"Non dubitare che un gruppo di cittadini impegnati e consapevoli possa cambiare il mondo: in effetti è solo così che è sempre andata" (Margaret Mead)

Quello che fai per te stesso morirà con te,quello che fai per gli altri rimarrà per sempre


Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

martedì 21 agosto 2018

Doppia presentazione del drappo del Palio 2018 realizzato da Pietro Rausa

Martedi 7 agosto in piazza Falcone e Borsellino nel corso della serata "Meraviglioso" programma del noto conduttore televisivo Salvo La Rosa, è stato presntato in anteprima il drappo del Palio, commissionato dall'Amministrazione Cammarata all'artista Pietro Rausa.

Una vetrina senza precedenti per la presentazione del drappo del Palio, che con tutti gli onori, alla presenza dei musici dei quattro quartieri storici, Monte Mira, Castellina, Canali e Casalotto, in una cerimonia ad hoc e stato svelato agli occhi delle migliaia di concittadini che affollavano la piazza.

Ettore Messina, assessore al Turismo della città, profittando del palcoscenico e dalla presenza di alcune Tv che registravano il programma, ha voluto presentare anche al palcoscenico televisivo la manifestazione del Palio dei Normanni che va rilanciato e promosso più di quanto non si sia fatto sino ad oggi, ha affermato.

Mercoledì 8 agosto, alle ore 12:00 a Sala delle Luci, e seguita la cerimonia istituzionale con la conferenza stampa di presentazione del Palio, realizzato a distanza di due anni dal giovanissimo e promettente artista Pietro Rausa, laureando presso l'accademia di Belle Arti di Catania.

In una Sala delle Luci particolarmente gremita, a presenziare all'evento il sindaco Avv. Nino Cammarata, il vicesindaco Dott.ssa Flavia Vagone, gli assessori al Turismo, Ettore Messina, allo Sport, Renzo Amore, al Centro storico, Damiano Gallo, il presidente del Consiglio comunale, Marco Incalcaterra, inoltre la docente dell'Accademia Belle Arti di Catania, Prof. Liliana Nigro, in rappresentanza del vescovo della Diocesi piazzese, mons. Antonino Scarcione, Filippo La Spina per la chiesa Avventista piazzese, il comandante della Compagnia Carabinieri di Piazza Armerina, maggiore Vincenzo Bulla, le suore francescane della chiesa degli Angeli custodi, il coordinatore del Palio Dino Vullo, i presidenti dei quattro quartieri Canali, Salvatore Arena, Casalotto, Aldo Arena, Monte, Filippo Rausa e per la Castellina, Cateno Grancagnolo.

Madrina dell'evento, la nota giornalista Dott.ssa Marta Furnari, che ha presentato Pietro Rausa e il suo drappo del palio. Pietro, l'artista con i suoi ventitre anni, continua a vantare il record, di essere il più giovane talento, ad avere realizzato il drappo del Palio dei Normanni, infatti nel 2016 all'orquando realizzò il Palio su commissione dell'allora amministrazione Miroddi, vantava la giovane età di 21 anni.

Un artista in erba, che quest'anno alla presentazione del Palio è stato sostenuto, se così possiamo affermare, dalla titolata presenza della sua docente di storia del costume, Liliana Nigro.

Agli interventi del Sindaco, dell'assessore Ettore Messina, della docente Liliana Nigro, di mons. Scarcione, è seguito quello di Pietro Rausa che ha descritto il drappo, le tecniche adoperate per la realizzazione dell'opera e il suo significato.

Pietro, ha pure presentato altre opere realizzate artigianalmente che andranno a corredo della manifestazione quali, il "libro" di Goffredo Malaterra, lo storico al seguito del conte Ruggero, la "scimitarra" del saraceno, la "lampada votiva e i quattro ceri" che vengono donati alla Madonna delle Vittorie nel corso della cerimonia della benedizione in Cattedrale. Questi oggetti, ha chiesto Pietro, farebbe piacere che finita la manifestazione trovassero posto all'interno del Museo del Palio.

Inoltre, sono seguiti altri interventi di plauso e ammirazione dell'opera realizzata da parte di Lucio Paternicò, Esmeralda Rizzo e di suor Maria Concetta.

Il Palio verrà consegnato al quartiere vincitore della 63^ edizione del Palio dei Normanni rimanendo di proprietà del quartiere che lo collocherà presso la propria sede; mentre il tradizionale Palio, la copia del Vessillo raffigurante l’icona bizantina della Madonna delle Vittorie, oltre ad essere custodito per l’intero anno nella sede o nella chiesa parrocchiale del quartiere, questi verrà successivamente restituito per essere rimesso "in palio".


























 









Nessun commento: