"Non dubitare che un gruppo di cittadini impegnati e consapevoli possa cambiare il mondo: in effetti è solo così che è sempre andata" (Margaret Mead)

Quello che fai per te stesso morirà con te,quello che fai per gli altri rimarrà per sempre


Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

sabato 5 agosto 2017

La Domenica con Gesù, Solennità della Trasfigurazione del Signore

……… per tutti coloro che desiderano lasciarsi guidare dalla Parola di Dio: un commento per meditare e per prepararsi alla Liturgia della Santa Messa domenicale.

Testi: “…Un vegliardo si assise. La sua veste era candida come la neve…” Dn 7,9-10. 13-14 . “…Vi abbiamo fatto conoscere la potenza e la venuta del Signore nostro Gesù Cristo…perché siamo stati testimoni oculari…” Pt 1,16-19 . “…Il suo volto brillò come il sole e le sue vesti divennero candide come la luce…Questi è il Figlio mio, l’ amato: in lui ho posto il mio compiacimento. Ascoltatelo…” Mt 17,1-9.

Il 6 agosto, la Chiesa cattolica e quella ortodossa celebrano la Trasfigurazione del Signore. Gesù prende con sé alcuni discepoli e sale sul Monte Tabor. Pietro, Giacomo e Giovanni furono scelti, per assistere ad una realtà ineffabile. Notiamo che Cristo, mentre pregava, cambiò d’ aspetto e la sua veste divenne candida e sfolgorante. Due uomini parlavano con lui: Mosè ed Elia, che rappresentano la Legge e i Profeti.

Vediamo che in questo episodio c’ è una netta contrapposizione tra Trasfigurazione (in greco metamorfosi = cambio, novità, rinascita) e agonia del Signore al Getsemani.

La Trasfigurazione è ben degna di una Liturgia, che la Chiesa, sia in Occidente che in Oriente, aveva celebrato in diversi modi, finchè Papa Callisto III, nel 1457, non la estese a tutta la Chiesa. S.Agostino precisa, in uno dei suoi Discorsi (n.78), che i vestiti del Signore sono la Chiesa. “ Se i vestiti non fossero tenuti ben stretti da colui che li indossa, cadrebbero. Cosa c’ è di strano, quindi, se mediante il vestito bianchissimo viene simboleggiata la Chiesa, dal momento che Isaia afferma: anche se i vostri peccati fossero di color rosso scarlatto, li farò diventare bianchi come neve (Is 1,18)?

Dunque, anche se i peccati commessi dagli uomini di Chiesa fossero assai gravi, la sua Sposa, la Chiesa, avrebbe, comunque, un abito candido, grazie al suo “Sole”, il Cristo.

A quella visione, Pietro esprime, con immediatezza, i propri sentimenti umani:” Maestro, è bello per noi stare qui. Facciamo tre tende; una per te, una per Mosè e una per Elia”. Notiamo che, chiaramente, Pietro utilizza canoni di carattere terreno.

Spiega ancora S.Agostino: “E’ bello per noi, Signore, come afferma Pietro, stare qui. Egli, infatti, era infastidito dalla folla; adesso, ha, finalmente, trovato la serenità della solitudine sul monte; lì, poteva avere Cristo, come cibo dell’ anima. Perché scendere dal monte in mezzo agli altri tra le fatiche e i dolori dell’ esistenza? Di fronte a Cristo glorioso, Pietro aveva trovato la felicità e non avrebbe più voluto muoversi da quel luogo. Mentre ancora parlava, arrivò una nube e li avvolse e da essa uscì una voce: “Questi è il Figlio mio, l’ eletto, ascoltatelo !” La medesima voce che si era udita, quando Giovanni Battista aveva battezzato Gesù al fiume Giordano.

Vi è una tradizione, attestata da Cirillo d’ Alessandria e da Girolamo, secondo la quale il monte della Trasfigurazione sarebbe il Tabor. Proprio su quel colle i bizantini costruiranno tre chiese. E, successivamente, i Benedettini edificheranno un’ abbazia.

La Trasfigurazione, secondo gli storici della liturgia, è stata fissata al 6 agosto, in quanto l’ evento si sarebbe verificato quaranta giorni prima della crocifissione del Signore.

                                                            Mons. Antonino Scarcione

martedì 1 agosto 2017

Conclusa la terza giornata di Prove di selezione dei Cavalieri giostranti

Di seguito i punteggi dei cavalieri dei quartieri Casalotto, Castellina e Canali, i primi sei rappresenteranno i rispettivi quartieri nel Palio dei Normanni





domenica 30 luglio 2017

Battesimo di Quartiere, 6^ edizione - ore 18:30 piazza Castello


La Domenica con Gesù, XVII del Tempo Ordinario/ A

……… per tutti coloro che desiderano lasciarsi guidare dalla Parola di Dio: un commento per meditare e per prepararsi alla Liturgia della Santa Messa domenicale.

Testi: “Salomone non chiede lunga vita, ricchezza e potenza, ma docilità di cuore, intelligenza e discernimento” 1 Re 3,5.7-12 . 
“Il progetto: Dio chiama l’ uomo a partecipare alla sua gloria” Rm 8,28-30 . 
"Le parabole del tesoro e della perla esaltano il valore fondamentale del regno di Dio, quella della rete richiama il giudizio finale tra il bene e il male” Mt 13,44-52.


Con i termini “regno dei cieli” s’intende la società alternativa, che Gesù è venuto a realizzare su questa terra. Essa è simile ad un tesoro nascosto nel campo; l’ uomo che lo trova, non lo cercava affatto, egli lo ha semplicemente trovato; è stata un’ opportunità che egli, certamente, coglie al volo…Lo nasconde, poi va, pieno di gioia, vende tutti i suoi averi e compra quel campo. Sappiamo che Paolo, nella lettera ai Filippesi, scrive che ciò che egli, umanamente parlando, considerava un guadagno, adesso, dopo l’ incontro con Cristo, lo considera una perdita, addirittura “spazzatura”, perchè Gesù e il suo messaggio sono tutto.

Ed ancora, “il regno dei cieli”, dice il Signore, “è simile anche ad un mercante che va in cerca di perle preziose, trovata una perla di grande valore, va, vende tutti i suoi averi e la compra”. Ed inoltre, “il regno dei cieli è simile ad una rete gettata nel mare”, che raccoglie ogni genere (di pesci ). Vediamo che l’ offerta dell’ amore di Dio è per tutta l’ umanità, sta agli uomini rispondere o meno. “Quando la rete è piena, i pescatori raccolgono i pesci buoni nei canestri e buttano via quelli marci. Infatti, quelli che scelgono la vita sono pieni di vita, quelli che scelgono la morte, sono pieni di morte, quindi inutili.

Così sarà alla fine dei tempi. Quindi, coloro che scelgono l’ amore, la condivisione, la generosità, il perdono, costituiscono “il regno dei cieli”, che Gesù è venuto ad inaugurare; quelli, che, invece, scelgono l’ egoismo, l’ avidità e il potere, sono “pieni di morte”.

Al termine delle sette parabole del regno, Gesù dice: “avete compreso tutte queste cose ?”. Risposero: “sì”. Egli disse: “ per questo, ogni scriba (il maestro per eccellenza), divenuto discepolo, trae dal suo tesoro cose nuove( ad es. il comandamento dell’ amore) e cose antiche ( ad es. la tradizione di Mosè).  
                                                                Mons. Antonino Scarcione

venerdì 28 luglio 2017

I risultati della 3^ giornata, i nomi dei cavalieri del Monte, per i Canali bisognerà attendere lunedì

Di seguito riportiamo i punteggi dei singoli cavalieri, della terza giornata di selezioni tra i cavalieri iscritti nel quartiere Monte Mira e Canali. 
I risultati sommati alle altre due giornate di selezioni, determinano la seguente classifica finale con i primi sei cavalieri che comporranno la squadra che rappresenterà i quartieri nel corso della Quintana del Saraceno.




La squadra che rappresenterà il quartiere per il Palio dei Normanni è la seguente:
1) CIFALU' SALVATORE.............punti 156
2) TAGLIARINO AMBROGIO....punti  150
3) TAGLIARINO IVAN.................punti 131
4) TAGLIARINO SALVATORE....punti 127
5) STIVALA CALOGERO.............punti 98
6) RIZZO MARIO..........................punti 86
////////////////
Andranno a comporre la Cavalleria normanna i seguenti cavalieri:
7) FURIERE SALVATORE............punti 79
8) SPITALE ANDREA..................punti 49
9) CAGNO DANILO....................punti 12
10) FAVELLA CONCETTO..........punti
Per il quartiere Canali si dovrà aspettare il recupero delle prove di altri tre cavalieri giostranti, Dario Di Seri, Vincenzo Pilotta e Giuseppe Arancio.




Venerdì e Lunedì terza ed ultima giornata di Prove di Selezione


3^ Giornata, ore 18:00 - Campo Sant'Ippolito
Venerdì 28 luglio - Monte e Canali.
Lunedì 31 luglio - Casalotto e Castellina.



 











(foto di repertorio)

Parziali dopo le prime due prove dei cavalieri del Monte Mira


Di seguito la classifica parziale dopo le prime due giornate di prove di selezione per il palio dei Normanni:

1) CIFALU' SALVATORE.............punti 110
2) TAGLIARINO SALVATORE....punti  92
3) TAGLIARINO AMBROGIO.....punti 88
4) TAGLIARINO IVAN.................punti 81
5) STIVALA CALOGERO.............punti 70
6) RIZZO MARIO..........................punti 67
7) FURIERE SALVATORE............punti 60
8) SPITALE ANDREA..................punti 33
9) CAGNO DANILO....................punti 12
10) FAVELLA CONCETTO..........punti

I risultati della 2^ giornata di Prove di Selezione Casalotto e Castellina

Di seguito i risultati della 2^ giornata di prove di Selezione per i Quartieri Casalotto e Castellina. 
Inoltre, i risultati di tre cavalieri del quartiere Monte Mira che hanno recuperato la prova di selezione.




mercoledì 26 luglio 2017

I risultati della II^ Giornata di prove di selezione quartieri Canali e Monte Mira


Di seguito i risultati della 1^ giornata di prove di Selezione per i Quartieri Canali e Monte Mira. 
Inoltre, i risultati di due cavalieri del Casalotto e della Castellina autorizzati ad anticipare la prova di selezione.








martedì 25 luglio 2017

Martedì e Giovedì seconda giornata di Prove di Selezione

2^ Giornata, ore 18:00 - Campo Sant'Ippolito
Martedì 25 luglio - Monte e Canali.
Giovedì 27 luglio - Casalotto e Castellina.

 

lunedì 24 luglio 2017

Il nuovo sito del Palio: www.paliodeinormanni.com


www.paliodeinormanni.com 

Da stamani in rete il nuovo sito del Palio dei Normanni, utile ai piazzesi e ai visitatori in genere che si avvicinano alla nostra città per conoscere la storica kermesse, realizzato dal Magistrato dei Quartieri, in collaborazione con il Comune, Assessorato Sport, Turismo e Spettacolo guidato da Carmelo Gagliano.
Il progetto grafico del sito curato da Marco Scozzarella, le foto da Mario Noto e i testi da Filippo Rausa.
Di qui a poco, l’obiettivo di ampliare i contenuti, arricchendolo di immagini e di riferimenti dinamici, con una ricca galleria fotografica, e una sezione notizie, inoltre i collegamenti web e social di ogni Quartiere, nonché sul sito istituzionale del Comune di Piazza Armerina.




domenica 23 luglio 2017

Pietro Rausa restaura la testa del Saracino del Palio dei Normanni

Nelle scorse settimane è stata restaurata la caratteristica testa di moro, uno dei simboli che caratterizzano il nostro Palio dei Normanni, infatti il Saracino, connota fin dal 1951, anno di istituzione dell'attuale Palio dei Normanni, la giostra o quintana del Saracino.

A curare il restauro, il giovane artista piazzese Pietro Rausa, studente presso l'Accademia di Belle Arti.

La scultura, ci racconta Pietro, versata in condizioni di massimo degrado; presentava fessurazioni del legno dovute al naturale deterioramento del materiale. Abrasioni, lacune e sollevamento della vernice, e macchie causate da ritocchi maldestri effettuati in passato con materiali di fortuna.

Nella descrizione degli interventi, Pietro  ci dice che: ha iniziato con un'analisi preliminare dell'opera, dopodiché ha proceduto con una pulizia e rimozione della vernice degradata. Poi ha proceduto con il consolidamento ed il livellamento delle fessurazioni del legno, con stucco acrilico e naturale. Infine la colorazione con vernice acrilica e smalto protettivo.

Il restauro della scultura in legno è stata a costo zero per il Comune, che si è limitato ad acquistare i prodotti necessari all'intervento di restauro.

La testa di moro fu realizzata nel 2006 dall'artista intagliatore e scalpellino Angelo Salemi di Mazzarino.

 

 



  




La Domenica con Gesù, XVI del Tempo Ordinario/ A

……… per tutti coloro che desiderano lasciarsi guidare dalla Parola di Dio: un commento per meditare e per prepararsi alla Liturgia della Santa Messa domenicale.

Testi: “Il Signore custodisce il creato con il suo amore e la sua giustizia” Sap 12,13.16-19 .
“ Lo Spirito soccorre la debolezza dell’ uomo” Rm 8,26-27.
 “Le parabole della semina” Mt 13,24-43.

Questa parabola, come, opportunamente, afferma Giovanni Vannucci, ha modificato il volto di Dio in lui. Egli, più precisamente, diceva: “Il nostro cuore è un pugno di terra, seminato di buon seme e assediato da erbacce; una zolla, dove intrecciano le loro radici…il bene e il male”. Vediamo che i servi dicono al padrone: “Vuoi che andiamo a togliere la zizzania ?”. La risposta che ricevono è netta: “No”. A questo punto, registriamo, quasi un “conflitto” di sguardi: quello dei servi, che “indugia” sul male e quello del padrone, che, invece, si sofferma sul bene.

Certamente, davanti a Dio, commenta E.Ronchi, una spiga di buon grano vale più di tutta la zizzania del campo. Il bene è più importante del male. La luce conta più del buio. Infatti, “la morale” del vangelo è quella del cammino, della fecondità dell’ avvio, dei grappoli, che maturano al sole e delle spighe, che si “gonfiano” di vita.

La parabola ci invita a liberarci dai falsi esami di coscienza, dallo stilare il solito elenco (sempre lo stesso) delle nostre fragilità. Infatti, la nostra coscienza deve scoprire, prima di tutto, ciò che di vitale, bello, buono, promettente, la mano di Dio ha seminato in noi: il giardino dell’ Eden affidato alle nostre cure.

Tentiamo, quindi, di individuare la strada, sulla quale Dio agisce: Egli, per vincere la notte, “accende” il mattino; per far fiorire la steppa, “getta” infiniti semi di vita; per far “sollevare” la farina pesante e immobile, “mette” un po’ di lievito. Mentre, è “Dio, ad avviare la primavera del cosmo, a noi, invece, spetta diventare l’ estate profumata di biondo grano”. “Io non sono i miei difetti, ma le mie maturazioni. Non sono stato creato ad immagine del Nemico, bensì, ad immagine del Cratore”.

L’ attività religiosa, solare, positiva, vitale, che dobbiamo avere verso di noi stessi, consiste nel non preoccuparci, prima di tutto, delle erbacce o dei difetti, ma nel “venerare” la bontà, la generosità, l’accoglienza, la bellezza e la tenerezza, che Dio ci ha affidato. Facciamo in modo che queste “esplodano”, in tutta la loro potenza, e vedremo che “le tenebre” scompariranno.

Custodiamo e coltiviamo accuratamente i talenti, i doni, i semi di vita e scopriremo che la zizzania avrà sempre meno spazio. Siamo indulgenti, anche con noi stessi e tutto il nostro essere splenderà nella luce.


                                                 Mons. Antonino Scarcione

sabato 22 luglio 2017

Ingresso gratuito a Villa Romana per l'evento "Suoni e Luci"


Nei giorni 23 e 30 luglio, 13 e 20 agosto, dalle ore 21,30 alle ore 24,00, nell'ambito dell'evento “Suoni e Luci”, l'ingresso alla Villa Romana del Casale sarà gratuito.

Gli organizzatori, previa prenotazione, accompagneranno gruppi di max 150 persone lungo il percorso per assistere agli spettacoli.

Per prenotazioni: Suite d'Autore Point, Via Garibaldi, 40 – Piazza Armerina – tel. 344 2553627, dalle ore 10,00 alle ore 20,00.

I risultati della 1^ giornata di Prove di Selezione Casalotto e Castellina

Di seguito i risultati della 1^ giornata di prove di Selezione per i Quartieri Casalotto e Castellina.




I Musici del Nobile Quartiere Monte Mira a Linguaglossa coi i giovani del Rotary


Giovedì 20 luglio, il gruppo musici del nobile quartiere Monte Mira, accompagnato dal presidente emerito del quartiere Filippo Purrazza, ha presenziato a Linguaglossa, un comune in provincia di Catania, ad una iniziativa promossa dal Rotary club, volta a coinvolgere i giovani Rotariani provenienti dall'Italia e da diverse nazioni europee, in un progetto su Federico II di Svevia.

La manifestazione a dato la possibilità a tutti i ragazzi rotariani di partecipare al piccolo corteo che si è snodato per le vie di Linguaglossa, in quanto il nobile quartiere Monte ha messo a disposizione un buon quantitativo di costumi necessari per fare entrare nella "parte" di ambientazione medievale i ragazzi. 

Di seguito alcuni scatti fotografici:






I risultati della 1^ giornata di Prove di Selezione Canali e Monte

Di seguito i risultati della 1^ giornata di prove di Selezione per i Quartieri Canali e Monte Mira. Inoltre nella giornata di ieri due cavalieri del Casalotto sono stati autorizzati ad anticipare la prova di selezione.