"Non dubitare che un gruppo di cittadini impegnati e consapevoli possa cambiare il mondo: in effetti è solo così che è sempre andata" (Margaret Mead)

Quello che fai per te stesso morirà con te,quello che fai per gli altri rimarrà per sempre


Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

domenica 23 luglio 2017

Pietro Rausa restaura la testa del Saracino del Palio dei Normanni

Nelle scorse settimane è stata restaurata la caratteristica testa di moro, uno dei simboli che caratterizzano il nostro Palio dei Normanni, infatti il Saracino, connota fin dal 1951, anno di istituzione dell'attuale Palio dei Normanni, la giostra o quintana del Saracino.

A curare il restauro, il giovane artista piazzese Pietro Rausa, studente presso l'Accademia di Belle Arti.

La scultura, ci racconta Pietro, versata in condizioni di massimo degrado; presentava fessurazioni del legno dovute al naturale deterioramento del materiale. Abrasioni, lacune e sollevamento della vernice, e macchie causate da ritocchi maldestri effettuati in passato con materiali di fortuna.

Nella descrizione degli interventi, Pietro  ci dice che: ha iniziato con un'analisi preliminare dell'opera, dopodiché ha proceduto con una pulizia e rimozione della vernice degradata. Poi ha proceduto con il consolidamento ed il livellamento delle fessurazioni del legno, con stucco acrilico e naturale. Infine la colorazione con vernice acrilica e smalto protettivo.

Il restauro della scultura in legno è stata a costo zero per il Comune, che si è limitato ad acquistare i prodotti necessari all'intervento di restauro.

La testa di moro fu realizzata nel 2006 dall'artista intagliatore e scalpellino Angelo Salemi di Mazzarino.

 

 



  




Nessun commento: