"Non dubitare che un gruppo di cittadini impegnati e consapevoli possa cambiare il mondo: in effetti è solo così che è sempre andata" (Margaret Mead)

Quello che fai per te stesso morirà con te,quello che fai per gli altri rimarrà per sempre


Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

domenica 13 maggio 2018

La Domenica con Gesù, ASCENSIONE DEL SIGNORE / B

……… per tutti coloro che desiderano lasciarsi guidare dalla Parola di Dio: un commento per meditare e per prepararsi alla Liturgia della Santa Messa domenicale

“Nel primo racconto, o Teofilo, ho trattato di tutto quello che Gesù fece ed insegnò dagli inizi fino al giorno in cui fu assunto in cielo…” At 1,1-11 . 
“…Asceso in alto…ha distribuito doni agli uomini…Ha dato ad alcuni di essere apostoli, ad altri…profeti…ad altri…di essere evangelisti,…pastori e maestri…” Ef 4,1-13 . 
“…Andate in tutto il mondo e predicate il vangelo ad ogni creatura…Il Signore, dopo ave parlato con loro, fu elevato in cielo…” Mc 16, 15-20.

L’ evento dell’ Ascensione non indica che Gesù sia andato altrove o in alto. Egli è andato avanti alla sua Chiesa e “fa ardere il suo roveto” in ogni angolo della terra. Occupa il centro della mia esistenza ed è “più intimo a me di me stesso”, come ottimamente afferma S. Agostino. 
Il sacro testo così recita: “Agiva insieme con loro e confermava la parola con i segni che l’accompagnavano”. 
Il S. Padre, Benedetto XVI, così afferma: “L’ Ascensione non è un percorso cosmico ma è la navigazione del cuore che ti conduce dalla chiusura in te all’ amore che abbraccia l’ universo”. 
A questa esperienza Gesù chiama un manipolo di uomini impauriti e confusi e un nucleo di donne coraggiose e fedeli, affidando loro il mondo. Ermes Ronchi, nella sua sintetica riflessione, afferma che il Signore li addestra a pensare in grande e a guardare lontano. 
Crede in loro, nonostante che abbiano capito poco, lo abbiano tradito e rinnegato e alcuni siano ancora nel dubbio. Egli ha fiducia anche in noi, in queste nostre mani, in questo nostro cuore; sa bene che noi possiamo “contagiare” di gioia chi ci è affidato. Ma tutto ciò è possibile ? E’ possibile, come suggerisce il versetto: “Ed essi partirono e predicarono dappertutto…”. Nella Chiesa non si è mai soli. Marco, giustamente, afferma: “Gesù è energia che opera con te per la vita”. Infatti, egli è con noi in ogni nostro gesto di bontà, quando porgiamo una parola di serenità e siamo costruttori di pace. “Nelle nostre mani ci sono le sue mani”. Quanto sono significative le parole: “Imporranno le mani ai malati e questi guariranno”. Imporre le nostre mani su qualcuno, come una carezza, come un gesto terapeutico ! Certamente, non si può incominciare a parlare di etica e di vangelo, se, prima, non si prova un sentimento di cura per qualcosa o per qualcuno.

Il lebbroso di Assisi comincia a guarire, quando Francesco lo abbraccia ; ritorna uomo, quando è accolto così com’ è, ancora ammalato; ritorna pienamente uomo, quando Francesco gli impone non solo le mani, ma lo abbraccia.

Se ci avviciniamo a chi soffre e tocchiamo con mani e occhi, che accarezzano quella carne, in cui brucia il dolore, potremo sentire che “Dio salva e lo fa attraverso le persone” (Romano Guardini).

                                                                    Mons. Antonino Scarcione

Nessun commento: