"Non dubitare che un gruppo di cittadini impegnati e consapevoli possa cambiare il mondo: in effetti è solo così che è sempre andata" (Margaret Mead)

Quello che fai per te stesso morirà con te,quello che fai per gli altri rimarrà per sempre


Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

sabato 30 novembre 2013

Basta una telefonata

Piazza Generale Giuseppe Giunta:..........................................
..basta una telefonata alla società che gestisce lo smaltimento dei rifiuti ingombranti affinché essi vengano prelevati fin casa vostra.  
Cantiere di Piazza Armerina, c/da Bellia - tel. 0935.682833
.

venerdì 29 novembre 2013

E io pago.....

via Monte (questo pomeriggio)

Ma..... Sarebbe bello se qualcuno me lo spiegasse....... parcheggio sulle strisce blu, pago per un ora e ritorno dopo un ora e mezzo. mi trovo bloccato da macchine parcheggiate in doppia fila (Niente di nuovo) ma direte voi : cosa c'è di strano.

Ecco questo c'è di strano, io mi becco una multa di 25 € (con ragione).... ma tutti quelli in doppia fila che?...... niente!!!!!! forse perché non hanno la targa tedesca? chi sa´?.

Mi sembra che a Piazza Armerina ci siano altre regole del traffico!!!!!

Il senso unico su via Monte è solo maculatura........tutti i Giorni di pomeriggio passa il camion della spazzatura e fa andare indietro decine di macchine provocando un caos infernale e un concerto che stordisce....... ma forse a Piazza il senso unico è solo per i deficienti. ...... non parlando ancora delle limosine degli impiegati al Palazzo Trigona che credono che lavorare là da carta bianca al parcheggio nella zona pedonale.

Pagherò la mia multa perché ho sbagliato, ma non credete che avete sparato con un cannone ad un passero? Buona serata.

                                                                                         Franco Calì

 

Basta una telefonata

Da qualche giorno in piazza don Michele Nicosiano fanno bella mostra, un divano è una lavabiancheria, per non parlare di un cassonetto della spazzatura che è fuori uso e gettato anch'esso tra i rifiuti. Eppure sarebbe bastata una telefonata alla ditta che si occupa dello smaltimento dei rifiuti per farli portare via direttamente dalla propria abitazione....  

mercoledì 27 novembre 2013

Rocambolesco ribaltamento in via Marconi



Incredibile ma vero, questo pomeriggio intorno alle 17,40 nella centralissima via Marconi una Volkswagen modello "maggiolino" dopo avere urtato un’altra auto, Fiat Uno, parcheggiata sul lato destro della strada, non è ancora chiara la dinamica dell’impatto,  si è ribaltata adagiandosi su di un fianco, lato guidatore.
 
Immediatamente intervenuti sul posto le forze dell’ordine e l’ambulanza che ha soccorso il conducente del maggiolino e la signora che in quel momento si trovava dentro la Fiat, trasportando entrambi in ospedale per accertamenti.
I vigili del fuoco hanno rimosso le due autovetture protagoniste di un assurdo incidente che ha del rocambolesco.
Il fato a voluto che in quel momento nessun passante transitasse per la via in quell’istante.
Di seguito le foto:

 
 

L'Aforisma della Settimana


martedì 26 novembre 2013

Basilica Cattedrale, verifica sul prospetto per constatare le nuove lesioni e crepe


don Giuseppe Paci
La Diocesi effettuerà subito una verifica sul prospetto della cattedrale per verificare le nuove lesioni e crepe segnalate nei giorni scorsi dal Comitato di quartiere Monte.
Il settore Beni culturali della Curia, guidato da don Giuseppe Paci, invierà propri tecnici di fiducia ad effettuare un sopralluogo per avere un quadro aggiornato della situazione.
«In seguito alla segnalazione arrivata ai nostri uffici farò effettuare un monitoraggio sul prospetto della cattedrale per valutare l'entità delle lesioni esistenti, si tratta di crepe che già erano a nostra conoscenza e che forse le infiltrazioni d'acqua hanno peggiorato», spiega padre Paci, il quale ha ricevuto sul proprio tavolo di via La Bella una relazione fotografica messa a punto dai volontari del Comitato di quartiere Monte.
 
Il fronte interessato dalle lesioni è quello della discesa Marco Trigona e vico Cattedrale, dalla parte opposta dell'archivio diocesano la cui volta crollò lo scorso luglio. Basta alzare gli occhi, da vico Cattedrale, e si nota proprio sotto le colonnine perimetrali del terrazzo, sul prospetto di mattoni tra le due finestre, due grandi macchie d'acqua e soprattutto una consistente lesione, già conosciuta, ricoperta da uno strato di cemento, ma che adesso sembrerebbe più profonda e evidente a occhio nudo.
Si tratta di una crepa che scorre lungo il muro che si ferma su una trave di pietra spaccata a metà, trave che compone una delle finestre laterali. Sul posto nei giorni scorsi anche il parroco Filippo Bognanni che negli ultimi mesi non dorme sonni tranquilli, con la chiusura da ormai quattro mesi della sagrestia e il divieto di accesso ad un pezzo della navata laterale, nel tratto finale che porta all'ingresso della sagrestia stessa.
 
Il Comitato di quartiere ha scritto anche agli uffici della Protezione civile comunale, preoccupato per le sorti delle abitazioni sottostanti che si trovano a pochissimi metri dall'enorme edificio di culto simbolo di tutta la Diocesi armerina.
Erano state proprio le infiltrazioni d'acqua piovana sull'altro terrazzo a inzuppare la pietra di tufo della sottostante volta dell'archivio storico della basilica, provocandone il collasso, con quintali di detriti crollati al pavimento, finendo per danneggiare anche il piano inferiore dove si trova il "museo" della cattedrale.
I fondi promessi alla Curia dalla Regione Siciliana per i primi interventi di messa in sicurezza e ristrutturazione della volta per ora continuano a non arrivare.
La progettazione stralcio è stata già predisposta dai tecnici incaricati dal settore Beni culturali della Chiesa locale.
                                                                                     Roberto Palermo

 

lunedì 25 novembre 2013

Pagamento Borse di Studio anno 2009/2010

 





CITTÀ' DI PIAZZA ARMERINA 

SERVIZIO BENI E POLITICHE CULTURALI -  PUBBLICA ISTRUZIONE - 
POLITICHE DELLO SPORT
________________________________________________________________________________   

AVVISO

Si avvisano i beneficiari delle BORSE DI STUDIO per gli ALUNNI delle SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE DI PRIMO GRADO, relative all'anno Scolastico 2009/2010, che il pagamento sarà effettuato presso il 

CREDITO SICILIANO 

con il seguente ordine:
.
 Lettere A-G / Giorno 26 NOVEMBRE;

 Lettere L-N / Giorno 2 DICEMBRE;

 Lettere O-R / Giorno 9 DICEMBRE;

 Lettere S-Z  / Da Giorno 12 DICEMBRE.


Gli utenti che si recheranno in banca dovranno essere muniti della FOTOCOPIA DEL DOCUMENTO DI IDENTITÀ  in corso di validità e della TESSERA SANITARIA.


Visitare la Villa Romana accompagnati dalle Guide, per scoprire il fascino della storia


L’Associazione Guide Turistiche Villa Romana del Casale e Morgantina
È lieta di invitare la cittadinanza tutta
a visitare la magnifica Villa Romana del Casale a lavori di restauro ultimati e visibile in tutto il suo splendore,
offrendo la possibilità di essere accompagnati da Guide Turistiche Autorizzate ed Accreditate dall’Ente Parco Archeologico
a prezzi speciali e formando mini gruppi.
Ci troverete alla sede ufficiale delle Guide Turistiche ubicata dopo l’area parcheggio oppure subito dopo la biglietteria della Villa.

Per info
Chiamare il Presidente dell’Associazione Guide Turistiche Villa Romana del Casale e Morgantina,
Gianni Palermo al nr: 339 540 19 80
Oppure inviate una mail:
gianni.palermo@alice.it

Vi aspettiamo numerosi! 

25 novembre, Giornata internazionale contro la violenza sulle donne


Eliminate le strisce blu in via Cavour e Piano Calarco

Con delibera di Giunta Municipale sono state eliminate le strisce blu di via Cavour (lato destro adiacente ex ospedale) e quelle di Piano Calarco. 

