"Non dubitare che un gruppo di cittadini impegnati e consapevoli possa cambiare il mondo: in effetti è solo così che è sempre andata" (Margaret Mead)

Quello che fai per te stesso morirà con te,quello che fai per gli altri rimarrà per sempre


Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

sabato 2 marzo 2013

L’addio del Papa, fulmini a San Pietro, meteore dal cielo, vuoi vedere che la profezia di Malachia.....

Abbiamo lasciato il 2012 che doveva passare alla storia come l’anno del ‘paranormale’. Maya, comete, fine del mondo, profezie e date più o meno apocalittiche, e invece è il 2013 che passerà alla storia in quanto a misteri, complotti e profezie apocalittiche.
Le dimissioni del Papa e la profezia di Malachia, il fulmine su San Pietro, Meteoriti che colpiscono la Russia, asteroidi che sfioreranno la Terra, tutto ciò ha riaperto il caso “Apocalisse, fine del mondo e varie”.
Vuoi vedere che i Maya avevano ragione sulla fine di un ciclo e l’inizio di una nuova era?
Vuoi vedere che la profezia di Malachia, il misterioso santo vissuto nel XII secolo e che ci avrebbe lasciato una lista di 111 (o 112, a seconda delle versioni) brevi frasi in latino indicanti altrettanti pontefici, ritenute una premonizione della fine del mondo sono vere?.
Il Papa si è dimesso, prima di Pasqua, dovrà svolgersi il Conclave, dove i 120 cardinali elettori decideranno chi sarà il prossimo Papa. Da giovedì 28 febbraio, giorno delle ufficiali dimissioni papali, il Vaticano sarà retto dal Camerlengo Tarcisio Pietro Evasio Bertone.
Una profezia molto popolare sui papi è quella di San Malachia, che dal 1143 elenca attraverso 112 motti, i papi che si sono succeduti sul soglio pontificio.
Seguendo i sostenitori di questa profezia Papa Benedetto XVI sarebbe il 111° Papa che San Malachia descrive come “De Gloria Olivae” , mentre il 112° Papa viene definito come “Petrus Romanus” e viene inoltre scritto in latino che “Durante l’ultima persecuzione della Santa Romana Chiesa siederà Pietro il Romano, che pascerà il gregge fra molte tribolazioni; passate queste, la città dei sette colli cadrà ed il tremendo Giudice giudicherà il suo popolo. Amen.”
Quindi Pietro il Romano sarebbe l’ultimo Papa durante la fine della Chiesa Cattolica.

San di Armagh

Come Pietro, discepolo di Gesù, fu il fondatore della Chiesa, così il suo successore che guiderà la Chiesa durante la sua fine si chiamerà forse anche solo simbolicamente Pietro II. Di conseguenza il Papa che verrà eletto nel prossimo conclave, seguendo questa profezia, sarebbe l’ultimo.
Altre profezie come quella di Nostradamus o come sostenuto dal romanziere Schmeig Maria Olaf, parlano di Caput Nigrum, un motto mancante, quindi di una testa nera, che potrebbe stare a significare o che Pietro II è di colore oppure che prima di Pietro II c’è un 112° Papa che sarà di colore e poi ci sarà il 113°, quindi Pietro II.
Alla luce di queste considerazioni e alla luce di considerazioni di natura più razionale, vogliamo stilare un elenco dei cardinali più papabili.
Verranno elencati come papabili soltanto i cardinali elettori, quindi con meno di ottant’anni, ma a nostro parere difficilmente dopo un Papa che si è dimesso per motivi di salute, si sceglierà un cardinale ultraottantenne. Stileremo degli elenchi seguendo anche i ragionamenti “profetici:
NOSTRI FAVORITI

PETER KODWO APPIAH TURKSON: cardinale e arcivescovo ghanese. Per noi risulta “profeticamente” favorito perché è di colore e inoltre si chiama Peter, Pietro in inglese. Inoltre ha 65 anni, quindi non è troppo giovane e neanche troppo anziano, è stato nominato da Giovanni Paolo II e se anche guardate il suo stemma, ha molto significati simbolici. PROBABILITA’ DI ELEZIONE: ALTA






TARCISIO PIETRO EVASIO BERTONE: cardinale e arcivescovo italiano. Anche lui è “profeticamente” favorito dato che nel suo nome compare Pietro e inoltre è nato a Romano Canavese, quindi coinciderebbe con “Pietro il Romano”. Inoltre è l’attuale Camerlengo ed è stato nominato da Giovanni Paolo II. A suo sfavore c’è il fatto che ha 79 anni. PROBABILITA’ DI ELEZIONE: ALTA





FAVORITI “TEORIA PIETRO II”

PETER ERDO: arcivescovo e cardinale ungherese. Profeticamente favorito per il nome Peter. Ha 61 anni quindi abbastanza giovane e inoltre è stato nominato da Giovanni Paolo II. E’ stato due volte presidente della Conferenza Episcopale Europea. PROBABILITA’ DI ELEZIONE: MEDIO-BASSA




ODILO PEDRO SCHERER: cardinale e arcivescovo brasiliano. Profeticamente favorito per il nome Pedro. Ha 64 anni quindi un’eta’ giusta. E’ stato nominato da Benedetto XVI. Depone a suo favore le sue origini tedesche e il fatto che probabilmente i tempi sono maturi per un papa extraeuropeo. PROBABILITA’ DI ELEZIONE: MEDIA






JEAN-PIERRE BERNARD RICARD: arcivescovo e cardinale francese. Profeticamente favorito per la presenza di Pierre. Ha 69 anni quindi di età giusta. E’ stato nominato da Benedetto XVI. PROBABILITA’ DI ELEZIONE: BASSA






FAVORITI “TEORIA CAPUT NIGRUM”


ROBERT SARAH: cardinale guineano. Profeticamente favorito essendo di colore. Ha 68 anni quindi un’età giusta. E’ stato eletto da Benedetto XVI. PROBABILITA’ DI ELEZIONE: MEDIO-BASSA







POLYCARP PENGO: arcivescovo e cardinale tanzaniano. Profeticamente favorito essendo di colore. Ha 69 anni quindi un’età giusta. E’ stato nominato da Giovanni Paolo II. PROBABILITA’ DI ELEZIONE: MEDIO-BASSA





JOHN OLORUNFEMI ONAIYEKAN: arcivescovo e cardinale nigeriano. Profeticamente favorito essendo di colore. Ha 70 anni quindi un’età giusta. E’ stato nominato da Benedetto XVI. PROBABILITA’ DI ELEZIONE: BASSA





JOHN NJUE: arcivescovo e cardinale kenyota. Profeticamente favorito essendo di colore. Ha 69 anni quindi un’età giusta. E’ stato nominato da Benedetto XVI. PROBABILITA’ DI ELEZIONE: BASSA




WILFRID FOX NAPIER: arcivescovo e cardinale sudafricano. Profeticamente favorito essendo di colore. Ha 72 anni quindi un’età giusta. E’ stato nominato da Giovanni Paolo II. PROBABILITA’ DI ELEZIONE: MEDIO-BASSA



GABRIEL ZUBEIR WAKO: arcivescovo e cardinale sudanese. Profeticamente favorito essendo di colore. Ha 72 anni quindi un’età giusta. E’ stato nominato da Giovanni Paolo II. PROBABILITA’ DI ELEZIONE: BASSA




LAURENT MONSENGWO PASINYA: cardinale congolese. Profeticamente favorito essendo di colore. Ha 74 anni quindi un’età giusta. E’ stato nominato da Benedetto XVI. PROBABILITA’ DI ELEZIONE:BASSA



THEODORE-ADRIEN SARR: arcivescovo e cardinale senegalese. Profeticamente favorito essendo di colore. Ha 77 anni quindi un’età abbastanza avanzata. E’ stato nominato da Benedetto XVI. PROBABILITA’ DI ELEZIONE: BASSA



ANTHONY OLUBUMNI OKOGIE: cardinale nigeriano. Profeticamente favorito essendo di colore. Ha 74 anni quindi un’età giusta. E’ stato nominato da Giovanni Paolo II. PROBABILITA’ DI ELEZIONE: MEDIO-BASSA



FRANCIS ARINZE: arcivescovo e cardinale nigeriano. Profeticamente favorito essendo di colore. Non è tra i cardinali elettori essendo ultraottantenne. Per i media è tra i favoriti. A nostro avviso difficilmente il conclave si orienterà verso un cardinale così anziano. PROBABILITA’ DI ELEZIONE: BASSA



ALTRI FAVORITI

MARC OUELLET: arcivescovo e cardinale canadese. Favorito dai bookmaker. Ha 69 anni quindi un’età giusta. E’ stato nominato da Giovanni Paolo II. A suo favore il fatto di non essere europeo, però rimane etnicamente bianco, quindi non una vera svolta. PROBABILITA’ DI ELEZIONE: MEDIA




ANGELO SCOLA: arcivescovo e cardinale italiano. Favorito dia bookmaker. Ha 72 anni quindi un’età giusta. E’ stato nominato da Giovanni Paolo II. A nostro parere essere italiano ed europeo non depone a suo favore, dato che la Chiesa dovrà probabilmente aprirsi agli altri continenti. PROBABILITA’ DI ELEZIONE: MEDIO-ALTA



ANGELO BAGNASCO: arcivescovo e cardinale italiano. Favorito dai bookmaker. Ha 70 anni quindi un’età giusta. E’ stato nominato da Benedetto XVI. E’ il presidente della CEI. PROBABILITA’ DI ELEZIONE: MEDIO-BASSA






LUIS ANTONIO TAGLE: arcivescovo e cardinale filippino. Favorito dai bookmaker. Ha 55 anni, quindi sarebbe un’età forse troppo giovane. E’ stato nominato da Benedetto XVI. A suo favore sarebbe il fatto che una sua nomina è una grande apertura ai cattolici orientali e anche la sua giovane età potrebbe essere un segno di rinnovamento. PROBABILITA’ DI ELEZIONE: MEDIO-BASSA


CRISTOPH SCHOENBORN: arcivescovo e cardinale austriaco. Favorito dai bookmaker. Ha 68 anni, quindi un’età giusta. E’ stato nominato da Giovanni Paolo II. E’ portatore di una linea riformista e questo può giocare a suo favore se prevarrà una linea innovatrice. A suo sfavore invece il fatto di essere sempre di area tedesca come Ratzinger e quindi un segnale di poca apertura verso gli altri continenti. PROBABILITA’ DI ELEZIONE: MEDIA




TIMOTHY MICHAEDOLAN: arcivescovo e cardinale statunitense. Favorito dai bookmaker. Ha 63 anni, quindi un’età giusta. E’ stato nominato da Benedetto XVI. PROBABILITA’ DI ELEZIONE: MEDIO-BASSA

Questi sono i principali candidati, da una nostra ricerca, alla successione di Ratzinger. Ovviamente questo articolo tiene conto sia di analisi razionali ma ha voluto coinvolgere anche la parte “profetica”.
Nulla esclude che il successore non sia tra quello qui elencati. I cardinali elettori sono 120 e probabilmente il nuovo Papa sarà uno di loro. Difficilmente verrà scelto un cardinale non elettore ultraottantenne, dato che questo Papa si è dimesso per motivi di salute e che nessuno degli ultimi papi aveva più di ottant’anni.
Inoltre, a nostro avviso, è probabile che la scelta sia per un cardinale extraeuropeo dato che non c’è mai stato e che ormai buona parte dei cattolici vive fuori dall’Europa.
Sarebbe una scelta di rinnovamento coerente con la natura universale della Chiesa. Anche Papa Ratzinger si era espresso in precedenza dicendo che i tempi erano maturi per una scelta del genere. C’è anche da aggiungere che in linea di massima consideriamo, anche per una questione di anzianità, più probabile l’elezione di un cardinale non nominato dall’ultimo Papa, ma nominato da Giovanni Paolo II.
Queste sono le nostre considerazioni. Appena ci sarà l’elezione del nuovo Papa commenteremo la sua figura e il suo stemma, così se possono essere trovati dei riscontri seri che confermino o smentiscano la profezia di Malachia o altre profezie sui Papi.

Ricerca curata da Pietro Rausa, le immaginio dei cardinali sono tratte dai rispettivi profili pubblicati su internet.

Nessun commento: