"Non dubitare che un gruppo di cittadini impegnati e consapevoli possa cambiare il mondo: in effetti è solo così che è sempre andata" (Margaret Mead)

Quello che fai per te stesso morirà con te,quello che fai per gli altri rimarrà per sempre


Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

giovedì 26 marzo 2015

Incontri di preparazione alla Pasqua

Riceviamo e Pubblichiamo

Nei giorni 30/31 marzo e 1 aprile, alle ore 18,30, nella chiesa di Fundrò a Piazza Armerina, il chiarissimo Prof. don Luca Crapanzano, Docente di Teologia Morale presso l’Istituto di Scienze Religiose “Mario Sturzo”, tratterà alcune tematiche propedeutiche alla “Pasqua 2015. 
In particolare intratterrà i presenti sui seguenti argomenti: 1 “L’uomo vivente è la gloria di Dio” (S.Ireneo). 
2 “L’uomo è il “Semper Maior” di Dio”.
Tutto ciò, in perfetta coerenza col pensiero di Papa Francesco, che afferma: ” La Quaresima è il tempo di rinnovamento spirituale per la Chiesa, le comunità ed i singoli fedeli. Dio non è indifferente a noi…Ci conosce per nome, ci cura e cerca, quando lo lasciamo”. 
Destinatari: la tre giorni è aperta a tutti, associazioni, gruppi culturali, docenti delle scuole e Istituti, professionisti, impiegati, club services della città.

La celebrazione conclusiva sarà presieduta da Mons. Rosario Gisana, Vescovo della Diocesi.

L’esperienza comunitaria sarà una pietra miliare nel cammino della Diocesi verso il V Convegno Ecclesiale Nazionale, dal titolo: “In Gesù Cristo, il Nuovo Umanesimo”, i cui lavori si svolgeranno a Firenze, a novembre 2015. Interverranno 2.500 delegati da tutta Italia.
L’assise farà tesoro del nuovo stile, impresso da Papa Francesco al suo pontificato con le famose parole: “Una Chiesa in uscita”. Una Chiesa, cioè, capace di portare concretamente, e non solo a parole, la fede agli uomini e alla società, nella quale essi abitano. Così, l’uscire diventa annuncio. Solo se è proprio necessario, si deve evangelizzare anche a parole, ma dev’essere l’ “extrema ratio”. Invece, sono i gesti ed i vissuti del vangelo, che danno la carne alla Parola di Dio e la rendono vita.

Occorre annunciare la verità, non come un concetto, ma come una Persona. Del resto, “Io sono la verità, sono la via e la vita” lo ha detto Gesù.

Nessun commento: