"Non dubitare che un gruppo di cittadini impegnati e consapevoli possa cambiare il mondo: in effetti è solo così che è sempre andata" (Margaret Mead)

Quello che fai per te stesso morirà con te,quello che fai per gli altri rimarrà per sempre


Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

martedì 10 novembre 2015

San Martino Vescovo di Tours, le iniziative nel Quartiere

.

E’ nato a Sabaria (Szombathely) in Ungheria, nel 316. A 10 anni, mostra una grande sensibilità e attitudine per condurre una vita in comune con gli atri fedeli e, contemporaneamente, per fare esperienza di vita eremitica, nello studio delle Sacre Scritture, nella meditazione e nella preghiera. 
A 15 anni, si arruola e diviene ufficiale della guardia a cavallo, distinguendosi per le sue virtù: carità, modestia e spirito ascetico. 
Nel 334, ad Amiens in Francia, avviene il famoso episodio del mantello, tagliato a metà e condiviso con un mendicante. Successivamente, gli appare in visione il Cristo, avvolto proprio in un pezzo di mantello.
 Martino “legge” l’accaduto come il segnale della chiamata a diventare, da soldato dell’imperatore, soldato di Cristo. Affronta questa nuova avventura mettendosi alla sequela di Ilario,vescovo di Poitiers. 
Ritornato in Ungheria, converte la mamma al cristianesimo, in seguito, viene a Milano, per fare esperienza ascetico-monastica. 
 Nel 371, “a furor di popolo”, è nominato vescovo di Tours. Martino è, altresì, ricordato per i seguenti meriti: carità, guarigioni miracolose, esorcismi, evangelizzazione delle campagne e difesa della retta dottrina contro le eresie e le superstizioni. 
 La sua grande forza deriva dal saper coniugare: azione apostolica e vita contemplativa.

 Dopo la sua morte, iniziano numerosi pellegrinaggi alla sua tomba dalla Francia, dall’ Italia e dalla Spagna. 
 Essi ebbero nuovo impulso dopo la conversione di Clodoveo, re dei Franchi, che si recò presso la sua tomba a rendergli omaggio.
 In Francia, portano il suo nome ben 485 comuni e 3667 parrocchie. In Italia, già nel XIII sec., 132 chiese e 15 altari.
 Il nome “Martino” vuol dire “dedicato a Marte”. Emblemi di San Martino: Mantello diviso, Spada, Oca, Pastorale. E’ Patrono protettore di: Poitiers; dei Mendicanti, Sarti, Albergatori, Soldati.
 Programma del Nobile Quartiere Monte:
1) Concorso per la Scuola Capuana/Cordova, 16^ed.: Composizione, Grafico e poetico;
2) ore 10:30 Premiazione l’Auditorium ex chiesa S.Anna;
3) dalle 16:30 alle 18:00, Visita alla Chiesa di S. Martino;

 Iniziative dell'Oratorio Giovani Orizzonti: 
1) Locali scuola Trinità, ore 17:30 Tombolata di S. Martino, con premi e regali per tutti i bambini partecipanti;
2) Din Don Dan - a Merenda con i Giovani Orizzonti.

                                            Mons. Antonino Scarcione 
 

Nessun commento: