"Non dubitare che un gruppo di cittadini impegnati e consapevoli possa cambiare il mondo: in effetti è solo così che è sempre andata" (Margaret Mead)

Quello che fai per te stesso morirà con te,quello che fai per gli altri rimarrà per sempre


Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

domenica 21 settembre 2014

La Domenica con Gesù, XXV del Tempo Ordinario

……… per tutti coloro che desiderano lasciarsi guidare dalla Parola di Dio: un commento per meditare e per prepararsi alla Liturgia della Santa Messa domenicale.

Testi: "...L' empio abbandoni la sua via e l' uomo iniquo i suoi pensieri...Percchè i miei pensieri non sono i vostri pensieri, le vostre vie non sono le mie vie..." Is 55, 6-9 . 
"...Sono stretto infatti tra queste due cose: ho il desiderio di lasciare questa vita per essere con Cristo...Ma per voi è più necessario che io rimanga nel corpo..." Fil 1, 20c-24.27a . 
"...Il regno dei cieli è simile a un padrone di casa che uscì all' alba per prendere a giornata i lavoratori per la vigna...Venuti quelli delle cinque di pomeriggio, ricevettero ciascuno un denaro...I primi...ricevettero anch' essi un denaro...però mormoravano...Ma il padrone...disse: Amico, io non ti faccio torto...Non hai forse concordato con me per un denaro?...Oppure tu sei invidioso perch io sono buono ?..." Mt 20, 1-6 .

La prima impressione che si ricava dall' ascolto delle Letture odierne è: che cosa significa la parola "giustizia" nel vocabolario di Dio, In realtà, il messaggio è più profondo e vuole essere una buona notizia, proprio una rivelazione.

- A tutte le ore della storia. Dio non se ne sta solo, "a pensare ai fatti suoi". Egli esce "di casa", cioè esce da sè stesso, continuamente, a tutte le ore della storia, a tutte le ore della vita. Esce ed invita. Dio cerca tutti, invita tutti, perchè ama tutti e nella sua vigna, nella sua casa, nel suo cuore, vi è posto per tutti. Il verbo greco"symphonèo", usato in questo testo, anche per chi non conosce questa lingua antica, è eloquente. L' accordo che Dio ci rappresenta è musica, armonia, sinfonia per le orecchie, alleanza, patto nuziale. In campo commerciale valgono le regole proprie del commercio. Nella logica dell' amore, invece,quelle regole saltano tutte. Anche gli antichi saggi affermavano: "Summum jus summa iniuria"(=La massima giustizia diviene massima offesa). Ma c' è di più, la rivelazione ribadisce, inoltre, attraverso le parabole, il criterio divino che è preposto alla storia e che fa esultare i poveri e non i ricchi ed i potenti della terra: Dio rovescia i potenti dai troni ed innalza gli umili; ricolma di beni gli affamati e rimanda i ricchi a mani vuote. Gli ultimi sono primi ed i primi ultimi.

- Cosa ci si guadagna in un Regno di questo genere? Se questi sono i criteri "socio-politico-economici" del Regno di Dio, è chiaro che qualsiasi uomo, compreso l' apostolo, si domanda: "Cosa ci guadagno a diventare cittadino di un Regno del genere ? " "Davvero poco", se ci si "arrocca" su un criterio prettamente economico: cocenti delusioni, mugugni e lamenti, che, purtroppo, affiorano sulle labbra di tanti cristiani, che ancora non si sono "convertiti" ai pensieri di Dio, che sono, certamente, più saggi dei nostri. Siccome queste situazioni sono, purtroppo, frequenti, occorre davvero fare un severo esame di coscienza e, così, effettuare una vera rivoluzione copernicana della vita personale e comunitaria. Solamente allora potremo rispondere al quesito con ben altre parole: "Dio sa pagare assai bene ! La sua ricompensa non è moneta sonante, ma il centuplo quaggiù e l' eternità.

- La verità è sinfonia. Queste parole costituiscono il titolo di un famoso libro del teologo Von Balthassar, Egli afferma che la verità è veramente sinfonica, in quanto la Chiesa necessita del contributo di tutti. In un' orchestra il suono prodotto dal triangolo consiste in una sola nota. Tutt' altra estensione fonica hanno l' arpa, il violino, o il pianoforte. Ma nessuno di questi strumenti è in grado di produrre il suono del triangolo.

Così deve accadere nella Chiesa: anche il servizio più semplice, più umile, più nascosto, realizzato dall' ultimo arrivato, nell' esecuzione della sinfonia del Regno, all' orecchio di Dio, è rilevante tanto quanto i servizi più importanti, compiuti dai pù anziani, fedeli e assidui esecutori dello spartito musicale della storia della salvezza. Per edificare la Chiesa, occorre abbandonare gli angusti e meschini schemi umani ed entrare nell' orizzonte immenso dell' "agàpe" (amore di benevolenza), dove anche un bicchiere d' acqua dato ad un bambino ha come ricompensa l' eternità.

                                                                                 Mons. Antonino Scarcione


Nessun commento: