"Non dubitare che un gruppo di cittadini impegnati e consapevoli possa cambiare il mondo: in effetti è solo così che è sempre andata" (Margaret Mead)

Quello che fai per te stesso morirà con te,quello che fai per gli altri rimarrà per sempre


Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

domenica 17 giugno 2012

Tempo di albicocche di Giovanni Piazza

Tempo di conservare l’ossa, del vercoco, perché pare abbia proprietà antitumorali.
Come del resto tutti i semi di quasi tutti i frutti.
Ognuno, con una semplice ricerca, può farsi una idea, sulla utilità della vitamina B17, stannu attentissimissimi, però, pirchì i semi sono velenosi e superando un certo limite (pare una trentina al giorno) sono mortali.
Si accomincia con un osso al giorno e, si nun ci su’ sintumi e stinnicchi, s’aumenta nfinu a rrivari a tri la matina e tri la sira (ai picciriddi diminuire la dosa e fari attinzioni assaissima).
La cura si po’ fari puru cu la mennula amara, chipperò è cchiù putenti epperciò si nni pigghia menu.
Ma ATTENTI-ATTENTI-ATTENTI a non abbandonare le cure ufficiali ed a consultare il medico se si vuole aumentare le dosi.
E si deve pure sapere che qualche medico è stato denunciato per averla prescritta ed aver illuso la gente con una cura senza basi scientifiche.
Ma iu, picciriddu, l’ossu di vercocu mi lu mangiava e se mi state leggendo, si capisci ca nun pozzu essiri mortu.
E allura, si dici e si senti ca a Chiazza la casistica tumorali è auta...
Ahug, ho detto.
Poi, cu l’aiutu di scienza e cuscienza e canuscenza, ognunu facissi comu megghiu po’.
Tanti tantaguri, Chiazza.
Tanti tantaguri, munnu.
.
Nga l'ossu di vercocu, si cumpà
ti nni manci a matina dui o tri
scacciati comu i mennuli, cusà,
e n'autri tri la sira, e sai pirchì?
Pari ca chi sti mennuli a vercocu
cu la bbi diciassetti o a via di docu
.
ti curanu il timone, a prevenuta
e puru quannu inveci già cill'hai.
Certu, sta cura pari scunchiuduta
e a trenta ossa un c'è rrivari mai
pirchì ciànu vilenu troppu forti
e a na trintina d'ossi c'è la morti.
.
Però pari ca cura e funzionìa
e vistu ca nni costa picca e nenti
e ti preveni d'ogni camurrìa…
la scienza? E di st'oricchia, che, ci senti?
Di chemiu si guadagna troppu assai
perciò parrari d'autru sunnu guai.
.
Ma cu cuscienza e cu circospezioni
senza lassari la cura ufficiali
nni putemu curari tinti e boni
cumpà, pirchì l'espostu è tali e quali
si campa megghiu e cu cchiù assà piaciri
quannu arrinesci ‘ntempu a preveniri.

.
                          Giovanni Piazza

1 commento:

Anonimo ha detto...

In un blog mi addomandano cos'è il vercoco.
A domanda risponde:
In lingua siciliana, chiamasi varcoco o vercoco o percoco o piricoco ciò che in dialetto italiano si chiama albicocca.
Quello, il varcoco, s’apprisenta, nta lu menzu, con una mennula (taliano mandorla) ca furra la simenza (taliano seme) ca è proprete chidda ca cunteni la vitamina bbi 17 (deci ‘ncapu, deci sutta).
Quella, la mennula (taliano mandorla), ca quannu è piccidditta (taliano piccolina) si chiama minnulicchia (taliano mandorlina o mandorletta) si pigghia (taliano prende) ammenzu a ddu pipistrelli (talianu polpastrelli), s’appoia (taliano appoggia) a qualcosa marmurigna (taliano marmorea o dura come il marmo) e si ci cafudda (taliano colpisce) na botta sicca (taliano un colpo magro) o na martiddata (taliano martellata), o ai pipistrelli o alla mennula.
Accussì (taliano così), quannu si ‘ngagghia (taliano colpisce) il pipistrello, si po’ santiari a piaciri (taliano nominare tutti i santi attribuendo loro una qualche qualifica non proprio santificatoria), e quannu si ngaggha la mennula, si po’ fari la cura.
Qualunque (taliano comunque), puru si è cuntata a babbiari (taliano pure se è raccontata scherzando), la vitamina bbi 17 (taliano B17) esisti veramenti e la cura, ca nun è ancora schientifichissima, è sprumintata (taliano sperimentata o messa in atto) di na caterva (taliano caterva) di popolazioni.
Alla faccia di quel disgraziato di garibaldi (taliano garibaldi vaff…).
Ancora Giovanni Piazza