"Non dubitare che un gruppo di cittadini impegnati e consapevoli possa cambiare il mondo: in effetti è solo così che è sempre andata" (Margaret Mead)

Quello che fai per te stesso morirà con te,quello che fai per gli altri rimarrà per sempre


Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

giovedì 10 novembre 2016

San Martino Vescovo di Tours, le iniziative nel Quartiere

.

Venerdì 11 novembre, per il diciasettesimo anno consecutivo, il Comitato di Quartiere, per ricordare la figura di San Martino santo Patrono del Nobile Quartiere Monte, ha organizzato con il patrocinio dell'Amministrazione comunale, Assessorato al Turismo e Beni Culturali, il Concorso di disegno e poesia su “San Martino e la vendemmia” rivolto agli alunni della scuola l’Istituto Comprensivo Luigi Capuana/Filippo Cordova. 

I ragazzi saranno accolti alle ore 10:30 presso l’Auditorium dell'ex chiesa S.Anna, per la premiazione degli elaborati e la proiezione di un cortometraggio su san Martino realizzato qualche anno fa dai ragazzi dell'Oratorio Giovani Orizzonti.
 
Ma chi era San Martino, di seguito la storia di questo santo venerato nella nostra città dall'anno 1000.
 
San Martino nasce a Sabaria (Szombathely) in Ungheria, nel 316. A 10 anni, mostra una grande sensibilità e attitudine per condurre una vita in comune con gli atri fedeli e, contemporaneamente, per fare esperienza di vita eremitica, nello studio delle Sacre Scritture, nella meditazione e nella preghiera. 
A 15 anni, si arruola e diviene ufficiale della guardia a cavallo, distinguendosi per le sue virtù: carità, modestia e spirito ascetico. 
Nel 334, ad Amiens in Francia, avviene il famoso episodio del mantello, tagliato a metà e condiviso con un mendicante. Successivamente, gli appare in visione il Cristo, avvolto proprio in un pezzo di mantello.
 Martino “legge” l’accaduto come il segnale della chiamata a diventare, da soldato dell’imperatore, soldato di Cristo. Affronta questa nuova avventura mettendosi alla sequela di Ilario,vescovo di Poitiers. 
Ritornato in Ungheria, converte la mamma al cristianesimo, in seguito, viene a Milano, per fare esperienza ascetico-monastica. 
 Nel 371, “a furor di popolo”, è nominato vescovo di Tours. Martino è, altresì, ricordato per i seguenti meriti: carità, guarigioni miracolose, esorcismi, evangelizzazione delle campagne e difesa della retta dottrina contro le eresie e le superstizioni. 
 La sua grande forza deriva dal saper coniugare: azione apostolica e vita contemplativa.   
 Dopo la sua morte, iniziano numerosi pellegrinaggi alla sua tomba dalla Francia, dall’ Italia e dalla Spagna. 
 Essi ebbero nuovo impulso dopo la conversione di Clodoveo, re dei Franchi, che si recò presso la sua tomba a rendergli omaggio.
 In Francia, portano il suo nome ben 485 comuni e 3667 parrocchie. In Italia, già nel XIII sec., 132 chiese e 15 altari.
 Il nome “Martino” vuol dire “dedicato a Marte”. Emblemi di San Martino: Mantello diviso, Spada, Oca, Pastorale. E’ Patrono protettore di: Poitiers; dei Mendicanti, Sarti, Albergatori, Soldati.
 



                   

Nessun commento: