"Non dubitare che un gruppo di cittadini impegnati e consapevoli possa cambiare il mondo: in effetti è solo così che è sempre andata" (Margaret Mead)

Quello che fai per te stesso morirà con te,quello che fai per gli altri rimarrà per sempre


Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

martedì 20 agosto 2013

Piazza-Platia 850° Anniversario dalla Rifondazione

Mercoledì 21 agosto alle ore 19,00 in piazza Cattedrale avrà luogo la scopertura della lapide marmorea a ricordo delle Celebrazioni dell'850° Anniversario della rifondazione della Città di Piazza Armerina.
La lapide verrà collocata nell'attuale piazza Cattedrale, già promontorio del colle Monte Mira, al secolo ricoperto di un foltissimo bosco, tutto circondato di fonti ed acque di buona qualità, come ci descrive il Chiarandà.
L'antica Platia, che insisteva sul sito del Casale dei saraceni (Villa Romana del Casale), nella primavera del 1161 era stata saccheggiata e distrutta dal re normanno Guglielmo il Malo, per vendicarsi dei tumulti operati dai feudatari normanno/lombardi di Platia e dei cugini Ruggero Sclavo e Tancredi d'Altavilla che avevano la propria dimora a Platia, contro la popolazione mussulmana sparsa nei casali del grande territorio piazzese.
Nel 1163 i normanno/lombardi di Platia dopo avere riconquistato la fiducia di re Guglielmo il Malo,"che Alessandro Baiolo ed altri otto deputati, con ordine che si fabbricasse dell'istesse pietre e materiali della distrutta Platia, acciocché non si dicesse essere un'altra, ma l'istessa risorta, concedendole molte grazie e privilegi.   
ottenevano, come narra il Verso,

Questi dopo molte consulte, furono di parere che si fabbricasse sopra il Colle Mira, oggi detto Monte (l'attuale nobile quartiere Monte). Circa l'anno dunque di Cristo 1163... fu dato felicissimo principio alla fabbrica della nuova Piazza con intervento del medesimo re Guglielmo... e di tutti, non più infelici Piazzesi, fino allora raminghi".
Nacque così l'attuale Piazza, città demaniale, erede dei distrutti casali lombardi del suo territorio, costruita con i materiali edili dei distrutti borghi e su territorio di proprietà e di giurisdizione della chiesa vescovile di Catania.
La data sarebbe anche l'anno di costruzione della prima chiesa Madre dedicata a San Martino di Tours che si trova adiacente piano Crocifisso.
Filippo Rausa
                                                                                  
Piazza Armerina edificata su tre colli, in primo piano il colle Mira (quartiere Monte) con il decumano via Monte che da piazza Cattedrale taglia il quartiere in due, classico esempio di impianto normanno a lisca di pesce.

Nessun commento: