"Non dubitare che un gruppo di cittadini impegnati e consapevoli possa cambiare il mondo: in effetti è solo così che è sempre andata" (Margaret Mead)

Quello che fai per te stesso morirà con te,quello che fai per gli altri rimarrà per sempre


Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

domenica 31 dicembre 2017

La Domenica con Gesù, Santa Famiglia di Gesù Giuseppe e Maria / B

……… per tutti coloro che desiderano lasciarsi guidare dalla Parola di Dio: un commento per meditare e per prepararsi alla Liturgia della Santa Messa domenicale.


Testi: “…Guarda il cielo e conta le stelle, se riesci a contarle”…”Tale sarà la tua discendenza…” Gen 15,1-6;21,1-3 . 
“…Per fede, Abramo…obbedì…e partì senza sapere dove andava…Per fede, Abramo, offrì Isacco,…il suo unigento figlio…” Eb 11,8.11-12.17-18 . 
“Il bambino cresceva pieno di sapienza” Lc 2,22-40.


-La riflessione fa tesoro del commento di J.M. Castillo. Vediamo che la liturgia odierna propone ai cristiani la famiglia di Gesù come modello ed esempio di quello che deve essere e come dev’ essere una famiglia perfetta. Cosa che, se si pensa con le convinzioni di un credente, risulta abbastanza ragionevole. Tuttavia, questo implica anche un problema, l’ “idealizzazione” della “Sacra Famiglia”. Diciamolo subito, ma quest’ ideale corrisponde alla realtà o a quello che le persone “conservatrici” vorrebbero che fosse realizzato ?

-Già nei vangeli dell’ infanzia si “raccontano” cose, che dovrebbero sconvolgere la convivenza: Maria restò incinta, senza che il promesso sposo Giuseppe lo sapesse. Egli fu sul punto di abbandonare Maria. E, quando nacque il bambino, si videro minacciati, fino al punto di fuggire in un paese lontano. Inoltre, la fuga in Egitto, nell’ antichità, si faceva come fuga nel deserto, da parte di coloro che erano perseguitati dall’ autorità. Essi erano autentici profughi. E si mise a dire e a fare cose che le autorità religiose videro che erano pericolose ed erano una questione grave.

-La famiglia è l’istituzione fondamentale, affinchè noi, quando veniamo a questo mondo, ci integriamo nella società e siamo buoni cittadini. La famiglia deve soddisfare all’ esigenza d’affetto e di educazione ai valori fondamentali, soprattutto ai “Diritti Umani”. Ma non dimentichiamo che la famiglia è, alle sue origini, un’ “istituzione economica”, che garantisce e sulla quale si rende legale il diritto di proprietà. Da questo deriva il pericolo che l’ interesse economico si sovrapponga ai valori. Bisogna proteggere i valori della famiglia. Essi vengono assicurati, quando si proteggono l’ affetto, il rispetto, il buon tratto di cortesia e la bontà.

                                                                Mons. Antonino Scarcione

Nessun commento: