sajeva, e la sua successiva tumulazione, con la creazione su un lato dell’altare di un monumento/lapide funeraria.
Come ben ricorderete tutto ebbe inizio ha seguito del nostro intervento (mese di gennaio 2011), volto a scoprire ove era tumulata la salma di mons. Cesare Agostino Sajeva, IV vescovo della Diocesi di Piazza Armerina vissuto a cavallo dei moti risorgimentali e l’Unità d’Italia.
cappella dell’Annunciazione il quadro del Vescovo Sajeva
posto nel luogo dove era stato tumulato nel 1867

http://www.quartieremonte.com/2011/02/mons-cesare-agostino-sajeva-il-vescovo.html
Mons. Sajeva ritenuto un vescovo filo borbonico, si era attirato le antipatie dei patrioti liberal massoni a tal punto che dopo la sua morte, avvenuta il 14 febbraio 1867, per prevenire paventate profanazioni, era stato sepolto nottetempo dai canonici,  in Cattedrale, in un sito segreto, individuato, nel corso del mese di marzo 2011, grazie al supporto di antichi documenti d'archivio della Basilica Cattedrale.
 
Nella cappella dell’Annunciazione, sul lato opposto all’altare, troverà posto anche mons. Vincenzo Cirrincione, X vescovo di Piazza Armerina (1986-2002), finalmente verrà data loro una degna sepoltura, dichiara il Prevosto della Cattedrale mons. Antonio Scarcione, tutto ciò è un dovere di riconoscenza e di gratitudine da parte della Città, per il prezioso servizio, reso, dai due vescovi, alla comunità diocesana in momenti drammatici e/o quando bisognava calare nella nostra realtà le grandi idee del Vaticano II.

                                                          Filippo Rausa
                                                                                                                   

1 commento:

Anonimo ha detto...

A parte le Sepolture, finalmente si restaurerà la cappella che fino al principio dei lavori si trovava da ani in un vergognoso stato di abbandono.