"Non dubitare che un gruppo di cittadini impegnati e consapevoli possa cambiare il mondo: in effetti è solo così che è sempre andata" (Margaret Mead)

Quello che fai per te stesso morirà con te,quello che fai per gli altri rimarrà per sempre


Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

Palio dei Normanni, 12/13/14 agosto

sabato 22 luglio 2017

I Musici del Nobile Quartiere Monte Mira a Linguaglossa coi i giovani del Rotary


Giovedì 20 luglio, il gruppo musici del nobile quartiere Monte Mira, accompagnato dal presidente emerito del quartiere Filippo Purrazza, ha presenziato a Linguaglossa, un comune in provincia di Catania, ad una iniziativa promossa dal Rotary club, volta a coinvolgere i giovani Rotariani provenienti dall'Italia e da diverse nazioni europee, in un progetto su Federico II di Svevia.

La manifestazione a dato la possibilità a tutti i ragazzi rotariani di partecipare al piccolo corteo che si è snodato per le vie di Linguaglossa, in quanto il nobile quartiere Monte ha messo a disposizione un buon quantitativo di costumi necessari per fare entrare nella "parte" di ambientazione medievale i ragazzi. 

Di seguito alcuni scatti fotografici:






I risultati della 1^ giornata di Prove di Selezione

Di seguito i risultati della 1^ giornata di prove di Selezione per i Quartieri Canali e Monte Mira. Inoltre nella giornata di ieri due cavalieri del Casalotto sono stati autorizzati ad anticipare la prova di selezione.





venerdì 21 luglio 2017

Ricordando Giorgio Boris Giuliano.....


Ricordando Giorgio Boris Giuliano.....

Venerdi' 21 luglio ricorre il 38^ anniversario della morte di Giorgio Boris Giuliano (Piazza Armerina 22.10.1930 - Palermo 21.07.1979) vice Questore - capo della Squadra Mobile di Palermo.

Per non dimenticare gli eroi della Patria, che hanno sacrificato la propria vita nell'azione di contrasto alla mafia, il nobile quartiere Monte Mira nel ricordarlo, chiede di accendere un cero in Sua memoria.







giovedì 20 luglio 2017

Venerdì 21 e Sabato 22 la 1^ giornata di Prove di selezione dei cavalieri giostranti

A conclusione delle visite veterinarie, condotte dal dott. Dario Nisi nei giorni scorsi, Venerdì 21 e Sabato 22 luglio, avrà luogo al Campo sportivo Sant'Ippolito, la prima delle tre giornate di Selezioni Ufficiali.  

Di seguito il Calendario, che rispetto al precedente diramato dal Coordinamento, ha subito dei cambiamenti:

1^ Giornata, ore 18:00   
Venerdì 21 luglio - Monte e Canali,
Sabato 22 luglio - Casalotto e Castellina.
2^ Giornata, ore 18:00
Martedì 25 luglio - Monte e Canali,
Giovedì 27 luglio - Casalotto e Castellina.

3^ Giornata, ore 18:00
Venerdì 28 luglio - Monte e Canali,
Lunedì 31 luglio - Casalotto e Castellina.

Prove Ufficiali
mercoledì 02 agosto ore 18:00 tutti i quartieri.

A tutti i Cavalieri un imbocca al lupo 

lunedì 17 luglio 2017

Al via le Selezioni ufficiali della 62^ Quintana del Saraceno

Parte la complessa macchina delle selezioni dei cavalieri iscritti nei quartieri per la imminente Quintana del Saraceno.
Quest'anno sono previste le tre giornate di selezioni, mentre la giornata di prove libere sarà accorpata alla prima di selezioni. I quartieri accoppiati per le giornate di selezione sono Monte e Canali; Castellina e Casalotto.
In questa prima fase di selezioni, ogni cavaliere gareggerà per se stesso affrontando nelle quattro prove di abilità e destrezza l’effigie del saraceno e la forca dove pende l’anello; i cavalieri che nelle tre giornate effettueranno il maggiore punteggio comporranno il sestetto della squadra che il 14 agosto sfiderà i restanti quartieri per la conquista del Vessillo papale di Maria SS. delle Vittorie.
Il Nobile Quartiere Monte, sempre in testa nella classifica, 
primeggia nell’albo d’oro con 21 vittorie, contro le 20 del Casalotto, le 15 della Castellina e le 5 dei Canali.
Le prove di selezione quest'anno saranno spalmate lungo due settimane per evitare stress ai cavalli e ai cavalieri, in largo anticipo rispetto gli scorsi anni, ed è questo uno degli obbiettivi che fin dall'inizio si era prefissato il nuovo Coordinamento del Palio guidato da Stefano Di Dio, con Massimo Di Seri, Salvatore Arena e Filippo Rausa.
Giovedì pomeriggio 20 luglio alle ore 18,00 al campo Sant’Ippolito con ingresso libero, avrà luogo la prima delle tre giornate di Selezioni ufficiali della 62^ edizione del Palio dei Normanni.
Di seguito il calendario delle giornate:
Visite veterinarie, presso il Campo sportivo Sant'Ippolito     
- Martedì 18 e Mercoledì 19 luglio dalle ore 17,00.
Selezioni Ufficiali, presso il Campo sportivo Sant'Ippolito     

1^ Giornata, ore 18:00   
giovedì 20 luglio - Monte e Canali,
sabato 22 luglio - Casalotto e Castellina,
2^ Giornata, ore 18:00
martedì 25 luglio - Monte e Canali,
giovedì 27 luglio - Casalotto e Castellina,

3^ Giornata, ore 18:00
sabato 29 luglio - Monte e Canali,
lunedì 31 luglio - Casalotto e Castellina.

Prove Ufficiali
mercoledì 02 agosto ore 18:00 tutti i quartieri.

A tutti i Cavalieri un imbocca al lupo e naturalmente Forza magico Monte.

Gli aspiranti cavalieri giostranti degli altri tre quartieri che partecipano al Palio dei Normanni



Il Palio dei Normanni sui nastri di partenza, 49 gli aspiranti cavalieri giostranti che si contenderanno i 6 posti utili per rappresentare i quartieri nella storica competizione della Quintana del Saraceno.

Di seguito i nominativi dei Cavalieri iscritti nei quartieri Castellina, Canali e Casalotto.


CASTELLINA
1. Bonincontro Giuseppe
2. Bonincontro Roberto
3. Bruno Ivan
4. Biondo Enzo
5. baglione Michele
6. Castagna Biagio
7. Giunta Angelo
8. Mistrazzoso Salvatore
9. Parlascino Cristian

CANALI
1. La Rosa Valentino
2. Arancio Giuseppe
3. Avanzato Davide
4. Signorello Salvatore
5. Seggio Salvatore Giuseppe
6. Rizzo Giuseppe 
7. Profeta Cosimo
8. Grillo Gioele
9. Di Seri Dario Costantino
10. Zumia Salvatore
11. Spadaro Salvatore
12. Arena Salvatore
13. Pilotta Vincenzo

CASALOTTO 
1. Abati Moreno
2. Abati Luca
3. Arena Christian
4. Campagna Antonino
5. Campagna Luigi
6. campagna Mario
7. Capizzi Angelo
8. Cuore Giuseppe
9. Gagliano Giuseppe
10. Giarrizzo Filippo
11. La Porta Filippo
12. Parlascino mario Concetto
13. Parlascino Salvatore
14. Paternico' Rosario
15. Salvaggio Concetto
16. Sanalitro Paolo. 


11 i Cavalieri iscritti per il nobile quartiere Monte Mira

Sono 11 i cavalieri iscritti che si contenderanno i sei posti utili per rappresentare il quartiere nel corso della Quintana del Saraceno del 14 agosto.

La 62^ edizione del Palio dei Normanni per il nostro quartiere inizia con un bel 11 che ci auguriamo possa raddoppiarsi e trasformarsi in 22, ovvero, se i nostri cavalieri dovessero conquistare la Vittoria, questa sarebbe la 22^ in assoluto del Nobile Quartiere Monte.

Ma per ora facendo i consueti scongiuri, riportiamo in ordine alfabetico i nomi dei Cavalieri che si fregeranno dei colori giallo/nero il cui emblema araldico è l'aquila.

A tutti i giovani cavalieri un grazie di cuore ed un in bocca al lupo per le imminenti prove di selezione al Sant'Ippolito.

1. Cagno Danilo
2. Cifalù Salvatore
3. Favella Concetto
4. Furiere Salvatore
5. Rizzo Mario
6. Sarda Concetto
7. Spitale Andrea
8. Stivala Calogero 
9. Tagliarino Ambrogio
10. Taglierino Ivan
11. Taglierino Salvatore.

domenica 16 luglio 2017

La Domenica con Gesù, XV del Tempo Ordinario/ A

……… per tutti coloro che desiderano lasciarsi guidare dalla Parola di Dio: un commento per meditare e per prepararsi alla Liturgia della Santa Messa domenicale.

Testi :”La fecondità della parola di Dio” Is 55,10-11 . 
“La creazione geme e soffre nell’ attesa della ricapitolazione in Cristo Risorto” Rm 8,18-23 . “Il seminatore uscì a seminare” Mt 13,1-23.


La pagina del vangelo odierno ci proietta in un ambiente agricolo e ci propone una delle parabole più famose, quella del seminatore. Inoltre, il Signore ci “consegna” anche il significato di essa. Vediamo che Gesù si siede ed insegna, proprio nell’ atteggiamento del maestro, così come aveva fatto nel proporre il discorso della montagna (Cfr. Cap. 5). Egli, attraverso esempi concreti, istruisce, innanzitutto, i suoi discepoli. La prima delle parabole è quella del seminatore. Essa può essere divisa in tre momenti: la parabola in sé stessa; il motivo dei discorsi in parabole e la spiegazione.

-La diversità della ricezione della Parola. In questa parabola, Gesù parla di sé e del suo ministero: egli è il seminatore, che diffonde la parola nel cuore dell’ uomo ed annuncia il Regno. Le varie tipologie di terreno indicano la capacità di ascoltare ed accogliere l’ annuncio. Infatti, il seme è sempre lo stesso, mentre cambia il terreno, cioè il modo con cui l’ annuncio del Regno viene accolto. Ci sono due possibili atteggiamenti: coloro che, per diversi motivi, non lo accolgono e coloro che lo recepiscono e portano frutto, secondo la propria capacità. I motivi, per cui emergono difficoltà nell’ ascolto della parola, sono diversi.

Un primo gruppo di persone riceve l’ annuncio, ma poi il maligno si impadronisce di quello che è rimasto nell'intelletto e non ha raggiunto il cuore (è il seme caduto lungo la strada ed è divorato dagli uccelli).

Il secondo gruppo (raffigurato dal terreno roccioso, dove il seme non mette radici ed è bruciato dal sole) è quello delle persone incostanti, che ricevono con entusiasmo l’annuncio del Regno, ma alla prima difficoltà si scoraggiano, perché l’ annuncio non si è radicato nella loro vita; desistono e abbandonano la fede.

Il terzo gruppo si riferisce al terreno ricco di spine, dove il seme viene soffocato. Esso rappresenta coloro che, presi dalle preoccupazioni di questo mondo, si lasciano sopraffare da esse, a tal punto, da far soffocare il Regno, la cui priorità è scalzata dall'auto realizzazione di sé, attraverso il potere, il denaro e il sesso.

Il quarto gruppo, invece, è costituito da un terreno buono, capace di portare frutto; esso rappresenta coloro che ascoltano la parola, la comprendono e portano frutto, secondo le loro capacità.

-Dio confida nella disponibilità dell’ uomo. Da una parte, quindi, le parole di Gesù indicano la grande responsabilità affidata a ciascuno nell'accogliere e custodire la parola di Dio, dall’ altra, ricordano che il seme venga sparso e gettato nella speranza che il terreno meno buono possa essere bonificato. Dio ci dimostra la sua fiducia, in quanto vi sarà il terreno capace di accogliere il seme e portare frutto. E’ evidente che questa parabola, se pur diretta all’ uditorio presente sul lago di Galilea, venga ora consegnata alla nostra vita. Le tipologie di terreno, indicate da Gesù, noi non possiamo comprenderle in modo assoluto, quasi fossero compartimenti stagno, rigide, ma, nella nostra vita, possiamo trovarci in queste situazioni: le prove, di cui sentiamo il peso, ci impediscono di accogliere la parola di Dio.


Però, è anche vero che facciamo esperienza della bellezza del terreno buono. Sono quei “coriandoli” di paradiso che ci permettono di toccare con mano che cosa significhi accogliere l’ annuncio del Regno e farcene portatori .

Al tempo stesso, la parabola diventa un monito a custodire il dono prezioso, ricevuto nell’ annuncio della parola: le prove e le difficoltà che possiamo incontrare. Il dono della parola ci porta a comprendere, in fine, come ogni uomo sia chiamato ad ascoltare l’ annuncio. Perché nessuno è escluso da questo dono: la parola di Dio.

                                                            Mons. Antonino Scarcione

Palio dei Normanni, accoppiamento dei Quartieri per le prove di selezione


Sabato 15 luglio a mezzogiorno, presso l’ex Chiesa di san Giacomo, centro operativo del Coordinamento del Palio dei Normanni, ha avuto luogo un incontro che ha visto presenti l’Assessore Carmelo Gagliano, i Coordinatori del Palio, Stefano Di Dio, Massimo Di Seri, Salvatore Arena e Filippo Rausa, i quattro capitani o delegati dei Quartieri Aldo Arena, Casalotto; Filippo Purrazza, Monte Mira; Salvatore Zumia, Canali e Cateno Grancagnolo junior Castellina .

Presenti anche alcuni componenti del Coordinamento, Marco Scozzarella, Cateno Grancagnolo senior, Giuseppe Barresi e diversi cavalieri.

Nel corso dell'incontro sono stati relazionati i vari passaggi che il Coordinamento Palio ha effettuato sin ad oggi, tutte attività propedeutiche per l'inizio delle Prove Ufficiali che apriranno ufficialmente la 62^ edizione del Palio dei Normanni, che stante al calendario di marcia, dovrebbero iniziare con le visite veterinarie dei cavalli già la prossima settimana.

In virtù delle iscrizioni dei singoli cavalieri nei rispettivi quartieri, chiusesi con la presentazione della documentazione al protocollo del Municipio, venerdì 14 luglio alle ore 14:00 e che vede il Quartiere Casalotto con 16 aspiranti Cavalieri giostranti; il quartiere Canali con 13 aspiranti Cavalieri giostranti; il quartiere Monte Mira con 11 aspiranti Cavalieri giostranti e infine il Quartiere Castellina con 9 aspiranti Cavalieri giostranti, si è proceduto all'accoppiamento dei Quartieri per le Prove libere, le selezioni e le Prove Ufficiali.

CASALOTTO e CASTELLINA
CANALI e MONTE MIRA.

A conclusione dell'incontro, il brindisi finale benaugurate a congedato tutti.




 



sabato 15 luglio 2017

Vendita gadget del Quartiere

Si avvicina il Palio dei Normanni e con esso nasce da parte dei soci quartieranti la richiesta di gadget, dall'adesivo, alla t-shirt, dalla polo, al foulard.
Quest'anno il governo del quartiere ha pensato bene di realizzare oltre alle classiche polo con stemma araldico, delle bellissime cravatte con il logo ricamato e inoltre gli scudetti in stoffa ricamati a colori con magnete.
Il tutto in vendita nella sede del quartiere, il cui ricavato tolte le spese di realizzazione dei manufatti, andrà a sostenere le attività che nel corso dell'anno si svolgono.
La sede è aperta tutti i giorni dalle 18:00 alle 20:00; per maggiori informazioni contattate i seguenti numeri: 338.8397598 Filippo Rausa - 3471337404 Totuccio Oliva.

Di seguito gli articoli in vendita:
Cravatta colore giallo con stemma araldico ricamato € 15,00;

Polo manica corta, colore giallo, con stemma araldico stampato a colori € 10,00;

Foulard di stoffa con stemma araldico stampato a colori € 10,00;

Foulard di raso con stemma araldico stampato nero € 5,00;

Scudetto in stoffa ricamato a colori con magnete € 8,00;

T-shirt colore giallo o nero con stemma araldico stilizzato stampato € 10,00; 

Magliette bambini con con stemma araldico stampato € 3,00;

Capellini colore giallo con con stemma araldico stampato € 3,00;

Felpa invernale (pile) colore giallo, con scritta nome quartiere € 15,00

Adesivo a colori € 0,50;

Di seguito alcune immagini degli articoli:







In anteprima, un bozzetto del manifesto del Palio dei Normanni 2017 - LXII EDIZIONE


venerdì 14 luglio 2017

Battesimo di Quartiere 6^ edizione, Domenica 30 luglio 2017, ore 18:00 - piazza Castello.

Ormai prossimi all'evento paliesco il governo del nobile quartiere Monte Mira tra le attività propedeutiche al Palio dei Normanni, anche quest'anno riproporrà il “Battesimo di Quartiere”, sesta edizione, istituito con apposito regolamento nel 2012.

Un battesimo laico, che ha lo scopo di "sacralizzare" l'appartenenza perpetua al proprio Quartiere, il “Battesimo di Quartiere” avrà luogo anche quest'anno in piazza Castello, nel grande androne di palazzo Roccazzella. 

In effetti, in questi anni ci siamo sempre posti il problema, ma Quartierante si nasce, oppure si diventa?. 
 
Quando si pensa al Quartiere immediatamente si parla della sua storia, dei suoi luoghi, della sua gente, delle vicende di ognuno che si confondono in quelle di tutti, ai Palii persi e all'ultimo vinto, dando per scontato di appartenere ad uno dei quattro quartieri storici cittadini.

Negli ultimi decenni i Quartieri con i suoi Comitati legalmente costituiti con Statuto, hanno ulteriormente alimentato lo spirito di appartenenza, infatti oltre all'impegno alle attività che non mancano nel corso dell’anno, la vita dei Quartieri ha raggiunto il suo apice nei mesi estivi con il Palio dei Normanni e la sua Quintana, dando maggiore consistenza al “fenomeno” di appartenenza. 

E’ Quartierante chi nasce nel territorio del quartiere, un po’ come la nazionalità: per cui non è una scelta, ma un dovere ed un diritto, che dura per tutta la vita, anche nel caso in cui cambia casa e si trasferisce nel territorio di un altro quartiere.

Ma quartierante si può anche diventare: chi abita al di fuori dei confini od in un'altra città, può scegliere per simpatia un Quartiere, e partecipare alla sua vita. 

Siena che con le sue Contrade ha fatto scuola, negli anni ’40/50 a seguito di un acuta osservazione sullo spostamento delle famiglie dall'interno dei rioni all'esterno delle mura di città dove si iniziavano a costruire case migliori (un po’ come è successo negli ultimi trent’anni a Piazza), pensò di istituire il battesimo di Contrada per evitare di far smarrire il forte legame del contradaiolo con la contrada, perdendo quel senso di appartenenza al territorio che invece è base dell'istituzione Contrada e del Palio senese.

Detto ciò è facile dedurre lo spirito con il quale il Consiglio direttivo del nobile quartiere Monte Mira, nell'anno 2012 ha istituito con un proprio regolamento il “Battesimo di Quartiere”, legare con un cerimoniale, misto tra sacro e profano, l’appartenenza al Quartiere.

Il quartiere Monte Mira è tra i quartieri che ha subito più pesantemente il fenomeno della migrazione di quartieranti nelle nuove zone residenziali, quartieranti che sentimentalmente sono rimasti legati al quartiere perché in esso vi hanno trascorso e vissuto parte della loro vita.

Ed è anche a loro, quelli che non nascono e non crescono più nel quartiere che si guarda; tutti, a qualsiasi età, potranno essere protagonisti del “Battesimo di quartiere”: potrà essere impartito ai bambini/e (quale dono fatto al figlio dal genitore), ai ragazzi/e egli adulti quale loro libera scelta.

Per quest'anno, la data stabilita per la cerimonia è Domenica 30 luglio, il tutto alla presenza di alfiere e tamburi, tra il rullo dei tamburi e lo sventolio festoso delle bandiere, il Presidente in qualità di massima autorità e rappresentante del popolo, battezzerà "quartierante a vita", usando l'acqua.

In ricordo verrà consegnato al quartierante una pergamena e il fazzoletto, con i colori del quartiere, giallo listato di nero e bianco, con stampato o ricamato lo stemma araldico, l’aquila; il fazzoletto andrà poi indossato legandolo al collo.

                                                                           

Un sogno che diventa realtà. Martedì 18 luglio la gara per l’assegnazione dei lavori del campetto polivalente nel cortile esterno della scuola “Trinità”.



Martedì 18 Luglio avrà luogo la gara per l’assegnazione dei lavori del Campetto polivalente presso il cortile esterno della scuola “Trinità”.

Il Vice Sindaco Giuseppe Mattia dichiara: “ E’ questo un progetto, finanziato dal Credito Sportivo, senza alcun interesse sulla somma elargita di 150 mila euro, fortemente voluto da questa Amministrazione per attenzionare il nobile quartiere Monte Mira.

Da anni, continua Mattia, “ il Comitato del Nobile Quartiere Monte Mira che rappresenta i cittadini che vi risiedono chiedeva un impianto sportivo, inesistente nella zona, richiesta che puntualmente è stata ignorata e disattesa da tutte le Amministrazioni precedenti a quella Miroddi.

Già nel 2012, il 13 aprile, il Comitato di quartiere per voce del suo presidente Filippo Rausa aveva avanzato all'Amministrazione comunale Nigrelli, l’idea di realizzare un campetto da gioco nel quartiere, proponendo il grande cortile esterno della scuola Trinità.

A detta richiesta era seguito un timidissimo impegno di spesa, uno spot elettorale, di € 2.500,00 per l’acquisto di attrezzature ludico sportive da installare presso il cortile scolastico “Trinità”, ma che di fatto non vennero mai acquistate perché le somme furono stornate per il completamento dei campetti da tennis di contrada Bellia.

Incontenibile la gioia del presidente Filippo Rausa, le sue parole cariche di soddisfazione la dicono lunga sul risultato ottenuto, "questi sono i risultati che portiamo a casa, le nostre proposte che si concretizzano sono vera e viva testimonianza dell'impegno di un gruppo di uomini e donne che da anni sono al servizio del quartiere".

Un grazie di cuore va al Sindaco Miroddi, al vice Sindaco Giuseppe Mattia, che fin dall'inizio hanno creduto sulla bontà del progetto; nonchè alla Consigliera comunale del territorio Laura Saffila, che dice: faremo felici centinaia di ragazzi, che fino a ieri erano costretti a giocare per strada, nelle piazze o a spostarsi in altre zone della città.

La maggiore oculatezza di questa Amministrazione nel reperire somme per investirle la dove è reale l'aspettativa dei cittadini, nel nostro caso l'antico quartiere Monte, ha finalmente posto fine a una ventennale storia di richieste alle Amministrazioni che si sono succedute, richieste sempre disattese, afferma il presidente Filippo Rausa, paradossalmente nascere o vivere nel quartiere Monte è stato un handicap, poiché pur in presenza di richieste e proposte in tal senso, mai nessuno nel concreto ha voluto attenzionare la proposta di realizzare una struttura sportiva per fare giocare in tutta sicurezza i ragazzi, che nel frattempo hanno "sfogato" il loro bisogno di gioco facendo attività sportiva nelle medievali vie e piazze del quartiere, con tutti i problemi connessi.    

Se penso ancora, continua Filippo Rausa, che questa nostra proposta, da qualche tirapiedi o solone della politica veniva quasi, quasi usata per irriderci, o ancora, i soliti imbecilli che attraverso internet sono solo capaci a criticare, poiché sostenitori della tesi dell'impossibilità di realizzazione dell'impianto in centro storico; il progetto chiavi in mano è la più grande risposta a questi incapaci faccendieri della politica e a tutta quella gentaglia che solo per un fatto di rivalsa alle loro incapacità, hanno cercato e cercano di sminuire l'operato degli altri.

Sono certo, conclude Filippo Rausa, che la realizzazione del campo polivalente dove si potrà giocare a Pallacanestro, Pallavolo e Calcetto, farà si che questa struttura diventi un punto di riferimento importante non solo per la scuola, ma anche per tanti ragazzi del quartiere, per i giovani sportivi e le associazioni in genere.

I lavori come detto prevedono il recupero del cortile interno con la realizzazione di un campo polivalente (Pallacanestro, Pallavolo e Calcetto) di dimensioni non regolamentari ad uso scolastico e quindi non agonistico, munito di spogliatoi e bagni per uomini, donne ed anche per portatori di Handicap.

Per facilitarne la fruizione, la struttura sportiva avrà due entrate una dalla scuola Trinità ed una dalla Via Mons. Brunaccini in modo da garantirne l’ingresso in essa alle Associazioni Sportive anche nelle ore extrascolastiche.

Giuseppe Mattia e Laura Saffila
Il progetto prevede inoltre una copertura in Tensostruttura (Copertura in tela) che permetterà le attività sportive anche nelle giornate di brutto tempo.

E’ bello, prosegue e conclude Mattia, “poter annunciare che ancora una volta la gara sarà riservata alle ditte iscritte al nostro Albo Comunale il che vuol dire poter dare una boccata di ossigeno all'economia locale e lavoro a tanti nostri concittadini”.

“E’ poco se paragonato alla crisi economica generale ma mi rincuora sentir dire dalle ditte che mai tanti lavori pubblici sono stati fatti da un Amministrazione in una solo mandato, ovvero 32 progetti tra quelli già realizzati e quelli in itinere senza tener conto di quelli di manutenzione ordinaria e straordinaria fatti a carico del bilancio.

                                                                                      Totò Conti

sabato 8 luglio 2017

La Domenica con Gesù, XIV del Tempo Ordinario/ A

……… per tutti coloro che desiderano lasciarsi guidare dalla Parola di Dio: un commento per meditare e per prepararsi alla Liturgia della Santa Messa domenicale.

Testi: “Ecco viene il re umile e giusto” Zz 9,9 - 19.
“Lo Spirito libera dalla schiavitù della carne” Rm 8,9.11-13 . 
“Il Signore ha rivelato ai piccoli il suo Regno” Mt 11,25-30.

Una breve riflessione, attraverso le intuizioni del biblista, E.Ronchi. Vediamo che Gesù, contestato e rifiutato da una generazione, che egli stesso definisce di “bambini”, ha un sussulto di stupore e afferma: “Padre, ho capito e ti rendo lode”. Attorno a Gesù sembrava che si fosse fatto il vuoto. Si erano allontanati i grandi, i sapienti, gli scribi e i sacerdoti. Ma notiamo che il posto lo prendono i piccoli: poveri, malati, vedove e bambini, i preferiti da Dio.

Padre, tu hai parlato a loro e loro ti hanno capito. Proprio i piccoli sono le “colonne” della storia. 
I poveri, e non i potenti, sono la “struttura portante”, nascosta, del mondo. Gesù vede e comprende la logica di Dio, la sua tenerezza inizia dagli ultimi, dai “bastonati” della vita. Dio sta a fianco dei piccoli, porta il pane dell’ amore, di cui ha bisogno ogni cuore stanco. L’ uomo ha estremo bisogno di un segno d’ affetto; esso è la vera lingua universale. 

Gesù, che si stupisce di Dio: ecco una bellissima meraviglia, che lo invade, mentre le sue parole passano “dal lamento alla danza”. Ma, poi, Gesù fa un ulteriore passo e dice: “Venite a me, voi tutti che siete stanchi e oppressi, e io vi darò ristoro; non un nuovo sistema di pensiero, quindi, non una morale migliore, ma il ristoro, il conforto esistenziale. Anche per noi, nominare Cristo, deve equivalere a “confortare l’ uomo”. Le prediche, i tanti incontri devono diventare racconti di speranza.

Altrimenti, sono parole e gesti, che non vengono da lui, sono, casomai, la tomba della domanda dell’ uomo e della risposta di Dio.

Imparate da me. Andare da Gesù, vuol dire andare a scuola di vita. Il maestro è il cuore. Se ascolti il cuore, farai lezione ai sapienti e agli intelligenti ! Il mio giogo è dolce e il mio peso è leggero: il giogo, nella Bibbia, indica la Legge. Ora la legge di Gesù è l’ amore. Prendete su di voi l’ amore, che è un re leggero, un “tiranno” amabile, che non colpisce ciò che è al cuore dell’ uomo, non vieta ciò che all’ uomo dà gioia e vita. Se ci chiediamo, cosa sia l’ amore ? L’ amore è come l’ ossigeno per i polmoni.

                                                               Mons. Antonino Scarcione