Il provvedimento è legato alla istituzione dell'isola pedonale in piazza Cattedrale.

Subito dopo la pedonalizzazione di piazza Cattedrale, il Comitato di quartiere aveva chiesto al Sindaco la cancellazione delle strisce blu adiacenti la piazza, per consentire il posteggio libero ai quartieranti della zona.  


sabato 23 novembre 2013

La Domenica con Gesù, Gesù Cristo Re dell'Universo

……… per tutti coloro che desiderano lasciarsi guidare dalla Parola di Dio: un commento per meditare e per prepararsi alla Liturgia della Santa Messa domenicale
 
 
Testi: "...Il re Davide concluse con loro un' alleanza a Ebron davanti al Signore ed essi unsero Davide re d' Israele..." 2Sam 5, 1-3 .
"...E' lui  che ci ha liberati dal potere delle tenebre e ci ha trasferiti nel regno del Figlio del suo amore, per mezzo del quale abbiamo la redenzione, il perdono dei peccati..." Col1, 12-20 .
"...Anche i soldati lo deridevano, gli si accostavano per porgergli dell' aceto e dicevano: Se tu sei il re dei Giudei, salva te stesso. Sopra di lui c' era anche una scritta: Costui è il re dei Giudei..." Lc 23, 35-43 .

  
- "Oggi sarai con me nel paradiso". La croce, con le parole I.N.R.I. (Gesù Nazareno Re dei Giudei), è l' immagine di Cristo re, che ci viene presentata dalla liturgia. Il suo è un regno di giustizia, di amore e di pace, da accogliere come un dono. Non c' è spazio per lo sfarzo, la ricchezza e l'imposizione sui sudditi. Anzi, il re è proprio colui che viene spogliato di tutto: anche delle vesti e della sua stessa dignità. L' "esercizio del potere" gli deriva dal dono totale di sè e della vita, sacrificata per gli altri. Dentro questa logica, che dà spazio alla resurrezione, si inserisce la regalità di Cristo Signore.     

 - L' identità di Gesù e del Crocifisso. C'è un detto popolare, che suona così: "Come si vive si muore". Sottolineando, così, la continuità, che c'è tra lo stile di vita e la morte. Proprio il vangelo di Luca  fa emergere l' attenzione di Gesù verso gli altri, anche nella tragedia della croce. Là notiamo, infatti, un' importante promessa del Signore a favore del malfattore pentito: "Oggi con me sarai nel paradiso". Il donare la vita e il porre in una situazione di salvezza gli altri, aveva caratterizzato tutta l'esistenza terrena di  Gesù e adesso qualifica anche questo momento di passaggio verso la vita eterna.

 - Tutto è sottomesso al potere di Cristo. La Lettera ai cristiani di Colossi precisa la qualità e l'estensione del potere di Cristo: "Egli è l' immagine del Dio invisibile" ed ha il potere di liberare l' uomo dalle tenebre, offrire il perdono dei peccati, pacificare il cielo e la terra. Prospettiva completamente diversa, rispetto a quella data dai regni umani e alle forze in gioco nelle relazioni tra le persone, i popoli e coloro che vi esercitano il potere. Così, anche l' estensione del potere di Cristo va ben oltre i limiti spazio-temporali dell' esistenza umana, infatti, precede la creazione e si estende alle realtà del cielo.

 - Ogni situazione può essere raggiunta dalla misericordia di Dio. Nel quadro, che è stato delineato, trovano posto le varie realtà umane e ogni essere vivente viene toccato dall' amore di Dio, dalla sua benevolenza e dalla sua misericordia.
La presunzione di pensare con le proprie capacità individuali e di "bastare a sè stessi", dando senso e significato ad ogni cosa, rende l' uomo incapace di riconoscere che "non tutto si può piegare alla propria idea".
Invece, un atteggiamento umile e aperto all' altro ci fa accogliere la misericordia di Dio, l' unica capace di recuperare positivamente anche le situazioni più negative o disperate. Il mistero di Cristo, Re dell' universo, ci faccia percepire la misericordia divina e dia a ciascuno la capacità di accogliere il senso e il significato della vita in ogni situazione, anche in quelle più critiche e dolorose.   

                                                                                Mons. Antonino Scarcione

Scatti fotografici di Giuseppe Di Vita

Di seguito riportiamo il link della pagina facebook di Giuseppe Di Vita, nella quale è possibile ammirare una sequenza di scatti fotografici effettuati in giro per il nostro quartiere Monte. 

https://www.facebook.com/g.divita/media_set?set=a.10201555855590592.1073741864.1003450771&type=3

L'intervento di Francesco Galati ai tour operator in visita a Piazza, venerdì 22 novembre c.a.


Carissimi,
preliminarmente mi corre l’obbligo e il dovere di ringraziare, nella qualità di Presidente della associazione Mira 1163, l’Amministrazione Comunale rappresentata dall’Assessore Dott.Filippo Sammarco, il Sindaco e l’assessore ai BB.CC. della Città di Aidone, il Direttore del Parco Archeologico, arch.Oliva, a cui vanno i migliori auguri, personali e della stessa Associazione, di un ottimo lavoro per il delicato incarico da poco ricevuto e sono e siamo certi che sarà foriero di soddisfazioni che si riverseranno positivamente sui beni culturali della Città e soprattutto sulla continua valorizzazione e preservazione della Villa Romana del Casale, un bene patrimonio della Umanità che tanto affascina studiosi da tutto il mondo e di cui nel prosieguo ci parlerà nella specificità.

Il blog della Parrocchia di San Pietro


All'elenco dei blog e siti cittadini, presenti nella nostra home page, con piacere aggiungiamo quello della Parrocchia di San Pietro, in rete da qualche mese.

All'amministratore del blog, Mirko Milazzo e allo staff auguriamo buon lavoro.   
 
 

Santa Messa in occasione della conclusione dell'Anno della Fede.

Sabato 23 novembre 2013, alle ore 16.30 nella Basilica Cattedrale, l’Amministratore Diocesano Mons. Giovanni Bongiovanni, presiederà una solenne Concelebrazione Eucaristica, in occasione della conclusione dell'Anno della Fede.

venerdì 22 novembre 2013

"Aspettando l’Expo 2015” – Piazza Armerina"


Il Vicepresidente dell’Assemblea Regionale Siciliana

On. Antonio Venturino è lieto di invitare la S. V. all’evento:

"Aspettando l’Expo 2015” – Piazza Armerina"

sabato 23 novembre c.a.  alle ore 10, presso il Museo Diocesano - Caffè
 
Letterario- di Piazza Armerina.

 

L'Aforisma della Settimana



mercoledì 20 novembre 2013

Ampie macchie d'umidità e lesioni sul prospetto laterale della Cattedrale


lato cattedrale via Discesa Marco Trigona, vico Cattedrale
(le criticità evidenziati in giallo)  


Mentre si aspetta il finanziamento per consolidare la volta dell’archivio della Basilica Cattedrale, crollata il 02 luglio 2013 a causa di infiltrazioni provenienti dalla soprastante terrazza; al momento messa in sicurezza con una copertura; sul lato opposto della stessa chiesa madre (vedi foto), nell'altra terrazza, quella che si affaccia in via discesa Marco Trigona e vico Cattedrale, sono state notate delle possibili infiltrazioni di acqua e delle lesioni sui mattoni e su una finestra.





Infatti, basta alzare gli occhi, si nota proprio sotto le colonnine perimetrali della terrazza, sul prospetto di mattoni tra le due finestre, due grandi macchie d’acqua e cosa ancora più grave, visibile da vico Cattedrale, una lesione che scorre lungo il muro che si ferma su una trave di pietra spaccata a metà, trave che compone una delle finestre.

Le immagini di seguito riportate sono abbastanza eloquenti, e non hanno di bisogno di altre parole, se non quelle di intervenire immediatamente.


Allo scopo, il presidente del Comitato Nobile Quartiere Monte, Filippo Rausa, all'unisono con il consiglio direttivo, hanno lanciano il grido d'allarme, con una lettera indirizzata al parroco della Cattedrale don Filippo Bognanni, al responsabile dei Beni Culturali della Diocesi piazzese, don Pino Paci, al Sindaco di Piazza Armerina, dott. Filippo Miroddi, al Soprintendente per i Beni Culturali, arch. Salvatore Gueli, per un immediato intervento di messa in sicurezza dell'intera parte absidale della Cattedrale, per evitare il verificarsi di irrimediabili conseguenze che potrebbero nuocere alla staticità della chiesa stessa.

Il tutto nella consapevolezza, che gli organi preposti interessati, predispongano un immediato piano di monitoraggio e controllo, che consenta di verificare e garantire la staticità della chiesa e dell’ambiente circostante, vista la vicinanza con delle abitazioni civili e per la sicurezza delle persone che abitano nelle immediate vicinanze della maestosa Cattedrale piazzese.

                      Giuseppe Pitruzzella


Di seguito la sequenza fotografica:







martedì 19 novembre 2013

Il film di don Pietro Bonilli in tour


Associazione Oratorio GIOVANI ORIZZONTI sede di Piazza Armerina

SABATO 30 NOVEMBRE ore 18:00 CHIESA SAN CATALDO città di ENNA
DOMENICA 1 DICEMBRE alle ore 19:15 CHIESA SAN LEONE città di AIDONE
Davide Campione, Pietro Rausa e Filippo Magro
autori ed interpreti del cortometraggio
Continua il giro nei paesi della Sicilia per presentare il film di don Pietro Bonilli realizzato dai ragazzi dell'associazione Oratorio Giovani Orizzonti di Piazza Armerina.
Sulle orme dell’Amore” Il Cortometraggio di ”don Pietro Bonilli” , vuole essere una proposta ad uscire dalla notte della vita e ad avviarsi verso un'alba nuova di speranza dove tutti siamo chiamati ad aiutare il nostro prossimo ricordandoci che la carità verso i poveri e i bisognosi è il dono più gradito a Dio.
La storia scelta è quella del Beato Pietro Bonilli, apostolo della Sacra Famiglia, fondatore dell’Istituto Suore della Sacra famiglia di Spoleto, nato il 15 marzo 1841 a San Lorenzo di Trevi (Perugia) e morto nel 1935 a Spoleto.
'beato' Pietro Bonilli
Personaggio storico che ha contribuito con il suo operato a migliorare le condizioni sociali, religiose e culturali, estendendo poi il suo operato in varie parti del mondo, prendendosi cura dei più poveri: orfani, ammalati, disabili, emarginati e di tutti coloro che si trovano in difficoltà. Fu proclamato Beato da Giovanni Paolo II° il 24 Aprile 1988.

                               Davide Campione
presidente dell'Associazione Oratorio Giovani Orizzonti

lunedì 18 novembre 2013

sabato 16 novembre 2013

La Domenica con Gesù, XXXIII del Tempo Ordinario/C

……… per tutti coloro che desiderano lasciarsi guidare dalla Parola di Dio: un commento per meditare e per prepararsi alla Liturgia della Santa Messa domenicale
 
Testi: "...Sta per venire il giorno rovente come un forno...Allora tutti i superbi e tutti coloro che commettono ingiustizia saranno come paglia; quel giorno, venendo, li brucerà..." Ml 3, 19-20a.
 
"...Fratelli, sapete in che modo dovete prenderci a modello: noi infatti non siamo rimasti oziosi...nè abbiamo mangiato gratuitamente il pane...abbiamo lavorato duramente... per non essere di peso ad alcuno di voi..." 2Ts 3, 7-12.
 
"Mentre alcuni parlavano del tempio...Gesu' disse: Verranno giorni nei quali, di quello che vedete, non sarà lasciata pietra su pietra che non sarà distrutta"...Metteranno la mani su di voi e vi perseguiteranno...Ma nemmeno un capello del vostro capo andrà perduto..." Lc 21, 5-19

 - Seguire Gesù significa dare la vita. Il discorso sulla fine del mondo (introdotto dalla distruzione del tempio) invita a considerare la situazione attuale. Non si tratta di aspettare gli eventi con le mani in mano, lasciandoci colpire superficialmente dalle catastrofi, che, momentaneamente, attirano l' attenzione, bensì di assumere le decisioni più importanti della vita. Come cristiani siamo invitati a seguire Gesù. Ciò comporta il dono della propria vita, mettendoci nelle mani di Dio, con la fiducia che "nemmeno un capello del capo andrà perduto" .

 - La persecuzione è il luogo della testimonianza. Lo stile di vita del cristiano, talvolta, conduce ad essere derisi dai nostri contemporanei. Infatti, mentre il mondo suggerisce di badare a sè stessi, di far valere la propria forza e i propri diritti, il vangelo, invece, ci chiede di essere creatori di relazioni nuove, anche attraverso "l' utopia" della mitezza. Come ha insegnato Gesù: "Beati i miti, perchè erediteranno la terra." Sappiamo bene che costruire relazioni interpersonali, fondate sulla mitezza, vuol dire dare testimonianza cristiana, in un contesto, dove la violenza, la prevaricazione e il bullismo sembrano essere caratteristiche dominanti.

 - La fede cresce nella perseveranza. Anche il vangelo elenca catastrofi naturali, guerre e distruzioni, insieme a persecuzioni, addirittura, nel contesto familiare, eppure ci invita a non rimanere terrorizzati, a dare ugualmente testimonianza, a lasciarci guidare dal Signore, che afferma: "Con la vostra perseveranza salverete la vostra vita".

 - La comunità educante verso i fratelli. San Paolo ed i suoi collaboratori, nell' annuncio del vangelo, si offrono come modello esistenziale: provvedono al loro sostentamento, affinchè la missione sia libera e credibile. Questo atteggiamento ci induce a riflettere sul valore della testimonianza della comunità cristiana. Le parole ed i proclami, nella società contemporanea, sono molti e spesso scadono in una forma di pubblicità, come avviene per la vendita di un prodotto. 

 Invece, le persone, che vivono concretamente il vangelo, hanno un fascino diverso, certo, meno appariscente, ma più tenace nel coinvolgere le giovani generazioni. La "disgregazione" della società e delle famiglie, come anche la frammentazione nelle stesse esistenze personali, sottolineano l' importanza, insostituibile, del ruolo della comunità cristiana. La sequela di Gesù non è soltanto un fatto individuale, perchè al cammino personale deve accompagnarsi anche quello della comunità, nella quale ciascuno ha il proprio ruolo ed è chiamato a dare il suo contributo.  

                                                                                   Mons.   Antonino Scarcione

Il dott. Galati presidente dell'associazione Turistica-Culturale "MIRA 1163"

Riceviamo e Pubblichiamo

Francesco Galati
 
Il dott. Francesco Galati già dirigente presso il Comune di Piazza Armerina settore Beni Culturali, Promozione Turistica, da un anno circa in pensione, non smentisce la sua passione e il suo amore verso la città di Piazza, infatti insieme a degli imprenditori, albergatori e ristoratori, hanno costituito un’Associazione Turistica-Culturale che porta il nome “MIRA 1163” che ha sede nel quartiere Monte, nell’omonima via Monte al civico 1, presso la Suite d’Autore; e al dott. Galati hanno affidato la presidenza, per le sue capacità innate e l'esperienza professionale maturata. 

Di seguito la nota che ha trasmesso ai due blogger Filippo Rausa e Agostino Sella.

“Cari Filippo ed Agostino, è nata questa nuova Associazione che spera di essere utile e quantomeno propositiva: La situazione di crisi è sotto gli occhi di tutti.
Decisioni prese a livello centrale potrebbero fare scemare il numero di presenze verso la nostra Città arrecando un danno economico verso gli addetti ai lavori e con consequenziali ricadute di perdita di posti di lavoro nelle strutture alberghiere e di ristorazione operanti anche nel Centro Storico.
Per onestà intellettuale debbo dire che non so quanto durerà l'Associazione, ma so con certezza che in  questo preciso momento storico turistico-economico anche alla luce di quanto deciso a livello regionale, tutti noi abbiamo l'obbligo di fare qualcosa attraverso idee e buoni propositi per invogliare ed aiutare le Istituzioni ad  un impegno sempre maggiore sul campo dei BB.CC. e Turistici che potrebbero creare posti di lavoro ed evitare  una eventuale emorragia di turisti verso il Centro Storico.
Vi trasmetto la nota inviata al Sindaco e al Direttore del Parco evidenziando anche una prima mossa con l'arrivo di circa 40 tour operators con spesa a totale carico di imprenditori che hanno inteso il momento critico e che bisogna intervenire”.          Ciao.
 

Sig. SINDACO DOTT. FILIPPO MIRODDI;

Sig. DIRETTORE PARCO ARCHEOLOGICO “VILLA ROMANA DEL CASALE” ARCH. ROSA OLIVA

 Oggetto: Presenza significativa di Tour Operators nella Città di Piazza Armerina
                                                                                                                            
Premesso, Esimi Sig. Sindaco e Sig. Direttore del Parco Archeologico,
preliminarmente si comunica alle SS.LL che   degli operatori turistici, alberghieri, di ristorazione ed imprenditori, alla luce della forte crisi economica che attanaglia anche la nostra Città  producendo disoccupazione, emigrazione di tantissimi giovani e  l’affievolirsi di introiti derivanti soprattutto dalle presenze turistiche, hanno inteso  costituire una Associazione  turistico-culturale  denominata "MIRA 1163"  per un doveroso atto d’amore nei confronti della nostra Città nell’850 anniversario della ricostruzione che coincide con la costruzione a Parigi di Notre Dame avvenuta proprio nel 1163!
Inoltre, l’introduzione del biglietto unico ha dato una accelerazione alla costituzione della predetta Associazione che non intende assolutamente scontrarsi con le Istituzioni ma, aprire un confronto di idee e proposte per il raggiungimento di un fine comune nell’interesse generale a beneficio della collettività armerina: Creare i presupposti di un turismo stanziale per creare posti di lavoro e per superare l’attuale momento di crisi economica   ed arrestare la continua e lenta emigrazione di tanti giovani.
L’interesse generale  è quello di fare soggiornare in Città almeno una grossa  percentuale dei visitatori che si recano alla Villa Romana del Casale presentando  la Città attraverso i suoi meravigliosi monumenti che sprigionano la storia della Sicilia intera. "Conoscere Piazza significa conoscere la storia della Sicilia".
Il primo atto della neonata associazione è quello di avere ospiti nei giorni 22/23/24 Novembre p.v. circa n.40 Tour operators che convogliano annualmente centinaia e centinaia di migliaia di turisti da ogni dove verso la Sicilia. E’ una occasione unica, dato il notevole numero di presenze di tour operators, per fare conoscere la nostra Città e convincerLi a  dirottare dei flussi turistici verso la visita e il soggiorno in Città.
Gli imprenditori, gli operatori turistici hanno messo a disposizione gratuitamente le proprie strutture alberghiere come pure gli inviti a pranzi e cene durante il soggiorno di questi importanti ospiti accollandosi tutte le spese.
Alle SS.LL si chiede esclusivamente di presentare la Città pulita e decorosa, l’apertura del SIMPA nei giorni, come da programma, che saranno sotto evidenziati, e l’apertura notturna della Villa Romana con ingresso gratuito a richiesta formale da parte del Comune, in considerazione del fatto che i tour operators sono il volano e i promotori  per  indirizzare  i flussi turistici nei siti e Città che offrono cultura e servizi adeguati.
In poche parole è interesse di tutti lavorare sinergicamente a dare una sobria ospitalità che può sfociare  in ottime prospettive di presenze turistiche verso la Città e anche verso il territorio come Aidone e il suo Museo. E’ necessario fare un monitoraggio della illuminazione artistica dei monumenti, Alcuni fari sono spenti. Anche l’immagine della Città in ore serali deve essere curata. I tour operators devono andare via dalla nostra Città convinti che portare i turisti a Piazza  è doveroso verso la cultura e la stessa immagine della Sicilia.
Si ringrazia per l’attenzione e si informa che l’Associazione ha inteso nominare lo scrivente Dott. Galati Francesco quale presidente pro tempore e di avere avuto piena delega di relazionare  con le SS.LL.
                                                                                                                                             IL PRESIDENTE
                                                                                                      FRANCESCO GALATI
                                                                                                                  
PROGRAMMA
22 NOVEMBRE
-arrivo dei partecipanti c/o Hotel e check –in
ORE 16.00   TRASFERIMENTO IN P.ZZA CATTEDRALE A BORDO DEL TRENINO LILLIPUZIANO, COCKTAIL DI BENVENUTO E SALUTO DELLE AUTORITA’ AL MUSEO DIOCESANO, VISITA GUIDATA DELLA CATTEDRALE, DELLA PINACOTECA COMUNALE, DELLA MOSTRA DEL LIBRO ANTICO E DEL PALAZZO TRIGONA.
ORE 21.00    CENA c/o ristorante del Centro Storico
ORE 22,30   VISITA NOTTURNA DELLA VILLA ROMANA DEL CASALE

23 NOVEMBRE  
ORE 10.00       PALAZZO  TRIGONA,PRESENTAZIONE TURISTICA DELLA CITTA’ A CURA DELLA STS SERVIZI TURISTICI E WORKSHOP “ONE TO ONE” CON OPERATORI TURISTICI “BUYER”
ORE 13.00   PRANZO
ORE 15.00  TRASFERIMENTO E VISITA DELLE STRUTTURE RICETTIVE.
ORE 19.00  RIENTRO IN HOTEL E FREE TIME
ORE 21.00    CENA DI GALA

24 NOVEMBRE
COLAZIONE E TRASFERIMENTO IN BUS A MORGANTINA E VISITA GUIDATA DELLA POLIS E DEL MUSEO ARCHEOLOGICO DI AIDONE.
PRANZO RINGRAZIAMENTI  E SALUTI
 

Auguri al sindaco Filippo Miroddi


 
Al sindaco Filippo Miroddi che in questi giorni ha subito un piccolo intervento (programmato da tempo), il presidente, il governo del quartiere, augura i migliori auguri per una rapida guarigione.

James Blunt, Cuore di falò.

Cuore di falò (Bonfire Heart), questo il titolo del nuovo successo di James Blunt, brano che mi ha colpito per la musicalità ed il testo, semplice e significativo allo stesso tempo.
La vita non è fatta solo di grandi storie, ma di piccole storie quelle di ogni giorno portate avanti da uomini comuni, da buoni di volontà, che sulle ali dell'entusiasmo e della libertà sono capaci di grandi cose. A loro è dedicato il video di James Blunt.      (Filippo Rausa)

"La gente come noi non ha bisogno di molto
solo di qualcuno che accenda
che accenda la scintilla nei nostri cuori di falò..."


 
Giorni come questi portano a...
notti come queste portano a...
un amore come il nostro
tu accendi la scintilla nel mio cuore di falò
la gente come noi non ha bisogno di molto
solo di qualcuno che accenda
che accenda la scintilla nei nostri cuori di falò
i nostri cuori di falò, i nostri cuori di falò
oh i nostri cuori di falò, tu accendi la scintilla

la gente come noi non ha bisogno di molto
solo di qualcuno che accenda
che accenda la scintilla nei nostri cuori di falò....
 

venerdì 15 novembre 2013

Caffè Letterario - La Coccinella, Presentazione libro.

Riceviamo e Pubblichiamo

DOMENICA,17 NOVEMBRE, ORE 19,00, al Caffè Letterario - La Coccinella, Presentazione del libro, "Il Buddha cristiano" di Papàs Luigi Lucini.
 
Un apologo, "dilagato" in tutte le letterature del mondo.

                     IL BUDDHA CRISTIANO

 Un uomo, inseguito da un unicorno imbizzarrito, nella fuga, inciampa e cade nel burrone. Mentre precipita, riesce ad aggrapparsi ad un arbusto. Guardando in giù, però, si accorge che due topi, uno bianco e uno nero, ne stanno rosicchiando le radici. In fondo al burrone vede  un drago, che lo aspetta con le fauci spalancate. Esaminando il punto, in cui appoggia i piedi, vede quattro teste di serpenti, che spuntano dalla parete di roccia.

 Alza gli occhi al cielo e vede che dai rami di un arbusto sta colando del miele. Smette di pensare a tutto il resto e si concentra sulla dolcezza di quella goccia di miele.

 L' eco mistica del racconto arriverà a Baudelaire e a Tolstoj, attraverso il Buddha bizantino.
 
  Sarà presente l' autore del testo.