"Non dubitare che un gruppo di cittadini impegnati e consapevoli possa cambiare il mondo: in effetti è solo così che è sempre andata" (Margaret Mead)

Quello che fai per te stesso morirà con te,quello che fai per gli altri rimarrà per sempre


Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

martedì 7 ottobre 2014

Interrogazione sulla problematica “Triclinium” Villa Romana del Casale.

Il consigliere comunale Laura Saffila ha depositato oggi un'interrogazione con la quale chiede al Sindaco e per conoscenza all'Assessore Regionale ai Beni Culturali notizie relativamente la vicenda di alcuni ambienti della Villa romana del Casale rimasti ancora oggi con la vecchia copertura e sulla problematicha della salvaguardia dei pavimenti musivi del Triclinium.   Di seguito il testo dell'interrogazione.

Piazza Armerina, 07 ottobre 2014

                                                                                         Al Sindaco dott. Filippo Miroddi
             Al Sig. Presidente del Consiglio Comunale
             Rag. Gianfilippo La Mattina
         e, p.c.  Spett. le Assessore Regionale ai BB.CC.                    Prof.ssa Pina Furnari Luvarà          
         Spett. le Direttore Parco Archeologico                     Villa Romana del casale Arch. Rosa Oliva     
        Ai Sigg. Capi Gruppo del Consiglio Comunale           Al Sig. Presidente Ass. Mira 1163
         dott. Francesco Galati        
         Ai Corrispondenti Giornale di Sicilia, La Sicilia                
                                       Loro Sedi
                                                                                          


Oggetto: Interrogazione urgente problematica “Triclinium” Villa Romana del Casale.

Egregio sig. Sindaco,
la scrivente Laura Saffila consigliere comunale eletta nelle liste del PDL rappresenta quanto segue:

  Premesso che la Villa Romana del Casale ha ottenuto fin dal 1997 lo status di “Bene Patrimonio della Umanità” da parte dell’UNESCO, organismo internazionale che tutela i Beni culturali delle varie nazioni del mondo.
  Che tale riconoscimento imprime una più forte decisione di intervento a tutela e salvaguardia del sito archeologico, ritenuto unanimemente “unico nel suo genere”.
  Che la tutela deve ritenersi costante e continua data la delicatezza dei pavimenti musivi che, oltretutto, rivelano una immagine “fotografica” dei costumi e usanze dei Romani.

  Che da notizie di stampa apparse sul Giornale di Sicilia, cronaca di Enna, avente  ad oggetto “VILLA ROMANA  Piazza Armerina, al «Triclinium» accesso vietato ai visitatori di Roberto Palermo — 06 Ottobre 2014, si rileva  “ lo stato in cui versa la famosissima stanza, ove vi sono tessere saltate, pavimento pieno di rigonfiamenti e accesso dalle passerelle laterali vietato ai visitatori, con la fruizione delle scene musive che rimane in parte monca”.
  Che tale stanza, la Palestra e il Frigidarium risultano essere ancora con la copertura in plexil, la quale è stata una delle la cause principali dell’effetto serra, sbalzi di temperatura giorno-notte tanto dannosi ai pavimenti.
 Che tale incompiuta della copertura della Villa Romana, la rende poco decorosa e poco funzionale nella tutela e salvaguardia dei mosaici delle stanze sopracitate e che oltretutto, non essendo state oggetto della copertura, come tutte le altre stanze, e conseguenzialmente non sono visitabili dai turisti perché non si è proceduto ad installare sulla sommità delle mura le passerelle.

  Pertanto, nel ribadire con forza che la Villa Romana del Casale appartiene a tutti ed è il fiore all’occhiello della Regione Siciliana e che la Città di Piazza Armerina ha l’onore di custodire

CHIEDE

  al Sig. Sindaco
1) - di fare conoscere, al più presto possibile, quali determinazioni il Direttore del Parco Archeologico ha intrapreso o intende intraprendere per il restauro dei pavimenti musivi del Triclinium, lavori di recupero ormai non più procrastinabili;

2) - di fare conoscere se è già in itinere il progetto della copertura del Triclinium (stanza da pranzo), Gymnasium (palestra), Frigidarium (stanza dei bagni freddi) uniformando  di fatto tutta la copertura della Villa con un unico sistema  che consente un microclima uguale giorno e notte in tutte le stanze con indubbio benefico dei pavimenti musivi;


  al Sig. Presidente del Consiglio Comunale
se ritiene di istituire una Commissione anche per sollecitare continuamente il competente Assessorato Regionale ai BB.CC. per gli immediati interventi.

Si ringrazia per l’attenzione e si resta in attesa così come previsto dall’art.24 del Consiglio comunale, di una risposta alla presente interrogazione in sede di Consiglio comunale.

                                         Cordialmente, distinti saluti.

Laura Saffila
      Consigliere Comunale



1 commento:

Anonimo ha detto...

BRAVA LAURA, MI PARE CHE TUTTI DORMONO BEATI SOGNI TRANQUILLI, MENTRE LA VILLA DEL CASALE PERDE VISITATORI E REGNA NELL'INDECENZA.