"Non dubitare che un gruppo di cittadini impegnati e consapevoli possa cambiare il mondo: in effetti è solo così che è sempre andata" (Margaret Mead)

Quello che fai per te stesso morirà con te,quello che fai per gli altri rimarrà per sempre


Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

sabato 29 giugno 2013

La Domenica con Gesù, XIII del Tempo Ordinario/C

 ……… per tutti coloro che desiderano lasciarsi guidare dalla Parola di Dio: un commento per meditare e per prepararsi alla Liturgia della Santa Messa domenicale.

Testi: "...Ungerai Eliseo...come profeta al tuo posto...Andro' a baciare mio padre e mia madre, poi ti seguiro' "...(I Re 19, 16b.19-21). "...Amerai il tuo prossimo come te stesso" . Ma se vi mordete e vi divorate a vicenda, badate almeno di non distruggervi del tutto gli uni gli altri..." (Gal 5, 1. 13-18) . "...Ti seguiro' dovunque tu vada...E Gesu' gli rispose: Le volpi hanno le loro tane e gli uccelli del cielo i loro nidi, ma il figlio dell' uomo non ha dove posare il capo"...(Lc 9, 51-62).

 - La vita cristiana è come un cammino. Il gesto di Gesù , narrato nel vangelo: " Prese la ferma decisione di mettersi in cammino..." è, certamente, un' immagine significativa per la vita cristiana. Il discepolo segue il Maestro. E il cammino rappresenta tutta la vita: l' ascolto della parola, l'incontro col Signore, la decisione di seguire Gesù e il Vangelo delineano l' itinerario della vita. Anche il profeta Elia segue la parola del Signore, di ungere, cioè, Eliseo profeta, al suo posto. E tutto avviene in movimento: Eliseo va e ritorna e, poi, " si alza e segue Elia, entrando al suo servizio". Anche il Salmo 15/16 contiene la stessa immagine: " Mi indicherai il sentiero della vita, gioia piena alla tua presenza, dolcezza senza fine alla tua destra" .

 - La chiamata come responsabilità aperta al futuro. Ad Eliseo viene data la possibilità di salutare i genitori, mentre nel vangelo è rappresentata la priorità assoluta del Regno di Dio: " Lascia che i morti seppelliscano i loro morti" e "Nessuno che mette mano all' aratro e poi si volge indietro è adatto...Oggi," nel contesto sociale nutriamo forti paure per il futuro e lo sfruttamento dissennato delle risorse della terra apre  uno scenario inquietante. Nella stessa realtà ecclesiale, si nutre una grande nostalgia per il passato, perchè, allora, la frequenza alle attivtà parrocchiali era molto alta. In verità, il messaggio della celebrazione odierna ci proietta verso il futuro. I cristiani sono chiamati ad essere responsabili dell' annuncio del Regno di Dio, per testimoniare e comunicare, con un linguaggio aggiornato e modalità consone ai nostri tempi, che la presenza del Signore risorto continua ad essere efficace in ciascuno, nella comunità e nel mondo.
 - La capacità di amare deriva dal dono dello Spirito. Vediamo bene che anche la "Lettera ai Galati" ci aiuta a confrontarci con due importanti temi: la libertà dell' uomo e il comandamento dell' amore. Per i cristiani, amore del prossimo e libertà camminano insieme e la fonte di questo itinerario è lo Spirito Santo.   
                                                                                 Mons. Antonio Scarcione

Nessun commento: