"Non dubitare che un gruppo di cittadini impegnati e consapevoli possa cambiare il mondo: in effetti è solo così che è sempre andata" (Margaret Mead)

Quello che fai per te stesso morirà con te,quello che fai per gli altri rimarrà per sempre


Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

martedì 15 luglio 2014

Interrogazione al Sindaco del Consigliere Laura Saffila

Piazza Armerina, 15 luglio 2014


Al Sindaco dott. Filippo Miroddi
Al Sig. Presidente del Consiglio Comunale
Ai Sigg. Consiglieri Comunali
E, p.c. Al Sig. Presidente Ass. Mira 1163 
dott. Francesco Galati 
Al Sig. Presidente Italia Nostra 
Prof. Giuseppe Anzaldi
Al Gruppo Archeologico Litterio Villari
Ai Corrispondenti Giornale di Sicilia, La Sicilia
LORO SEDI


Oggetto: problematica sostituzione saracinesche e corpi illuminanti - Teatro Garibaldi e Commenda dei Cavalieri di Malta.

Egregio sig. Sindaco,

La scrivente Laura Saffila, con la presente mette in evidenza quanto segue;

da qualche anno sugli organi di stampa e sui blog tiene banco la risistemazione delle porte del Teatro Garibaldi e i corpi illuminanti prospicienti la Commenda dei Cavalieri di Malta e il Teatro.
Addirittura, Consigli comunali così come Amministrazioni comunali degli anni passati, si sono solo interessate, a parole, di restituire bellezza e fascino alle due piazze con la sostituzione delle saracinesche e dei corpi illuminanti.

In effetti, basti osservare il Teatro e la Commenda da piazzale Litterio Villari; per notare che nel teatro Garibaldi, persistano ancora tre saracinesche che, nel complesso architettonico, non si integrano e stonano fortemente, dando un senso di garage, piuttosto che l’ingresso in un luogo culturale.
Detto ciò, ritengo doveroso, suggerire alla S.V. la sostituzione delle saracinesche con portoni in legno realizzati da qualche bravo ebanista, a tale scopo, si potrebbe, anche, proporre un concorso di idee per trovare soluzioni originali e particolari, ponendo, così, l’attenzione su un gioiellino monumentale che è l’orgoglio della nostra Città.

Inoltre, nel suddetto scenario architettonico i moderni corpi illuminanti, posti in piazzetta Teatro e Umberto I, a pochi metri dal monumento bronzeo del re d’Italia, e dalla Commenda dei Cavalieri di Malta, del XII sec., non si addicono assolutamente al contesto, che, al contrario, ne dovrebbe invece esaltare, con lampioni artistici in ghisa, (peraltro già in uso in Città, nelle piazze e vie di tutto il centro storico), le particolarità e la bellezza del contesto architettonico, dando una visione armoniosa ed un impatto gradevole ai turisti.

Altresì, non posso non sottolineare la maldestra esecuzione dei lavori nella piazzetta Umberto I, nel corso di un non ben chiaro intervento di riqualificazione urbana, chiamato ironia della sorte “Il Gioco della Storia” , fine 2010, che a parole, a quanto pare, doveva essere conservativo e che invece ha stravolto la struttura perimetrale dell’aiuola, costituita in mattoni di cotto a forma di un ovale che simbolicamente rappresentava la corona reale al monumento bronzeo di Umberto I, re d’Italia.
L’ovale che caratterizzava la piazzetta, oggi è stato sostituito da un rettangolo, molto simile ad una “gebbia”, realizzato con blocchi di pietra arenaria non appartenente al contesto territoriale della nostra città e che ha snaturato l’antica aiuola.

Pertanto, dato il brutto impatto visivo, non sarebbe opportuno ripristinare il luogo allo status quo ante intervento “Il Gioco della Storia” ?, al fine di restituire quella dignità ad un angolo di città che è stato mortificato da un impropria operazione che si è presa ed è proprio il caso di dirlo, “Gioco della Storia”.
Infine, mi si consente, non sarebbe opportuno e il momento storico che codesta Amministrazione rompa con il passato e produca fatti concreti nel risolvere la su cennata problematica?.

Ai sensi dell’art. 24 del Consiglio comunale, la sottoscritta chiede la risposta alla presente interrogazione in sede di consiglio comunale.


Cordialmente, distinti saluti.

Laura Saffila
     Consigliere Comunale


4 commenti:

anonimo ha detto...

Anche se il noto proverbio dice : stenni lu pedi quantu u linzolu teni,e le spese per l'arredo sembrano una cosa secondaria.....ben venga un argomento che si occupi di decoro . . .A proposi to...legare il luogo al ricordo del compositore S.Allegra,no?Giacche' ci siamo !

VTR ha detto...

piazza GARIBALDI, via GARIBALDI, villa GARIBALDI, Teatro GARIBALDI. A Piazza amate solo GARIBALDI.

turibio ha detto...

il Maestro ALLEGRA, così come Antonio IL VERSO, sono considerati come degli autentici sconosciuti, fortunatamente però, solo ai piazzesi.

Anonimo ha detto...

Il maestro Allegra quando scrisse la colonna sonora del film' I figli di nessuno'se l'era immaginato!Comunque a Piazza si dovrebbe fare opera divulgativa,dato che c'e' qualcuno che lo conosce e lo apprezza.