"Non dubitare che un gruppo di cittadini impegnati e consapevoli possa cambiare il mondo: in effetti è solo così che è sempre andata" (Margaret Mead)

Quello che fai per te stesso morirà con te,quello che fai per gli altri rimarrà per sempre


Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

venerdì 5 febbraio 2016

Grande partecipazione alla 49^ Giornata per la Pace

Il generale inverno, questa volta, ha perduto la guerra. Nettamente sconfitto dagli ideali di pace e unità dei cristiani. 
Il Corteo e la Veglia, curati nei minimi particolari, sono, infatti, riusciti bene, malgrado il freddo gelido di febbraio. 
Il nutrito gruppo di partecipanti, cattolici, ortodossi ed evangelici, partendo dal Circolo di Cultura, si è caratterizzato per i segni, ben assortiti e capaci di “veicolare” il messaggio desiderato. 
La Croce, sofferenza e redenzione; il Cero, Cristo, luce del mondo; la Bibbia, Parola di Dio; la Menorah, l’ Antica Alleanza; il Sale, metafora della sapienza; il Mappamondo, l’ Ecumene (= mondo abitato, tutti i popoli della terra). 
E’ stato valorizzato anche il pane, che nella cultura lettone indica l’amicizia e l’ ospitalità.

Il Circolo di Cultura ha porto il saluto ai Pastori e al Vescovo. Mentre gli onori di casa, sono stati curati da un gruppo di soci, a nome del Direttivo e del Presidente, Prof F.Gamuzza. 
Il corteo ha avuto in inizio, proprio dalla benemerita istituzione, rendendo, così, omaggio alla storia e alla cultura della città di Piazza Armerina. 
Meta della manifestazione: la storica chiesa del complesso benedettino di Fundrò, monumento testimone Unesco per la pace, grazie al progetto, voluto, a suo tempo, dalla Fidapa.

Ben ponderati e graditi gli interventi dei Pastori: S.Scandurra, per il commento al Salmo 71. “…Signore, hai compiuto opere tanto grandi…”; E.Caputo, per la dotta presentazione di Ezechiele 37, 12-14. “..Sto per aprire le vostre tombe, vi farò uscire, popolo mio…”; Padre Calin Radu, per l’ apprezzata esecuzione dell’ inno alla Trinità, con ritmi musicali d’ oriente. S.E. il Vescovo, Mons. R.Gisana, infine, ha proposto all’assemblea ecumenica una magistrale riflessione sulla resurrezione (Matteo 28,1-10) “…Non è qui, perché è risuscitato…”. 

Veramente brave le “Scholae Cantorum” delle comunità avventista e cattolica. 
Alla luce dell’ impegno profuso, quindi, si può considerare un buon momento di crescita quello sperimentato dalla nuova Equipe dell’ Ufficio Ecumenico: Bruno e Laura Aronica, Filippo e Stefania Marino, Filippo e Laura Rausa. 
Di ottimo auspicio per il futuro, certamente, la presenza attiva di Scouts, giovani di S.Antonio, S.Cuore e S. Pietro e di alcune decine di rifugiati, ospiti di strutture d’ ispirazione salesiana, che sono stati puntualmente coinvolti nel clima interpersonale di ecumenismo e dialogo interreligioso. 

                                                                                Mons. Antonino Scarcione










Nessun commento: