"Non dubitare che un gruppo di cittadini impegnati e consapevoli possa cambiare il mondo: in effetti è solo così che è sempre andata" (Margaret Mead)

Quello che fai per te stesso morirà con te,quello che fai per gli altri rimarrà per sempre


Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

mercoledì 13 gennaio 2016

Donazione di una copia del dipinto raffigurante Prospero Intorcetta.

Sabato, 16 gennaio, alle 19.00, presso il Museo Diocesano, a Piazza Armerina, si terrà la cerimonia di donazione di una copia del dipinto raffigurante Prospero Intorcetta. 
La cerimonia sarà presieduta dal Vescovo, Monsignor Rosario Gisana. 
Una donazione che permetterà ai cittadini di ammirare l’opera, purtroppo non fruibile attualmente perché custodita nei depositi della Biblioteca Comunale di Palermo, come testimonia il Dott. Giuseppe Portogallo, autore dello scatto fotografico che ha permesso di riprodurre fedelmente il ritratto del celebre gesuita piazzese. 
Portogallo, ideatore e Presidente della “Fondazione Prospero Intorcetta Cultura Aperta”, piazzese che ha vissuto e operato come imprenditore per ben 35 anni in Cina, e che da tempo profonde impegno ed energie per divulgare la conoscenza di Intorcetta, celebre in Cina ma misconosciuto in patria, ha fortemente voluto questa cerimonia come propedeutica ad una serie di iniziative volte a ricordare la figura e l’opera del celebre gesuita, pioniere nella stampa sino-europea con i caratteri lignei mobili, traduttore di Confucio, astronomo, scienziato, missionario. 

Ing. Giuseppe Portogallo
Intorcetta nacque a Piazza nel 1625. Studiò a Catania, Messina e Palermo. Ben presto, la sua vocazione, presi i voti, lo porterà a spingersi sui mari, per raggiungere, dopo anni di navigazione, le coste cinesi. 
Qui porterà le proprie conoscenze, al pari di altri confratelli, tra cui il celebre Matteo Ricci, suo predecessore. 
Conoscenze che perfettamente si integravano con la cultura del luogo e con la filosofia di Confucio, e che mai ebbero la pretesa di prevaricare e di imporsi. Tranne una brevissima parentesi, visse 37 anni in Cina e qui si spense nel 1696. 

Durante una delle suddette parentesi, nel 1671, si recò a Palermo, dove i confratelli della Casa Professa fecero realizzare un suo ritratto a grandezza naturale. 
Il gesuita, in abito bruno, con un ventaglio in mano decorato con caratteri cinesi, e un copricapo, si staglia ieratico tra due figure femminili. 
Una, inginocchiata alla sua sinistra, regge un cartiglio, rappresentante, sembra, le mappe lunari. L’altra, alla sua destra, in piedi, indica il crocifisso sul fondo. Scienza e fede. Che circondano la figura e l’opera del celebre gesuita, senza stonare, senza primeggiare. 
E lui, Intorcetta, al centro. Alle sue spalle, il suo mondo: una cometa, una stella e raggi luminosi, una nave, il crocifisso. 

Il dipinto rimase a Casa Professa fino al 1767, quando passò alla Biblioteca Comunale di Palermo. 
Nel 1884, i piazzesi commissionarono a Luigi Pizzillo, valente pittore e restauratore, una copia del ritratto, che nel 1885 fu posta nella Sala del Consiglio Comunale e che da qualche anno è stata collocata nei locali della Pinacoteca Comunale. 
Un’altra si trova nella Biblioteca Comunale di Caltanissetta. Rispetto all’originale, le copie, molto accurate, riproducono solo il mezzo busto del gesuita. 

Qualche settimana addietro, proprio la figura del gesuita piazzese ha inaugurato sull’emittente Radio Mosaici una serie di trasmissioni radiofoniche dedicate ai figli illustri della Città armerina. 

Come sottolineato dai relatori, il Dott. Salvatore Lo Re e il Dott. Giuseppe Portogallo, Prospero Intorcetta ha rappresentato un esempio di studio, passione e cultura della tolleranza e dello scambio tra popoli e società diversissimi tra loro, un uomo che fece della missione vera e aperta al pensiero di popoli apparentemente lontani anni luce da quello europeo, la propria egida di vita. 
Una vita al servizio della conoscenza e della fede, mai disgiunte, mai in conflitto. 
Una lezione per tutti noi, una pagina di sorprendente attualità. 

Per chi volesse attingere a più dettagliate informazioni sulla figura di Prospero Intorcetta, si consiglia di visitare il curatissimo e ricco sito della “Fondazione Prospero Intorcetta Cultura Aperta”. http://www.fondazioneintorcetta.info/

                 Angela Malvina L’Episcopo

Nessun commento: