"Non dubitare che un gruppo di cittadini impegnati e consapevoli possa cambiare il mondo: in effetti è solo così che è sempre andata" (Margaret Mead)

Quello che fai per te stesso morirà con te,quello che fai per gli altri rimarrà per sempre


Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

sabato 1 aprile 2017

Riforma servizi sanitari-ospedalieri in Sicilia


Con la nuova rete ospedaliera siciliana dell’emergenza – urgenza, approvata dal governo Crocetta viene potenziato l’Umberto I di Enna e ridimensionati fortemente gli ospedali di Piazza Armerina, Leonforte e Nicosia.
Non è ben chiaro se l'Ospedale Chiello in tutta questa vicenda ci guadagna o ci perde, unica cosa certa è che ci siamo staccati dall'Umberto I di Enna, prima eravamo ospedali riuniti (ma solo a Enna), e quindi in un atteggiamento di ottimismo dobbiamo guardare "il lato positivo delle cose" e quindi capire se il bicchiere è mezzo pieno o mezzo vuoto. 
Staccati dalla presa mortale di Enna, il Chiello viene classificato come Presidio Ospedaliero di Base, e di conseguenza perde Cardiologia, Nefrologia, Ostetricia e ginecologia, Otorinolaringoiatria e Pediatria. 
Mantiene la Chirurgia ma i posti passano da 16 a 6, Medicina generale 10 posti rispetto agli attuali 24, Ortopedia e traumatologia passa da 12 a 6 posti, la Lungo degenza viene potenziata e passa da 6 a 16 posti, e con 12 posti letto è prevista Recupero e riabilitazione funzionale.
Questo nuovo "riordino" o forse sarebbe il caso di dire "ridimensionamento" dovrebbe scongiurare la paventata chiusura degli ospedali minori più volte annunciata in cui rientravano Piazza e Leonforte. Non si chiude ma si riduce, forse aspettando tempi migliori, un nuovo boom economico tipo anni 60, il miracolo economico italiano che al momento neanche i più ottimisti riescono a vedere.
Ospedale Michele Chiello
Intanto è scontro aperto sul riordino di ospedali e reparti in Sicilia. Da sindacati e deputati piovono
critiche ma l’ assessore regionale Baldo Gucciardi difende il piano: «La nuova rete degli ospedali è costruita per garantire che ogni cittadino, ovunque si trovi, abbia accesso alle cure e al soccorso in tempi rapidi».
La polemica però è esplosa. Angelo Collodoro del Cimo, il sindacato dei medici, ritiene che «siamo di fronte ad una operazione solamente politica.
L’assessore sta parlando di posti di lavoro perché siamo già in campagna elettorale. Il ministero non ha dato l’ok a tutti i documenti della nuova rete. E non si possono fare tre hub a Catania e due a Palermo». Collodoro aggiunge che «i sindacati non hanno mai dato un parere favorevole alla rete e che le firme allegate nel verbale dell’ incontro sono soltanto le presenze alla riu nione in cui non ci venne mai dato alcun documento e quindi non potevamo mai esprimere un parere favorevole».
Oggi Gucciardi firmerà il decreto che invierà a Roma per il via libera finale del ministero previsto il 4 aprile.
L’Umberto I di Enna, che viene classificato come Spoke, ossia centro ospedaliero “a media intensità di intervento”, perde i 12 posti di Geriatria ma ottiene 24 posti letto di Cardiologia rispetto ai 12 attuali, Chirurgia generale passa da 20 a 22 posti, Dermatologia rimane a 4, Malattie infettive e tropicali passa da 15 a 10 posti, Astanteria da 8 a 10 posti, Medici na generale da 18 a 30 posti, Nefrologia da 4 a 10 posti, Neonatologia scende da 10 a 4 posti, Neurologia da 24 a 18, Oculistica da 7 a 6, Oncologia da 9 a 8, Ortopedia e traumatologia da 19 a 32 posti, Ostetricia e ginecologia da 36 a 38 posti, Otorinolaringoiatria da 6 a 10 posti, Pediatria da 12 a 26 posti, Psichiatria da 10 a 15 posti, Terapia intensiva da 7 a 12 posti, Terapia intensiva neonale da 8 a 16 posti, Unità coronarica rimane a 6 posti, Urologia passa da 16 a 12, Recupero e riabilitazione funzio nale da 3 a 18 posti.
Il Basilotta di Nicosia, anch’esso classificato come presidio ospedaliero di base, mantiene il Punto nascita, sulla base della deroga ministeriale, ma perde la Cardiologia. Chirurgia generale passa da 11 a 6 posti, Medicina generale da 19 a 18 posti, Ortopedia e traumatologia da 7 a 12 posti letto, Ostetricia e ginecologia da 9 a 8 posti, Pediatria mantiene i suoi 8 posti, la Lungodegenza viene potenziata e passa da 4 a 16 posti letto. Vengono introdotti 2 posti di Neonatologia e 20 posti letto di Recupero e riabilitazione funzionale.
Al Ferro Capra Brancifori di Leonforte, classificato come ospedale di zona disagiata, Chirurgia scende da 16 a 6 posti letto, Medicina da 22 a 20, Recupero e riabilitazione funzionale passa da 12 a 16 posti letto, viene introdotta la Lungodegenza con 16 posti letto.
Le postazioni medicalizzate del 118 sono previste a Enna, Piazza Armerina, Pietraperzia, Regalbuto e Troina.
Per l’area Agrigento – Caltanissetta – Enna l’hub di riferimento è quello costituito dall’ospedale Sant’Elia di Caltanissetta.

Di seguito la tabella con il nuovo riordino ospedaliero.

CITTÀ SEDE DI PRESIDIO OSPEDALIERO
CLASSIFICAZIONE
POSTI LETTO Totali
UOC
Totali
UOS
Totali
Agrigento
DEA I
321
27
8
Canicattì
Presidio di Base
125
8
9
Licata
Presidio di Base
124
7
8
Sciacca
DEA I
230
15
9
Ribera
Riunito con Sciacca
102
2
5
Caltanissetta
Dea II
328
29
20
Mussomeli
PS Zona Disagiata
52
2
7
Gela
DEA I
236
20
15
Niscemi
PS Zona Disagiata
38
0
6
Mazzarino
PS Zona Disagiata
44
0
7
Acireale
DEA I
147
17
6
Giarre
Riunito con Acireale
54
2
4
Biancavilla
Presidio di Base
75
8
4
Paternò
Presidio di Base
58
4
6
Bronte
PS Zona Disagiata
84
3
6
Caltagirone
DEA I
275
22
10
Militello V. C.
PS Zona Disagiata
66
2
4
Enna
DEA I
335
24
12
Piazza Armerina
Presidio di Base
60
2
7
Leonforte
PS Zona Disagiata
60
2
5
Nicosia
Presidio di Base
94
5
10
Patti
Presidio di Base
129
16
9
S. Agata Militello
Presidio di Base
79
6
10
Mistretta
PS Zona Disagiata
88
2
5
Milazzo
DEA I
139
9
6
Barcellona
Riunito con Milazzo
66
0
7
Lipari
PS Zona Disagiata
32
1
8
Taormina
DEA I
175
19
13
Partinico
Presidio di Base
143
12
6
Corleone
PS Zona Disagiata
73
1
7
Petralia Sottana
PS Zona Disagiata
60
1
4
Termini Imerese
Presidio di Base
137
13
6
Ingrassia (PA)
DEA I
177
13
10
Villa delle Ginestre
Riunito con Ingrassia
62
2
4
Ragusa
DEA I
421
25
17
Vittoria
DEA I
145
10
9
Comiso
Riunito con Vittoria
80
2
5
Modica
DEA I
164
11
12
Scicli
Riunito con Modica
72
1
6
Siracusa
DEA I
363
27
11
Avola
DEA I
133
8
10
Noto
Riunito con Avola
56
0
3
Augusta
PS Alto Rischio ambientale
111
5
13
Lentini
Presidio di Base
132
10
5
Trapani
DEA I
341
28
14
Salemi
Riunito con Trapani
78
4
7
Alcamo
Presidio di Base
75
4
7
Pantelleria
PS Zona Disagiata
30
2
7
Marsala
DEA I
160
14
10
Mazara Del Vallo
Presidio di Base
123
10
8
Castelvetrano
Presidio di Base
112
10
8

    
                 

Nessun commento: