"Non dubitare che un gruppo di cittadini impegnati e consapevoli possa cambiare il mondo: in effetti è solo così che è sempre andata" (Margaret Mead)

Quello che fai per te stesso morirà con te,quello che fai per gli altri rimarrà per sempre


.

.
Per il secondo anno consecutivo rivinciamo il Palio, l’entusiasmo che vive il Quartiere nel corso dell’anno nelle tante iniziative che il Comitato realizza, ancora una volta viene premiato con la vittoria dell’evento più importante che la Città vive, il Palio dei Normanni.

News Armerine

Loading...

venerdì 18 aprile 2014

Venerdì 18 e Sabato 19 aprile, possibili disagi alla rete idrica

Riceviamo e Pubblichiamo


Il Sindaco rende noto di essere stato informato dalla Società AcquaEnna che ha seguito di interventi tecnici dell’ENEL eseguiti nella giornata di Venerdì 18 aprile in contrada Bellia, la Società AcquaEnna non potrà garantire la normale distribuzione idrica cittadina per le giornate di Venerdì 18  e Sabato 19 aprile 2014. 

VENERDI' SANTO

Come da secolare tradizione Venerdì alle ore 19,00 dalla chiesa Collegiata del Santissimo Crocifisso, avrà luogo la solenne Processione del simulacro del Crocefisso per le vie cittadine, un avvenimento solenne che esprime lo spirito religioso della comunità cittadina che anno dopo anno, rinnova una antica tradizione che si tramandandosi di generazione in generazione..........


Gesù, dalla Croce grida al mondo la sua sofferenza per i chiodi che lacerano la sua carne, simboli della sua condizione di tradito, di esule, di emarginato, di ramingo, di rifiutato.
Riporto in analogia il commento a una poesia di mons. Fulton Y. Sheen, intitolata; C’è un uomo inchiodato sulla Croce:
“Ero uscito di casa per saziarmi di sole! quando nel silenzio, mi colpì un pianto, vidi un uomo inchiodato sulla Croce.
Cercai di togliere i chiodi dai suoi polsi, ma Egli mi disse di lasciarli dove erano perchè sarebbe sceso soltanto quando tutti gli uomini si sarebbero uniti.
Gli chiesi cosa potessi fare per lui.
Ed Egli mi rispose di andare per tutto il mondo e di dire a tutti: C’è un uomo inchiodato sulla Croce.
Il suo grido è un richiamo alla benevolenza e all'amore, un monito, un invito a rileggere la storia dell’uomo, perché nulla si ripeta degli errori del passato, perché prevalga in tutti il sentimento di fraternità, atto a schiodare Cristo dalla Croce.
I morti di ieri, i morti di oggi, i morti di ogni paese, vittime dell’irrazionalità umana, sono ombre che nessun tempo potrà mai cancellare ma che possono indurci a riflettere per deporre il fardello dell'indifferenza.
Il senso dell’uomo è nell’ospitalità del suo essere.”
                                                                                                    
                                                                                                      Filippo Rausa

Indulgenza Plenaria

ORDO EQUESTRIS SANCTI SEPULCRI HIEROSOLYMITANI

DELEGAZIONE  DI  PIAZZA ARMERINA

        CAMMINO PENITENZIALE DEL 
VENERDI’ SANTO
CELEBRAZIONE STAZIONALE DEI SETTE SALMI
DALLA CHIESA DI SAN PIETRO AL 
GRAN PRIORATO DI SANT’ANDREA
INDULGENZA PLENARIA

PIAZZA ARMERINA 18 APRILE 2014

La celebrazione, presieduta da S.E. Mons. Rosario Gisana, Vescovo di Piazza Armerina, avrà inizio alle ore 9.00 nella Chiesa di San Pietro dalla quale ci si avvierà al Gran Priorato di Sant’Andrea.

“La nostra chiesa di S. Andrea, protopriorato dell’Ordine e grancia del S. Sepolcro di Gerusalemme gode degli stessi privilegi della Casa Madre sita a Gerusalemme.

I fedeli che visiteranno la chiesa di S. Andrea nel giorno del venerdì Santo otterranno le indulgenze che sono nella Casa Madre e Santo Sepolcro di Gerusalemme purché confessati e comunicati”.

La Chiesa di S. Andrea sarà aperta ai pellegrini dalle ore 8.30 alle ore 12.00. I Sacerdoti dell’ Ordine saranno a disposizione per le confessioni.
                                                     
                                                       

    IL CAPPELLANO PARROCO                                                               IL DELEGATO
       Cav. Rev. Salvatore Giuliana                                                       Gr. Uff. Dott. Michele Trigona


giovedì 17 aprile 2014

Giovedì Santo, le foto

Di seguito proponiamo alcune fotografie del Giovedì Santo con la "lavanda dei piedi" nella Basilica Cattedrale a cui hanno partecipato diversi componenti del direttivo del Comitato di quartiere, per proseguire con gli "altari della reposizione" realizzati nella Basilica Cattedrale, nella chiesa Collegiata del Crocifisso, nella chiesa Angeli Custodi, dal gruppo interparrocchiale Giovani Orizzonti a San Giovanni. 







 
                       CATTEDRALE                                   SAN GIOVANNI (Giovani Orizzonti)

                    ANGELI CUSTODI                                 COLLEGIATA SS. CROCIFISSO

I Disabili: Anagrafe Accessibile – Chiese No - Appello al Vescovo

Riceviamo e Pubblichiamo

Lo avevamo chiesto da tanto tempo e avevamo ricevuto solo promesse, ma dopo l’incontro del 3 marzo u.s. avvenuto nella sala delle luci tra amministrazione Miroddi e i disabili rappresentati da AIAS – ASMS e AGEDI. finalmente i primi segnali positivi, l’assessore Pippo Oliveri ci comunica che l’ufficio anagrafe e il settore servici sociali posti al primo piano di via Generale Muscarà, 2, seppur con un sistema citofonico, possano essere utilizzati anche dai disabili con problemi motori, da anziani e da mamme con il passeggino.  Oggi i disabili armerini hanno voluto verificare l’accessibilità e l’efficienza del servizio offerto. Alcuni su sedia a rotelle, dopo aver superato con difficoltà gli ostacoli esistenti nelle vie della città, raggiunto il citofono posto all’ingresso di via Generale Muscarà, 2, hanno effettuato la chiamata e con tempestività si è portato nell’atrio un’operatrice dei servizi sociali che ha soddisfatto la richiesta di Marinella e Salvatore, due disabili costretti a vivere su sedia a rotelle.  Servizio giudicato accessibile ed efficiente. L’installazione del sistema citofonico in tempi brevi è certamente un segnale positivo che ci fa ben sperare per il futuro delle persone disabili ed è proprio l’assessore Oliveri a informarci che anche per il palazzo di Atrio Fundrò è in atto la progettazione di un ascensore che consentirà ai disabili di raggiungere la sala delle luci, che è l’ufficio del sindaco, e l’ufficio informazione posto nello stesso palazzo. Nella riunione del 3 marzo si parlò anche della sistemazione degli stalli riservati alle persone con disabilità, della loro occupazione abusiva e di possibile soluzioni per combatterne il fenomeno. (Rimozione forzata o ganasce). A tal proposito, in questi giorni, abbiamo ricevuto comunicazione dall’assessore Sammarco che con il Comandante della polizia municipale Gabrieli, è stato fatto un sopralluogo al fine di predisporre un piano operativo per la sistemazione degli stalli e per combattere l’occupazione abusiva e che a breve saranno visibili segnali positivi. “Noi li attendiamo con ansia”. Infine, dice Lorenzo Naso, presidente sezione AIAS Armerina, a proposito di barriere architettoniche voglio ricordare che da un recentissimo censimento, effettuato dai volontari dell’aias, sull’accessibilità degli uffici pubblici e privati aperti al pubblico è emerso che nella nostra città la maggior parte degli uffici comunali sono inaccessibili e purtroppo anche quasi tutte le chiese dove, di fatto, è impedito l’ingresso ai disabili con problemi motori, quindi facciamo appello al vescovo Mons. Rosario Gisana, che speriamo di poter incontrare al più preso, di intervenire per risolvere l’annoso problema.  


Piazza Armerina, 17 aprile 2014                               AIAS-AGEDI- ASMS          

Giovedì Santo, gli appuntamenti liturgici in Cattedrale


Il calendario delle Liturgie Quaresimali e Pasquali di oggi presiedute da Sua Ecc. Mons. Rosario Gisana

Ore 10,00 – S. Messa, , per la benedizione degli Oli Santi e concelebrazione dei Sacerdoti della          Diocesi

Ore 17,30 – Liturgia della “Cena del Signore” “Lavanda dei Piedi” e Reposizione del SS. mo Sacramento
Alla Lavanda dei Piedi, come da decennale consuetudine partecipano i componenti del Consiglio del quartiere Monte

Ore 22,00 – Adorazione Comunitaria

La lettera del sig. Filippo Storia, decano dei Lamentatori del SS. Crocifisso

                                                                                  
Filippo Storia premiato dal Consiglio del
comitato nobile quartiere Monte, il 01/06/2013
Siamo ormai prossimi alla Santa Pasqua e con essa a tutti gli eventi collaterali alle solenni ricorrenze religiose, ricorrenze che nella nostra antica Città si tramandano nella tradizione da padre in figlio, come i Lamenti, le litanie verso il SS. Crocifisso.

Di seguito riportiamo la toccante lettera del sig. Filippo Storia, decano dei Lamentatori del SS. Crocifisso di Piazza Armerina, trasmessa qualche mese fa alla comunità del SS. Crocifisso nella quale comunica le proprie dimissioni, per motivi di salute, dalla Associazione Lamentatori.

"Lo scrivente da oltre 75 anni con onore e devozione verso il SS. Crocifisso, sin da ragazzo seguendo la tradizione del proprio papà Salvatore e di quanti hanno tramandato alle generazioni future il lamento, della Morte e Passione di Gesù Cristo, nella lingua dialettale piazzese, il gallo-italico, si è adoperato con quella passione ed amore che nel corso della mia vita mi ha contraddistinto.

Ricordo ancora quanti amici, ormai scomparsi, hanno dato il loro contributo ad una così importante tradizione dei lamenti di Piazza Armerina; vorrei citarli tutti, anche se ognuno di voi per affinità familiari o di conoscenza li ricordate, tutti  innamorati come me del canto che nei tristi giorni della Passione di Gesù Cristo, decantavamo per le strade della nostra città.

Ringrazio quanti nel corso della mia vita mi sono stati accanto, nella buona e nella cattiva sorte, non finirò mai di ringraziare il Signore per il dono che mi ha dato, certo che quando Egli mi chiamerà, certamente continuerò ad essere la sua voce anche in paradiso.

Ringrazio i componenti dell’Associazione Lamentatori del SS. Crocifisso per il lavoro prodotto nel corso di questi anni, che ci ha visti protagonisti in tante belle ed interessanti iniziative, detto ciò, per motivi legati alla mia età e salute rassegno le dimissioni dal gruppo, certo e nella consapevolezza che i colleghi continueranno a portare avanti, sempre e meglio questa antica tradizione che caratterizza la nostra Città e la Festa del Venerdì Santo a Piazza Armerina.   

Mi sia consentito, quale Decano dei Lamentatori del SS. Crocifisso di concludere citando un importante aforisma, quale stimolo per i giovani componenti dell’Associazione  “Una generazione che ignora la storia non ha passato... né futuro”, con queste parole vi ringrazio e augurando buon lavoro porge distinti saluti."

                                                                                  Filippo Storia

105 anni Auguri nonna Maria

Una delegazione di Giovani Orizzonti incontra il Vescovo

Filippo Magro, il Vescovo Rosario Gisana, Pietro Rausa, Davide Campione
Questo pomeriggio una delegazione dell' Oratorio Giovani Orizzonti, guidata da Davide Campione, Pietro Rausa e Filippo Magro, ha incontrato il neo Vescovo mons. Rosario Gisana.
Nell'occasione della visita Davide Campione ha invitato Sua Eccellenza alla Rappresentazione della Passione-Morte e Resurrezione di Gesù, che avrà luogo sabato 19 alle ore 19:00 presso la Chiesa Santa Maria della Neve di piazza Castello.

Il Vescovo accogliendo l’invito, ha confermata la sua presenza alla Rappresentazione.

mercoledì 16 aprile 2014

La via Crucis di Giovani Orizzonti

Stasera presso piazza Castello nelle vicinanze dell' Oratorio Giovani Orizzonti si è svolta la VIA CRUCIS organizzata dagli animatori dei Giovani Orizzonti... Grande clima di preghiera e riflessione...




Nonna Maria Oliva spegne le 105 candeline







Un giorno di festa oggi per nonna Maria che ha visto riunita tutta la famiglia, figli, nipoti, pronipoti, numerosi parenti, il Comitato di Quartiere, l'Amministrazione comunale e tanti amici.
Maria Oliva, la nonnina del Monte, è stata calorosamente festeggiata per aver tagliato il traguardo dei 105 anni di vita, migliorando ancora una volta il suo già invidiabile record di longevità.

Per l'occasione il Sindaco Filippo Miroddi e ben quattro consiglieri comunali, Laura Saffila, Ivana Terranova, Francesco Alberghina, Andrea Velardita si sono recati nell'abitazione della nonnina ultra centenaria per fare gli auguri e consegnare una targa ricordo che segna un evento, ha detto il Sindaco, poichè grazie ai 105 anni di nonna Maria di fatto si consegna alla storia Piazzese come la cittadina più longeva.

Festa anche per il Comitato di Quartiere Monte, che sulla linea dei festeggiamenti ai centenari si è recata, presidente Filippo Rausa in testa, con Tony Amato, Tottuccio Oliva, Valeria Aloi e Francesco Di Bartolo a casa di nonna Maria per testimoniarle tutto l'affetto del quartiere e consegnarle una pergamena. Ciò che ha colpito tutti è che nonna Maria e piena di vitalità e gioia di vivere. Con i migliori auguri.





 



105 anni, Auguri alla nonna del Monte

Grande festa per la nonna del Monte, la signora 
MARIA OLIVA 
compie oggi il suo 
105 compleanno.

A festeggiarla questo pomeriggio oltre ai figli e parenti, il Comitato di Quartiere e una delegazione dell'Amministrazione Comunale con il sindaco Filippo Miroddi, il Consigliere comunale Laura Saffila, che ha fatto da gancio all'iniziativa.

Quello di nonna Maria ha detto il sindaco è un traguardo importante che merita di essere festeggiato, in quanto dovrebbe essere la cittadina in assoluto più longeva.
Il Sindaco porterà in dono a nonna Maria la torta ed una targa per ricordare l'evento.

Le foto dell'evento nel prossimo servizio.

martedì 15 aprile 2014

La croce di Cristo al castello Aragonese


Anche quest’anno, per il quarto anno consecutivo, il comitato di quartiere ha deciso di collocare nel giardino esterno del castello Aragonese (visibile da via Floresta, piazza Castello), "la Croce" simbolo sacro e importante dei cristiani nel mondo.

La croce è il simbolo cristiano più diffuso e riconosciuto in tutto il mondo, è una rappresentazione stilizzata dello strumento usato dai romani per la tortura e l'esecuzione capitale tramite crocifissione, il supplizio che secondo i vangeli e la tradizione cristiana è stato inflitto a Gesù Cristo.

Abbiamo voluto con questo segno rendere partecipi tutti i quartieranti, i cittadini, affinchè la visione delle croci poste in un luogo diverso dalla Chiesa, ci ricordi sempre che per noi cristiani la croce costituisce:
• un ricordo della passione, morte e risurrezione di Gesù;
• un monito dell'invito evangelico ad imitare Gesù in tutto e per tutto, accettando pazientemente anche la sofferenza.

La collocazione nel pomeriggio del 15 aprile
Poiché per noi cristiani la crocifissione e la risurrezione sono inseparabili, la croce è principalmente un simbolo di speranza e un monito, affinché l'uomo si redimi, la comunità di Piazza Armerina si fermi per perdonare il suo prossimo, ed insieme costruire un futuro migliore. 

                                           Filippo Rausa

lunedì 14 aprile 2014

Aspettando la Pasqua, le iniziative dell'Oratorio Giovani Orizzonti



MERCOLEDÌ 16 aprile ore 19:15
via Crucis per le vie intorno l' Istituto Suore della Sacra Famiglia, con partenza dalla Chiesa Santa Maria della Neve di piazza Castello...
ore 19:45 sosta presso la Croce realizzata in piazza Castello dal Comitato nobile quartiere Monte..
SABATO 19 aprile ore 19:00
presso l'Istituito " Neve"
SACRA RAPPRESENTAZIONE della passione-morte e Resurrezione di Gesù a cura dei Giovani Orizzonti...

L'Aforisma della Settimana


Auguri di Buon Compleanno


Lunedì 14 aprile, Sua Eccellenza il neo Vescovo di Piazza Armerina Mons. Rosario Gisana, celebrerà il Suo 55 compleanno.
La Presidenza ed il Consiglio Direttivo porgono un Augurio particolare e di Cuore a Sua Eccellenza; certi che la Sua opera costante ed instancabile di Apostolato, il Suo carisma, la Sua grande capacità di comunicazione sono doni immensi per noi. 
Nel ritenere la città di Piazza Armerina e la Diocesi molto fortunata, ad averLa come pastore, con sincero affetto Le auguriamo ogni bene.

                         Il Presidente, Filippo Rausa


Weekend Medievali, di scena il nobile quartiere Monte

Sabato ha avuto luogo la seconda tappa di “week end medievali” con il coinvolgimento e la partecipazione del nobile quartiere Monte.

La presenza di diversi tour operator, turisti e visitatori per fare scoprire loro la medioevalità di Piazza Armerina con l’itinerario dei Cavalieri curato dalla Domus Artis, alla scoperta delle chiese dell’anno 1000 presenti in città, Commenda dei Cavalieri di Malta, chiesa del Carmine, già dei Templari, Gran Priorato di Sant’Andrea.


La partecipazione in abiti storici di oltre quindici figuranti, uomini e donne del nobile quartiere Monte e del cavaliere del Palio, Filippo Diana, ha permesso di potere realizzare il cosiddetto “turismo emozionale” far vivere alla gente ciò che si vuole comunicare.

I figuranti del quartiere Monte hanno rappresentato dei momenti scenici con l’interpretazione e l’accoglienza dei visitatori nei tre monumenti medievali, infine l’accoglienza nel quartiere in piazza Castello e nella sede di via Vittorio Emanuele tra cimeli, trofei ed i palii vinti dal quartiere nel Palio dei Normanni.


Il presidente Filippo Rausa ha sapientemente intrattenuto i visitatori descrivendo la storia del quartiere e le peculiarità che grazie al Palio dei Normanni rendono Piazza Armerina una città unica nel suo genere nel meridione d’Italia, poiché i quattro quartieri storici rappresentano una porzione di città con il suo popolo, i quartieranti, e con esso il sentimento di appartenenza che contraddistingue tutte le attività che si svolgono in città.



Presente per l’occasione il decano dei poeti piazzesi, il quartierante Pino Testa, che ha salutato i convenuti con due bellissime poesie dialettali, in lingua gallo-italica tratte dalla sua opera poetica.

Infine a tutti i partecipanti è stata offerta una degustazione di prodotti tipici locali.

La serata si è conclusa con la cena in stile medievale presso il chiostro di sant’Anna sito nel quartiere Monte.   



L’iniziativa ha coinvolto tutto il Consiglio del comitato di quartiere, ognuno per la propria parte ha contribuito alla realizzazione dell’evento che ci vedeva protagonisti dell’iniziativa. 

Naturalmente un ringraziamento particolare va a coloro che in abito storico hanno rappresentato al meglio il quartiere: Dorothea Tornetta, Maria Pecora, Maria Oliva, Laura Saffila, Cinzia Gallo, Palmina Randazzo, Francesco Di Bartolo, Filippo Diana, Manuel Rausa, Filippo Perla, Christian Rizzo, Pietro Rausa, Giuseppe Panno, Michele Favella, Giuseppe Larganà. 

                                                                                                     Monia Bandiera