"Non dubitare che un gruppo di cittadini impegnati e consapevoli possa cambiare il mondo: in effetti è solo così che è sempre andata" (Margaret Mead)

Quello che fai per te stesso morirà con te,quello che fai per gli altri rimarrà per sempre


Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

venerdì 1 gennaio 2016

1° Gennaio 2016. Maria SS. Madre di Dio

……… per tutti coloro che desiderano lasciarsi guidare dalla Parola di Dio: un commento per meditare e per prepararsi alla Liturgia della Santa Messa domenicale

Testi: “…Ti benedica il Signore e ti custodisca…Il Signore rivolga a te il suo volto e ti conceda pace…”. Nm 6,22-27 . “Dio abbia pietà di noi e ci benedica” Sal 66/67, 2.3.5-6.8 . “…Dio mandò il suo Figlio, nato da donna,…Perché ricevessimo l’ adozione a figli…Quindi non sei più schiavo, ma figlio e, se figlio, sei anche erede per grazia di Dio”. Gal 4,4-7 . “In quel tempo, (i pastori)…Riferirono ciò che del bambino era stato detto loro…Maria…Custodiva tutte queste cose, meditandole nel suo cuore…Gli fu messo nome Gasù, come era stato chiamato dall’angelo…” Lc 2,16-21.

Oggi, 1° gennaio 2016, ricorre la 49a Giornata Mondiale della Pace. Tema: “Vinci l’ indifferenza e conquista la pace”. Il breve commento, però, riguarda la liturgia odierna.

“L’ antica benedizione del libro dei Numeri”. Le parole, per ben tre volte, indicano il nome di Dio. * “Ti benedica il Signore e ti custodisca”. Non siamo, affatto, in grado di prevedere, neppure, quanto si trova dietro l’ angolo. Cosa fare, quindi. L’ atteggiamento del credente rimane quello dettato dalla fede, cioè dalla certezza che il Signore si rende presente nella nostra esistenza. Egli tiene insieme tra le sue mani “tutto il nuovo che si dispiega, oggi, idealmente, davanti all’ uomo”.

*”Il Signore faccia risplendere per te il suo volto e ti faccia grazia”. Lo splendore del volto di Dio ci invita a cogliere in esso la bellezza e la bontà della vita e del creato. Dio è da sempre in atteggiamento di tenerezza e di misericordia. Egli manifesta la sua disposizione naturale a volerci bene in modo gratuito. Il credente, quindi, non affronta il tempo nell’ ansia o nell’ affanno.

* “Il Signore rivolga a te il suo volto e ti conceda pace”. La pace “è la sintesi di tutto ciò che la benedizione opera nella vita dell’ uomo: prosperità, lavoro, fecondità e amicizia”. Sono i beni “per i quali l’ uomo è chiamato a lavorare e ad impegnarsi, ma è anche “dono che discende da Dio verso la sua creatura”. E’ un benessere che corrisponde all’ armonia con sé stesi, con gli altri, con il mondo ed ha come sorgente l’ armonia con Dio. Riservare cura a questa relazione, significa costruire la pace.

E’ la II Lettura che ci invita a cogliere questa novità: Dio ha mandato il suo figlio, per fare di noi dei figli. Noi, conseguentemente, non siamo più schiavi della legge, ma figli ed eredi. Una trasformazione profonda, che non avviene “magicamente”, ma per il lavoro misterioso dello Spirito.

-“Come i pastori”. Oggi, leggiamo lo stesso brano evangelico del Natale, anche se ritagliato in modo diverso, in un contesto diverso: il primo giorno dell’ anno civile e la festa di Maria, Madre di Dio. *Cosa hanno trovato i pastori quella notte ? Un segno: un neonato in fasce, in una culla di fortuna. Un bambino, una mamma e un papà. Un bambino, come tanti altri, bisognoso di tutto, fragile ed indifeso. Nessuna traccia, invece, di potere e di ricchezza. Eppure, proprio in questo modo, Dio parla. Un Dio, considerato lontano,che ora è così vicino.

* “Qual è la loro risposta ? Quale può essere la nostra ? “. Diversamente da quello che faranno i magi, i pastori sembrano solo vedere, osservare, riconoscere. E, poi, riferiscono quanto era stato detto loro. E trasmettono il loro stupore e la loro gioia. Siamo pronti anche noi, all’ inizio del nuovo anno, a fare come loro ? Pronti a vedere i segni che il Signore ci offrirà ? Pronti a riconoscerlo anche se si presenta in modo inconsueto. Pronti a trasmettere quello che abbiamo trovato e ad aprire la bocca nella lode e nel ringraziamento ? Noi corriamo il rischio di attendere il Signore dove non si presenta. Comunque, se avremo un cuore e una mente vigilanti, conosceremo lo stupore e la gioia e potremo rallegrarci dei doni che ci vengono fatti.

-“Come Maria…nel silenzio e nell’ attesa”. Ma cosa fa Maria ? “Custodiva, meditando.” Custodiva segni, parole ed eventi. E’ l’atteggiamento di chi sa attendere, aspettando di comprendere il senso di ogni cosa, cioè il “grande mosaico del piano di Dio”. Lo slogan “tutto è subito”, in effetti, non ha nulla a che fare con la fede. Essa si radica nel tempo, nella durata, non in un istante magico. Comporta discernimento, nel salvare ogni cosa, nell’esercitare la vigilanza e la pazienza. Appare opportuno un altro suggerimento:

*Coltivare il silenzio della meditazione, per custodire le tessere di un mosaico, che non si può decifrare nell’ immediato.

*”Esercitare il confronto tra il passato e il presente, per cogliere il messaggio, che ci raggiunge attraverso la storia, a cui apparteniamo.

*Vegliare, cioè tenere gli occhi aperti, perché Dio continua a visitarci, quando e come vuole lui, per sentieri inusuali. Vegliare, per attingere alla saggezza e alla forza, che vengono da Dio, dalla sua parola e dai suoi testimoni.

                                                                             Mons. Antonino Scarcione

Nessun commento: