"Non dubitare che un gruppo di cittadini impegnati e consapevoli possa cambiare il mondo: in effetti è solo così che è sempre andata" (Margaret Mead)

Quello che fai per te stesso morirà con te,quello che fai per gli altri rimarrà per sempre


Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

giovedì 22 gennaio 2015

Michele Suriana per sorridere, ma non troppo


Riceviamo e Pubblichiamo

                               Caro presidente,

I (mis)fatti recenti legati a Mafia Capitale, compreso lo scandalo della vendita, in est Europa e nord Africa, degli indumenti usati, depositati nei cassonetti gialli dai cittadini per aiutare i meno abbienti, mi hanno spinto a tradurre in dialetto romanesco una poesia che composi nel nostro vernacolo galloitalico. 
I miei amici, poeti piazzesi, non me ne vogliano. 
Lungi da me voler dare prescrizioni morali. 
Basterebbe davvero poco se i giovani ricevessero dalle persone “ con maggior esperienza e responsabilità “, esempi di azioni arricchite di benevolenza, possibilmente senza secondi fini. 
Semplicemente per migliorare la qualità del mondo che viviamo e che vogliamo lasciar loro in eredità.
Colgo l’occasione per complimentarmi, a proposito, dell’importante traguardo raggiunto per la realizzazione del centro polisportivo Trinità (dove, ricordo, frequentai le prime tre classi delle elementari).

Un calorosissimo saluto a tutti voi,
Velletri (Roma) 20 gennaio 2015
                                                          Michele Suriana

   
Li cappelli

Dio creò er monno intero e, pe’ fini l’opra,
prese ‘n friccico de fanga e jé zoffiò sopra.
Ne sortì n’ometto gnudo e senza pelo,
e poi tanti artri, tutti a giocà sotto ar melo.
Ma la bella vita durò poco. Che malasorte !
A causa der serpente l’omo scoprì dolore e morte.

Fora dar paradiso, ar massimo de la scarogna,
jè servì da coprisse pe nun sentì vergogna.
Pane amaro, spine sotto i piedi e giornate dure.
A Dio s’ intenerì er core “ Pore mie creature !
Lavoreno male, senza scopo, accosì a la rinfusa,
me tocca aiutalli, ho da trovà na scusa. “
Pe’ falli organizzà mejo, creò li cappelli.
“ So gnudi, armeno s’ariconoscheno co’ quelli.”
A chi jé toccò er cappello da burino, zappava.
A chi jé toccò quello da ‘ngegnere, disegnava.
Un giorno Dio s’arisorse de scambià li cappelli.
Ar burino je sistemò quello de professore,
e de li villani non volle sentì più manco l’odore.
All’ ingegnere jé mise quello de fabbro forzuto,
pe’ risposta, li sua ex colleghi je torzero er saluto.
Dio arifretté ” La testa me parea na cosa fina,
coperta dar cappello però il dentro se rovina.”
Cossì pe’ toije legna ar foco e nun fa macelli,
creò li capelli , prima da distrugge li cappelli .
Ma er diavolo marpione, prese l’urtimo ar volo.
“ Se Dio nun gnela fa, ce so io che li consolo !”
Ne fece quanti so li desideri che n’omo po volere,
p’avé subbito bellezza, cariera, sordi e potere.
D’allora, serpe com’é, striscia ne la mente umana,
scarsa de furbizia e de coscienza grossolana.
Dice “ Er mejo sei tu, dimme che t’abbisogna,
fa n’culo alli princìpi de l’onore, de la vergogna,
sò stati scritti pé fregatte, è tutta carta straccia.
A te er cappello che voi, a me la tua animaccia .”
Dio, padre “Prima me so ‘ngoiato la disobbedienza,
ho provato cor cappello p’ organizzavve l’ esistenza.
Tutti uguali, ognuno con ‘na diversa via segnata.
Mo e dalli cor maligno! La lezzione nun v’è bastata!
E’ vero che ognuno po decide : vojo o nun vojo,
ma manco po arubbà e fa danni n’do cojo cojo !
Ve giocate l’unica proprietà veramente de valore,
l’ unica via per paradiso, l’unica cosa che nun more!
Dio cremente, pè nun affogacce ‘n antra vorta ,
“ Nun capite che la vita è solo una ed è puro corta ! ”

Nessun commento: