"Non dubitare che un gruppo di cittadini impegnati e consapevoli possa cambiare il mondo: in effetti è solo così che è sempre andata" (Margaret Mead)

Quello che fai per te stesso morirà con te,quello che fai per gli altri rimarrà per sempre


Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

venerdì 8 febbraio 2013

Avviata la gara d’appalto, la città sarà controllata da 21 videocamere

Più volte dalle pagine di questo blog avevamo parlato della necessità di impianti di videosorveglianza nel quartiere e nel centro storico tutto per arginare piccoli e grandi reati che succedono e possono succedere.

Eravamo andati anche oltre presentando una raccolta di firme al Sindaco, http://www.quartieremonte.com/2012/05/petizione-per-la-videosorveglianza.html, affinché valutasse la richiesta dei cittadini firmatari della petizione di installare in alcune zone del Quartiere Monte, sistemi di videosorveglianza per il controllo del territorio come, ormai viene fatto, in quasi tutti i comuni d’Italia, per prevenire il fenomeno di atti vandalici che puntualmente si verificano.

Di seguito, per chi ancora non lo avesse letto, riportiamo l’articolo di stampa a firma di Roberto Palermo apparso sul Giornale di Sicilia il 6 febbraio 2013.

Ancora una volta possiamo vantare di essere stati gli artefici e i promotori di una grande rivoluzione, perché l'utilizzo della videosorveglianza certamente difenderà tutti noi cittadini, garantendo l'incolumità pubblica, la sicurezza urbana, il controllo e la deterrenza di fenomeni criminosi e vandalici.
Ancora una volta possiamo vantare di essere stati gli artefici e i promotori di una grande rivoluzione, perché l'utilizzo della videosorveglianza certamente difenderà tutti noi cittadini, garantendo l'incolumità pubblica, la sicurezza urbana, il controllo e la deterrenza di fenomeni criminosi e vandalici.
                                                                                                    Filippo Rausa


Saranno in tutto 21, piazzate a tappeto su tutta la città e alcune potranno essere telecomandate a distanza mediante joystick dalla centrale operativa, per un maggiore e più capillare controllo del territorio.

Si chiama “Piazza Sicura” il sistema di videosorveglianza appena andato in gara d’appalto con una base d’asta di 212 mila euro.

Le offerte da parte delle imprese potranno essere presentate agli uffici comunali entro l’11 marzo. Una sorta di “Grande Fratello” cittadino con l’obiettivo di scoraggiare l’attività di ladri e vandali e dare una mano concreta alle forze dell’ordine che indagano su fatti di criminalità comune.

Un sistema controllato all’interno del comando della Polizia municipale di via Ciancio, dove si troverà il monitoraggio complessivo di tutte le immagini, avendo la possibilità con un solo colpo d’occhio di osservare le riprese provenienti da ogni postazione installata su muri e pali del centro urbano.

Le telecamere saranno per metà con un sistema ottico fisso, ma per l’altra metà “brandeggiabili”, cioè potranno subire una rotazione con un comando a distanza, in modo da coprire una visuale di 180 gradi, passando da una strada all’altra, soprattutto in alcuni incroci. Gli occhi elettronici verranno puntati su alcuni punti strategici, nelle aree cittadine di interesse storico-culturale, con maggiore presenza di attività economiche e luoghi di aggregazione.

Ecco la mappa di “Piazza Sicura”, divisa in quattro aree. Saranno:
4 le telecamere nella zona nord: via Conte Ruggero, piazza Marescalchi, via Ammiraglio La Marca e via Chiarandà;
5 nella zona sud: via Carducci, via Manzoni, via Machiavelli, via Ortalizio, via Roma e Piano Sant’Ippolito;
6 nel centro storico: piazza Duomo, piazza Garibaldi, piazza Castello, via Marconi, Piano Duilio e via Mazzini;
6 nel centro commerciale della città, all’altezza di incroci: via gen. Muscarà-via Lo Giudice, via Padova-via Ciancio, via Roccella-via gen.Muscarà, piazza Boris Giuliano-via La Marca, piazza Falcone-Borsellino e via gen. Ciancio.

Tutte le telecamere saranno dotate di un supporto sd-card per la registrazione delle immagini acquisite ad alta risoluzione. Un aspetto quest’ultimo che potrebbe rivelarsi decisivo soprattutto quando si tratterà di identificare soggetti sospettati di aver appena commesso un reato.

                                                                                          Roberto Palermo

Nessun commento: