"Non dubitare che un gruppo di cittadini impegnati e consapevoli possa cambiare il mondo: in effetti è solo così che è sempre andata" (Margaret Mead)

Quello che fai per te stesso morirà con te,quello che fai per gli altri rimarrà per sempre


Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

lunedì 30 novembre 2015

Ecumenismo e Dialogo, Convegno Nazionale a Bari

Lampada uniflamma
L’ Ufficio Nazionale per l’ Ecumenismo e il Dialogo Interreligioso ha celebrato un Convegno di studio sulle relazioni tra Chiesa Cattolica e Chiese Ortodosse sul tema: “Unica è la Sposa di Cristo”. 
La lampada uniflamma, a forma di caravella, segno dell’ unica fede, alimentata dalle due tradizioni - orientale ed occidentale - donata, nel 1936, alla Basilica di S.Nicola, da Pio XI, fu accesa dal Papa Giovanni Paolo II e dal Metropolita di Mira, Crisostomo Konstantinidis. 
Quasi 400 i partecipanti da tutta Italia. Tra le personalità, figuravano il Card. Walter Kasper, diversi Vescovi e Archimandriti. 


I relatori, cattolici e ortodossi, hanno presentato magistralmente gli argomenti loro affidati ai presenti, che li hanno apprezzati e ripetutamente applauditi. 
Bruno Forte e Chrisostomos di Messinia hanno trattato il tema: “Teologia, Esperienza riflessa di Chiesa”. 
Mentre Siluan, esponente della diocesi Ortodossa Romena d’ Italia, ed Enzo Bianchi, priore di Bose, hanno svolto: “Il dialogo ecumenico in Italia tra Ortodossi e Cattolici. 
Andrea Riccardi, fondatore della Comunità di S.Egidio, e don Cristiano Bettega, responsabile dell’ Ufficio Nazionale per l’Ecumenismo e il Dialogo, hanno affrontato con padronanza di linguaggio, le tematiche relative all’ importante documento “Nostra Aetate” (Il dialogo con Ebrei, Cristiani e Musulmani, nonché quello con le grandi religioni storiche dell’ oriente).

Approfonditi e ben articolati i lavori dei gruppi di studio: Iconografia della Chiesa. Epiclesi eucaristica: ponte ecumenico tra Oriente e Occidente. S.Nicola, santo ecumenico. Filosofia del dialogo. 
L’ unità delle Chiese, letta dai Padri della Chiesa. 
Vita monastica orientale e occidentale. Ricaduta pastorale della realtà ecumenica: l’esempio di Bari. 
L’ ecumenismo dei martiri: il contributo di A. Men e P.FlorensKij al dialogo tra le Chiese.
Sono intervenuti, altresì, con i loro originali contributi, gli esponenti istituzionali del movimento ecumenico internazionale: George Lemopoulos, Vice-Segretario del Consiglio Ecumenico Mondiale delle Chiese e Paul Mc Partland. 
La Diocesi di Piazza Armerina era rappresentata da don Antonino Scarcione, delegato diocesano per l’ecumenismo.

                        Filippo Rausa

Nessun commento: