"Non dubitare che un gruppo di cittadini impegnati e consapevoli possa cambiare il mondo: in effetti è solo così che è sempre andata" (Margaret Mead)

Quello che fai per te stesso morirà con te,quello che fai per gli altri rimarrà per sempre


Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

domenica 1 giugno 2014

La Domenica con Gesù, Ascensione del Signore/A

……… per tutti coloro che desiderano lasciarsi guidare dalla Parola di Dio: un commento per meditare e per prepararsi alla Liturgia della Santa Messa domenicale.

Testi: "...Mentre lo guardavano, fu elevato in alto e una nube lo sottrasse ai loro occhi...quand'ecco due uomini in bianche vesti...dissero: uomini di Galilea, perché state a guardare il cielo ? Questo Gesù...verrà allo stesso modo in cui l' avete visto andare in cielo" . 

At 1, 1-11 . " Fratelli, il Dio del Signore nostro Gesù Cristo,...vi dia uno spirito di sapienza e di rivelazione per una profonda conoscenza di lui... 

Ef 1, 17-23 . "...Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo...Io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo". Mt 28,16-20 .


In Matteo 16-20, emergono i seguenti temi: l'autorità di Cristo Signore in cielo e sulla terra; la Chiesa, rappresentata dai discepoli; gli aspetti etici, missionari ed escatologici, dati dal Risorto ai suoi discepoli. Questi versetti contengono tre elementi: un racconto di manifestazione, le istruzioni del Risorto agli undici e una promessa ai discepoli: "sarò con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo".

E', comunque, prioritario, comprendere il senso che ad esso dà il vangelo di di Matteo. La formula trinitaria, "battezzate così, nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo..." dev'essere interpretata alla luce del Nuovo Testamento. Così, anche il riferimento geografico, la Galilea, è, principalmente, di carattere teologico: il Risorto, infatti,incontra di nuovo i discepoli proprio nel luogo della sua azione terrena, appunto la Galilea. Ciò presuppone una continuità tra il cristianesimo e il Cristo risorto.

- La chiamata al discepolato. La prima conseguenza concreta è questa: i discepoli dovranno "fare discepoli" tutti i popoli, battezzandoli, insegnando loro ad accettare l' annuncio del Cristo storico. Benché in Matteo il tema del discepolato rivesta grande importanza, l' accento del vangelo è posto, principalmente, sull'introduzione dei neo-convertiti nella comunità e nell'osservanza di ciò che il Signore Gesù ha insegnato e "comandato" di fare.

San Matteo
- La chiamata è esigente. Vediamo che le disposizioni, impartite dal Maestro, non sono semplici consigli facoltativi, bensì, "comandamenti" da rispettare.

- La chiamata è universale. Matteo vuol farci comprendere che nessuno è escluso dalla salvezza, perchè la chiamata al discepolato è davvero aperta a tutte le nazioni. Se durante il ministero di Gesù, l'attività missionaria era limitata solo ad Israele, ora, è giunto il momento, in cui anche i pagani possono far parte della Chiesa.

- Io sarò con voi per sempre. S.Tommaso è giunto fin in India, Pietro fino a Roma, Paolo è approdato in Spagna. Ma ciò è stato possibile, grazie all'assistenza del Maestro, che ha promesso la sua presenza costante. Quell' "Io sono con voi" corrisponde, infatti, alla stessa promessa di vicinanza da parte di Dio, all' " Io-con-te" dell' A.T. "Eimi' ", indicativo presente del verbo greco, qui, ha valore di un futuro (cioè, Io sarò con voi ).

                                                                                    Mons. Antonino Scarcione

Nessun commento: