"Non dubitare che un gruppo di cittadini impegnati e consapevoli possa cambiare il mondo: in effetti è solo così che è sempre andata" (Margaret Mead)

Quello che fai per te stesso morirà con te,quello che fai per gli altri rimarrà per sempre


Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

domenica 24 giugno 2012

La Domenica con Gesù, Natività di San Giovanni Battista

……… per tutti coloro che desiderano lasciarsi guidare dalla Parola di Dio: un commento per meditare e per prepararsi alla Liturgia della Santa Messa domenicale.

I Lettura. "...Il Signore dal seno materno mi ha chiamato...Ha reso la mia bocca come spada affilata..." Is 49, 1-6
II Lettura. "...Io non sono quello che voi pensate !... Viene dopo di me uno, al quale io non sono degno di slacciare i sandali..." At 13, 22-26
Vangelo. "...Domandarono con cenni a suo padre...egli scrisse "Giovanni è il suo nome"... Lc 1, 57-66. 80


Il testo evangelico ruota attorno a Zaccaria, Elisabetta e al figlio Giovanni. Elisabetta e Zaccaria sono due anziani dalla spiritualità, nutrita dall' ascolto della parola di Dio e dall'irreprensibile osservanza della legge.
 Mentre Elisabetta interpreta la nascita del figlio come manifestazione della misericordia di Dio in lei; Zaccaria, invece, inizialmente incredulo, ora mostra di aver superato l' incredulità.
 Entrambi sono concordi nel dare al bambino il nome "Giovanni", che significa: " Dio fa grazia". Il bambino porterà, quindi, il nome proposto dal Signore e rifletterà la storia di un progetto più grande.
 Nella disputa sul nome non è in gioco solo una piccola bega familiare, ma si confrontano due modi di vedere la vita: quello di chi si limita a registrare i fatti che accadono e quello, invece, di chi ha scoperto che la vita e la storia degli uomini sono guidate e orientate da Dio.
 Il clima di fede, che avvolge la casa di Zaccaria e di Elisabetta, si manifesta anche nell' osservanza della pratica della circoncisione, segno che il nuovo nato entra nell' alleanza di Dio e partecipa delle benedizioni, di cui il popolo di Abramo è depositario.
 Appena Zaccaria recupera l'uso della parola, loda Dio, fondendo insieme due aspetti: la lode al Dio di Israele e la profezia sulla vocazione speciale riservata al bambino.
 " Che sarà mai di questo bambino? ", si chiede la gente. La vita di quel bambino è ancora tutta da "inventare" ; quello  che si sa è che Dio si aspetta cose grandi da lui, ma che cosa, è ancora ignoto. Serve certamente una lunga preparazione, prima che possa presentarsi a Israele, come il rude e affascinante profeta del deserto.
 Del Battista sappiamo solo che anche lui ha avuto bisogno di rafforzamento interiore, prima di parlare a nome di Dio; soprattutto di una lunga "familiarità" col deserto, che tanta parte avrà nella sua predicazione.
 " Diceva Giovanni sulla sua missione: Io non sono quello che voi pensate ! Ma ecco, viene dopo di me uno...: Così,  Luca sintetizza la vita e la predicazione del Battista. Del resto, la definizione più classica, con cui è conosciuto, è quella di "precursore". Una corsa, che non mira al premio del primo posto, ma soltanto di giungere alla meta, per dire: " Non io,ma viene dopo di me uno ". Giovanni indica il Messia; egli è uno dei personaggi più popolari della Chiesa e merita anche oggi una grande attenzione: è stato certamente grande per il rigore morale, che lo ha caratterizzato, ma, in primo luogo, per la sua vocazione ad indicare la presenza di Gesù.
Giovanni Battista bettezza Gesù
 Chi è stato Gesù per il Battista? Con il quarto vangelo, si può dire che Giovanni Battista ha guardato Gesù come il supremo e definitivo rivelatore di Dio. Proprio per questo, di fronte a lui ha provato gioia, la gioia dell' amico dello sposo.
 La gioia è anche quella di chi aspetta una visita importante e vi si prepara con trepidazione. Per questo la Chiesa trova ancora oggi nel Battista un' immagine efficace di quello che è il suo compito e di quello che essa stessa è e dev' essere.
 A proposito del Battista, Gesù affermerà: " Fra i nati di donna non vi è alcuno più grande di Giovanni. Non è facile trovare un criterio, per valutare la grandezza di una persona. Oggi, una persona è considerata grande, quando ha tanti soldi in tasca, una posizione sociale di prestigio, quando detiene il potere politico, economico, quando è intraprendente e intelligente.
 Ma per nessuno di questi motivi Gesù ha definito grande Giovanni Battista, egli è stato, semplicemente, " Voce, che grida nel deserto: Preparate la via del Signore..."
 Il Battista è stato grande, perché ha messo la sua vita a servizio di Dio. Infatti, ciò che rende grandi davanti a Dio, è vivere per lui, riprodurre nella propria vita la sua fisionomia, portare nel nostro ambiente la gioia, che viene da lui, unico vero amico, che non delude mai.

Mons. Antonio Scarcione

Nessun commento: