"Non dubitare che un gruppo di cittadini impegnati e consapevoli possa cambiare il mondo: in effetti è solo così che è sempre andata" (Margaret Mead)

Quello che fai per te stesso morirà con te,quello che fai per gli altri rimarrà per sempre


Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

mercoledì 27 aprile 2016

Il Palio dei Normanni inserito nel progetto nazionale delle Giostre, Quintane e Palii



COMUNICATO STAMPA

E’ stato ufficializzato a Narni durante l’assemblea nazionale della FIGS (Federazione Italiana Giochi Storici) l’adesione del Palio dei Normanni di Piazza Armerina al progetto “Si dia inizio al torneamento – Giostre, Quintane e Palii d’Italia”, unico nel suo genere in ambito nazionale, che, nel prossimo mese di maggio, vedrà l’allestimento della mostra itinerante sulle manifestazioni cavalleresche nella prestigiosa sede di Palazzo Ferrini a Calvi dell’Umbria.
A Narni si sono infatti incontrati l’ideatore del progetto, l’aretino Roberto Parnetti, e l’assessore Giancarlo Giordani con delega alle Feste e Tradizioni della cittadina siciliana.
Il Palio dei Normanni ritorna, dopo cinque anni, ad essere una delle manifestazioni protagoniste della mostra nazionale poiché già presente alle mostre di Sarteano (2007), San Secondo Parmense
(2009), Montisi (2010) oltre ad essere stato inserito nell’ volume  “Almanacco Giostresco - Paliesco 2009”.
Il Palio dei Normanni è una manifestazione che vuol far rivivere le imprese del conte Ruggero di Sicilia organizzato, fin dalla fine del XVII secolo, dalle confraternite della città con un corteo storico denominato “Cavalcata”.
Nel 1932 fu introdotta una gara equestre e, nel 1952, la quintana del Saraceno ovvero una disfida con i cavalieri rappresentanti i quattro quartieri di Monte, Castellina, Canali e Casalotto che il 13 e 14 agosto di quell’anno diedero vita alla prima edizione del “Palio dei Normanni” all’interno dell’attuale campo sportivo S. Ippolito.
La Giostra si articola su quattro prove di abilità e destrezza lungo un percorso a  forma ellittica: la prima prova è il colpire lo scudo del Saraceno con una lancia, la seconda è il colpire con la mazza ferrata lo scudo quindi il tentare di centrare l’anello con la lancia e l’ultima prova è il lanciare un giavellotto attraverso un anello posto su una forca.

Nessun commento: