"Non dubitare che un gruppo di cittadini impegnati e consapevoli possa cambiare il mondo: in effetti è solo così che è sempre andata" (Margaret Mead)

Quello che fai per te stesso morirà con te,quello che fai per gli altri rimarrà per sempre


Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

giovedì 18 luglio 2013

Operazione Husky 70 anni dopo


I Canadesi sulla strada verso Valguarnera
In questi giorni in Sicilia si celebra l’Operazione Husky, era il 10 luglio 1943 un’operazione militare che durante la seconda guerra mondiale permise, con l'utilizzo di sette divisioni di fanteria (tre britanniche, tre statunitensi e una canadese) di infliggere un colpo mortale, sbarcando sul suo territorio, ad una delle tre potenze del patto d'acciaio: l'Italia.

 
La Husky costituì una delle più grandi operazioni navali mai realizzate fino ad allora, undici mesi prima dello sbarco in Normandia. Le grandi unità impegnate appartenevano alla 7ª Armata USA al comando del generale George S. Patton, e l'8ª Armata britannica al comando del generale Bernard Law Montgomery, riunite nel XV Gruppo di Armate, sotto la responsabilità del generale inglese Harold Alexander.

 
 
 
Più di 25.000 soldati del I° Corpo di spedizione canadese, facente parte della potente armata alleata, sbarcarono a Pachino nella punta meridionale della Sicilia, in una operazione militare che costituì l’inizio della “Campagna d’Italia”.  

Nella nostra città il 16 luglio 1943 la 1a Brigata di Fanteria canadese, conquistava Piazza Armerina, il 18 Valguarnera, il 20 Enna, per poi dirigersi verso Leonforte e Assoro.

Quest’anno, dopo ben 70 anni, viene commemorata con un’iniziativa storico-culturale in molti luoghi della Sicilia, venerdì 26 luglio, il signor Steve Gregory un uomo d’affari canadese di Montreal, insieme a tanti suoi connazionali faranno tappa a Piazza Armerina per onorare e ricordare i 526 militari canadesi che combattendo sono morti nei mesi di luglio e agosto del 1943 in Sicilia.

                                                   Filippo Rausa
Membri del Royal Canadian Regiment consultano una mappa a Piazza Armerina.
 

1 commento:

Anonimo ha detto...

Onore a tutti i caduti. Gloria alla livorno e alla goring.